Il Governo invece di far ripartire l’economia l’affossa con il Sistri

Sconcertante. Così i responsabili di Rete Imprese Italia hanno definito la decisione del ministro per l’Ambiente Corrado Clini di riavviare il Sistri, il sistema integrato di controllo della tracciabilità dei rifiuti voluto dallo stesso ministero dell’Ambiente e finito al centro di un’inchiesta della Guardia di Finanza che nei giorni scorsi ha visto scattare 22 provvedimenti di custodia cautelare per altrettante persone sospettate d’essere coinvolte  in una serie di irregolarità negli appalti per la realizzazione del sistema e indagate, a vario titolo, per associazione a delinquere finalizzata all’emissione e all’utilizzazione di fatture false, corruzione, truffa aggravata, riciclaggio, favoreggiamento e occultamento di scritture contabili.  L’indagine ha anche portato al sequestro di oltre 10 milioni di euro. Sette sono stati bloccati alla Selex, la società a cui è stata affidata la realizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti. Continua a leggere

Futuro del traffico e della circolazione: se ne parla a Roma il 28 novembre

“Una mobilità smart per una città smart: Innovare la politica dei trasporti per rinnovare le città”. Sarà questo il tema della 67ª Conferenza del Traffico e della Circolazione, l’appuntamento scientifico italiano di maggior rilievo tra quelli dedicati alle tematiche della mobilità, organizzato dall’Aci per mercoledì 28 novembre a Roma.  Continua a leggere

Uggè: “Più merci trasportate su rotaia? Belle parole ma adesso aspettiamo i fatti”

“Siamo pronti a sottoscrivere il patto che il ministro dell’Ambiente Corrado Clini e l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti  hanno sottoscritto per spostare più merci su rotaia”. È questo il commento del vice presidente di Confcommercio e presidente di Conftrasporto Paolo Uggè alla notizia della sigla, avvenuta ad Assisi nell’ambito del meeting internazionale “Mobilità sostenibile per la cura e la salvaguardia del creato”, di un accordo d’intenti, definito un vero e proprio “patto per l’ambiente”, che ha per  l’obiettivo di aumentare la percentuale di merci trasportate su rotaia. Continua a leggere

Sistri, che confusione: gli autotrasportatori devono pagare entro il 30 novembre?

“Nella Gazzetta ufficiale numero 196 del 23 agosto 2012 è stato pubblicato il decreto ministeriale 25 maggio 2012  che ha per oggetto modifiche e integrazioni  alla disciplina del Sistri, il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Un decreto che  può costituire un elemento di forte confusione  per tutti gli operatori e le imprese coinvolte con la gestione dei rifiuti, primi fra tutti i  trasportatori di questi per conto di terzi, a cui una legge dello Stato ha già detto che il  sistema è sospeso fino al compimento delle verifiche necessarie a testarne il funzionamento:  il decreto è infatti contrario a norma di legge nella parte in cui impone alle  imprese di pagare un contributo per la scadenza del 30 novembre 2012, quando la legge 134/2012 approvata dal Parlamento stabilisce che detto contributo è sospeso”. Continua a leggere

Clini: “Utile tassare le auto che inquinano di più. Così si favorirebbe il settore”

Non bastano gli incentivi. Per rianimare il mercato dell’auto ormai collassato servono altri trattamenti. Come, per esempio, tassare le macchine più inquinanti per favorire l’innovazione. È una delle idee rilanciate dal ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini. “Il Governo è ben cosciente della grave situazione in cui si trova il settore automotive”, ha detto il ministro, “ma per uscire dalla crisi occorre ripensare a tutto il sistema e trovare nuove regole che spingano verso una mobilità più sostenibile e di cui l’auto è una delle componenti”.  Continua a leggere

Uggè: “Ora uniamoci per combattere l’ecomafia senza colpire i trasportatori”

“Il mondo dell’autotrasporto ha vinto una battaglia importantissima: quella  per la cancellazione del progetto Sistri così come è stato fino a oggi realizzato e gestito, con l’obiettivo di ridisegnare, tutti insieme, rappresentanti istituzionali e rappresentanti delle categorie che con il sistema di tracciabilità dei rifiuti dovranno lavorarci quotidianamente, un nuovo Sistri finalmente efficiente e funzionante, in grado di recitare l’importantissimo ruolo per il quale è stato pensato, combattere le ecomafie”. Con queste parole il presidente di Fai Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggé ha commentato la decisione del Consiglio dei ministri di sospendere il progetto Sistri fino al 30 giugno 2013 per dar modo ai tecnici di risolvere i mille difetti che il sistema di tracciabilità dei rifiuti e le ormai famigerate black box hanno mostrato fin dalla nascita. Continua a leggere

Sistri sospeso fino al 30 giugno 2013. Nessun contributo da pagare per il 2012

L’entrata in vigore del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, è stata sospesa fino al 30 giugno 2013 e con essa tutti gli adempimenti informatici richiesti alle imprese coinvolte. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri accogliendo la richiesta in tal senso avanzata sia dal ministro per lo Sviluppo Corrado Passera, sia da quello per l’Ambiente Corrado Clini “al fine di consentire i necessari accertamenti sul funzionamento del sistema di tracciabilità dei rifiuti”. Il Consiglio dei ministri ha anche sospeso l’obbligo del pagamento del contributo al Sistri per l’anno 2012. Continua a leggere

“Sistri sotto esame fino a giugno 2013, nessun contributo da pagare per il 2012”

“Quella del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti é una storia che va definita. Ho chiesto la sospensione al Consiglio dei ministri in attesa di arrivare a verifiche decisive. La sospensione non deve andare entro l’anno”. Lo ha dichiarato  il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini sottolineando che la decisione “è stata presa allo scopo di effettuare le verifiche richieste dopo il parere del Digitpa, l’Ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione sulla funzionalità del sistema al quale il ministero, allora sotto la guida di Stefania Prestigiacomo, si era rivolto nel maggio del 2011 a seguito delle difficoltà operative riscontrate nella fase di avvio sperimentale. Continua a leggere

Ministro Clini, ecco 17 buone ragioni per bloccare l’entrata in vigore del Sistri

Sulla  data  di  entrata in vigore del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti,  è in atto un braccio di ferro nel Governo tra chi (il ministro dell’Ambiente) vuole che entri in vigore il prossimo 30 giugno e chi (il ministro dello Sviluppo economico e della Ricerca) chiede invece che venga rinviato alla fine del 2013. Un braccio di ferro che da oggi ha dei nuovi sfidanti: i responsabili dell’Asstri Conftrasporto che hanno deciso di schierarsi al fianco del ministro Corrado Passera per dire no alla proposta del suo “collega” Corrado Clini. Continua a leggere

Il ministro Clini chiede ai trasportatori di risolvere insieme il caso Sistri

“Il ministro per l’Ambiente Corrado Clini ha proposto ai presidenti delle associazioni delle categorie interessate “di valutare insieme le modalità per rendere finalmente operativo il sistema, senza aggiungere oneri amministrativi alle già complesse procedure cui le imprese sono sottoposte per rispettare gli adempimenti ambientali ed in particolare quelli in materia di rifiuti”. A dare la buona notizia, in un comunicato inviato a tutti gli associati Asstri, alle federazioni e alle associazioni Conftrasporto… Continua a leggere