«Tragedia sull’Autosole, ora la Procura indaghi su tutta la filiera»

“Chiedo al Procuratore della Repubblica e alle forze dell’ordine di dare attuazione alle nuove disposizioni del Codice della strada che prevede, in caso di incidenti con decessi e feriti gravi,  controlli su tutti i componenti della filiera del trasporto”. È questa la richiesta che il presidente di Fai – Conftrasporto Paolo Uggè rivolge alle autorità all’indomani dell’incidente stradale avvenuto tra quattro Tir poco prima delle 2 della scorsa notte sull’ Autosole, nel tratto compreso tra Modena sud e l’allacciamento dell’A14 in direzione di Bologna, e costato la vita a un camionista marocchino, mentre è rimasto gravemente ferito un conducente italiano, portato all’ospedale Maggiore di Bologna. Continua a leggere

Uggè: Sull’inquinamento il ministro dell’Ambiente è fuori strada

“Quale momento migliore di quello attuale, con la questione inquinamento sotto i riflettori, poteva capitare al ministro dell’Ambiente per rilanciare la sua “grande trovata” di obbligare gli autotrasportatori a installare dei filtri antiparticolato sui mezzi pesanti?”. A porsi la domanda è il presidente nazionale di Fai Conftrasporto, Paolo Uggè, secondo il quale “la proposta, che – sia ben chiaro – è di per sé condivisibile, diventa però del tutto inutile se non viene collegata a un piano generale che deve essere definito con tutte le realtà interessate. Così”, commenta sempre Paolo Uggè, “rischia solo di essere una nuova occasione per far vedere che esiste un ministero che si occupa dei problemi ambientali. Forse il ministro vuole, dopo la sovraesposizione mediatica del suo collega Tremonti grazie alla recente iniziativa del viaggio in treno, trovare a sua volta spazi sui media con il rilancio di una iniziativa che è solo comunicazione?”. Continua a leggere

Attenti ai falsi poliziotti che in autostrada truffano gli stranieri

Gli agenti della Polizia stradale di Seriate, in provincia di Bergamo, hanno lanciato un appello alle migliaia di automobilisti che nelle ultime ore si sono ritrovati a percorrere l’autostrada A4 Milano-Venezia, nel tratto vicino a Grumello, perché forniscano informazioni utili a catturare i falsi poliziotti che, “armati” di falsi distintivi e false divise, hanno truffato alcuni automobilisti stranieri. Continua a leggere

Aumentano i controlli sulle strade, diminuiscono incidenti e morti

Aumentano i controlli sulle strade, con più conducenti sottoposti all’alcoltest, e diminuiscono incidenti e vittime sulle strade. È questo il bilancio degli interventi del 2010 di Carabinieri e Polizia stradale. Controlli che hanno portato anche al ritiro di 84mila patenti e alla decurtazione di 4 milioni di punti. In netta crescita anche i controlli sul trasporto merci. Entrando nel dettaglio, gli incidenti rilevati da Polstrada e Carabinieri sono stati 104.437 (-5,7 per cento), con 2.444 morti (80 meno del 2009, -3,2 per cento) e 75.463 feriti (-6 per cento). Continua a leggere

Costi minini, ora la committenza
non può più fare finta di nulla

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=BqkpV7SutOE[/youtube]

Fatta la legge trovato l’inganno. In Italia spesso è così. Accade e accadrà anche per i costi minimi sulla sicurezza nell’autotrasporto che il committente deve pagare all’impresa? Secondo Natale Callipari, avvocato della Federazione autotrasportatori italiani, no…

Sirtori: Importanti i controlli e con le nuove norme mercato regolare

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=5hP9UyZPBlU[/youtube]

Quanto sono importanti i controlli, soprattutto nei confronti della committenza, perché in futuro si possa garantire sempre più sicurezza sulle strade? Moltissimo, come spiega Angelo Sirtori, presidente della Fai di Milano che punta anche l’accento sull’importanza delle nuove norme e sul loro rispetto da parte di tutti.

Giachino: “Per i controlli la corresponsabilità è fondamentale”

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9CNDF9vgsNk[/youtube]
Quanto è importante il concetto della corresponsabilità, con controlli su tutta la filiera del trasporto? “È importantissimo”, conferma il sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino. “La norma più importante della legge fatta da Paolo Uggè nel 2005 era proprio quella della corresponsabilità. Abbiamo voluto fare un bilancio di questa legge dopo cinque anni e le forze di polizia ci hanno chiesto di scriverla meglio per controllare di più anche la committenza. L’abbiamo modificata e adesso la stiamo “passando” alle forze dell’ordine facendo degli incontri in tutte le Prefetture”.

Troppi furti al porto di Catania,
l’autotrasporto vuole più sicurezza

È destinata ad aumentare la sicurezza al porto di Catania. Dopo i recenti furti di mezzi e merci, settimana scorsa c’è stato infatti un incontro tra il presidente di Fai Catania, Angelo Ercolano, e i vertici dell’Autorità portuale dal quale è emerso che sono in programma alcuni lavori che incrementeranno la sicurezza. “Siamo soddisfatti per aver appreso che dal nuovo anno verranno predisposti interventi strutturali e di ammodernamento che riguarderanno le vie di uscita e ingresso al porto”, scrive Fai Catania in un comunicato stampa, per “garantire un controllo dei mezzi di passaggio. Lavori, che verranno completati tra giugno e luglio 2011, e che permetteranno la riserva di un varco appositamente realizzato per il transito dei mezzi commerciali attraversabile con l’ausilio di un badge di controllo”. Continua a leggere

Uggè: “Salvaguardiamo le imprese serie combattendo l’evasione”

Lo sosteniamo da tempo. Per questo, nel 2005, avevamo richiesto e ottenuto che nel protocollo d’intesa sottoscritto presso la Presidenza del Consiglio fosse previsto il recupero degli incentivi riconosciuti alle imprese non in regola con gli adempimenti fiscali e contributivi. Da allora nulla è stato fatto. Ben tre esecutivi si sono alternati al governo del Paese ma nessuna azione nella direzione auspicata dalle imprese regolari è stata avviata. Ora prendendo a riferimento i dati resi noti dalla Guardia di Finanza nell’ambito della lotta all’evasione si rende evidente quanto fosse opportuna la richiesta effettuata a salvaguardia della imprenditoria seria di recuperare presso le imprese che non ottemperano alle disposizioni di legge gli incentivi concessi. Continua a leggere

Calano i furti d’auto e di camion,
in aumento quelli delle biciclette

Negli ultimi undici anni è calato in Italia il numero delle famiglie che ha subito furti di auto (3,6 per cento nel 1997-1998, 2,5 per cento del 2002, 1,7 nel 2008-2009). Un trend contrario a quello delle biciclette, con furti in aumento (3,8 per cento), sia rispetto al dato del 2002 (2,5 per cento), sia a quello del 1997-1998 (3,1 per cento). Sono questi alcuni dei dati che emergono dallo studio sulla criminalità pubblicato dall’Istat, che ha esaminato i dati del 2008-2009 confrontandoli con quelli degli anni precedenti.  Continua a leggere