Tempi di guida e concorrenza sleale, la Filt Cgil chiede più controlli nell’autotrasporto

Incrementare i controlli sulle imprese d’autotrasporto, prevedere sanzioni adeguate e garantire la certezza di parità di condizioni economiche e normative per le attività svolte nello stesso Paese per contrastare dumping e concorrenza sleale: sono le richieste della Filt Cgil, che ha organizzato insieme a Fit Cisl e Uiltrasporti un presidio di lavoratori per il 26 febbraio al Ministero dei Trasporti. “Sono ancora pochi i controlli e le ispezioni sulle imprese di autotrasporto rispetto al numero di aziende che circolano su strada e servono più controlli e più capillari in tutti i territori e sulle imprese extra comunitarie nel nostro Paese”, commenta la Filt Cgil nazionale in merito al rapporto annuale dell’attività di vigilanza in materia lavoristica, previdenziale e assicurativa dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro nel settore dell’autotrasporto. Continua a leggere

Debora Serracchiani “ferma” i Tir provenienti da Est: “Bisogna creare condizioni omogenee”

Per fermare la concorrenza sleale nell’autotrasporto servono “condizioni omogenee”. Sono quelle che chiede la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, in una lettera inviata al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, nella quale sottolinea il “grande disagio della categoria dell’autotrasporto che, in particolar modo in Friuli Venezia Giulia, patisce da molto tempo quella che possiamo definire senza esitazioni una concorrenza sleale da parte di società prevalentemente dell’est Europa”. “Guardando alla stesura delle nuove norme che l’Unione europea dovrà stabilire con il Pacchetto Stradale, e in vista della riunione dei Ministri dei trasporti Ue che è attesa per l’inizio di dicembre, esprimo l’auspicio che la posizione dell’Italia andrà nella direzione di favorire la creazione di condizioni omogenee, prima di assecondare le spinte verso una maggiore liberalizzazione”, scrive la Serracchiani. Continua a leggere

L’autotrasporto italiano rischia di scomparire spazzato via dalla concorrenza straniera

L’autotrasporto italiano rischia di scomparire spazzato via dalla concorrenza straniera? È una previsione purtroppo realistica quella fatta da Mariano Bella, direttore dell’Uffici studi di Confcommercio, che aprendo i lavori del terzo Forum Internazionale in corso a Villa d’Este a Cernobbio ha esibito i numeri di quella che rischia di essere davvero la cronaca di una morte annunciata per un settore, come quello dell’autotrasporto appunto, da troppi anni soffocato dal peso del fisco e della burocrazia e indifeso dalla concorrenza sleale straniera proveniente soprattutto dai Paesi dell’est. 

Continua a leggere

La manovrina rimetterà sulla strada giusta l’autotrasporto? Per Anita e Confindustria sì

La “Manovrina” ha introdotto “misure che, pur essendo a costo zero per lo Stato, rappresentano un incentivo concreto allo sviluppo dell’intermodalità e favoriscono l’operatività quotidiana delle imprese”. Lo ha detto il presidente di Anita, Thomas Baumgartner, che “esprime soddisfazione” per la conversione in legge della cosiddetta manovrina che contiene, si legge in una nota di Anita, “significative novità anche nel settore dell’autotrasporto, tra cui misure per contrastare la concorrenza sleale e favorire la lotta all’abusivismo, lo snellimento di alcuni oneri amministrativi, i fondi a favore dell’intermodalità e ulteriori stanziamenti per le riduzioni compensate dei pedaggi autostradali e interventi a sostegno della sicurezza stradale”.  Continua a leggere

Visto dalla sala comandi di un traghetto il futuro dei trasporti italiani non è per niente roseo

Visto dalla plancia di comando di un grande traghetto l’orizzonte dei grandi traffici globali può apparire molto lontano, addirittura irraggiungibile per chi non saprà creare un sistema di trasporti, compresi quelli destinati a viaggiare lungo le Autostrade del mare, intermodali, sostenibili e armonizzati. Parola del presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè che proprio dalla sala comandi della nave Janas di Tirrenia, che ha visitato insieme alla commissaria europea ai trasporti Violeta Bulc in occasione del G7 Trasporti in corso a Cagliari, ha ribadito l’urgenza di tracciare questa rotta fondamentale per la crescita economica dell’Italia. “O così o saremo tagliati fuori dai grandi traffici globali”, ha affermato Paolo Uggè, che ha fatto gli onori di casa nei confronti dei partecipanti al G7 Trasporti insieme con l’amministratore delegato di Moby Achille Onorato, a quello di Tirrenia Massimo Mura e al presidente Pietro Manunta. Continua a leggere

Camionisti delocalizzati all’estero, nei guai un’impresa di autotrasporto del Piemonte

Autisti con contratti di lavoro romeni, dichiarazioni dei redditi non presentate, evasione contributiva e assicurativa. La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto un’evasione fiscale di oltre trenta milioni di euro. Nei guai è finita un’impresa di autotrasporto piemontese. I finanzieri, che hanno denunciato il titolare e altre due persone, hanno indagato sui rapporti della società di autotrasporto italiana con due società romene alla quali venivano commissionati i servizi di trasporto.  Continua a leggere

Concorrenza sleale nell’autotrasporto, Delrio protesta: “No a regole diverse”

L’Italia ha protestato in maniera decisa con i Paesi dell’Est Europa per la concorrenza sleale dei loro autotrasportatori nei confronti delle imprese delle altre nazioni. Lo ha rivelato il ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Graziano Delrio, all’assemblea di Anita, raccontando il recente incontro con il ministro dei Trasporti della Slovacchia, Roman Brecely. “Abbiamo discusso molto duramente con i Paesi dell’est sul tema del cabotaggio e del dumping”, ha detto, “perché le misure di contrasto prese da Francia e Germania hanno provocato dure reazioni”. Continua a leggere

I controlli al Brennero daranno il colpo di grazia all’autotrasporto italiano?

“È evidente che la decisone di ripristinare i controlli al Brennero colpirà soprattutto l’autotrasporto” visto che “per i Tir si allungheranno notevolmente i tempi di ingresso/uscita dal valico”. Lo scrive la Cgia che ha analizzato i dati, riferiti al 2013 (l’ultimo anno disponibile) di Alpinfo-Ufficio federale trasporti svizzero. Un terzo delle merci che entrano ed escono su gomma dal nostro Paese attraverso le Alpi “investono” il Brennero, spiega la Cgia in un comunicato. Degli 89 milioni di tonnellate di merci che complessivamente transitano ogni anno lungo i nostri confini alpini su Tir, 29 sono “assorbiti” da questo valico. Se poi aggiungiamo anche gli 11,7 milioni di tonnellate di merci che viaggiano su ferrovia, la dimensione complessiva delle merci in transito sul Brennero supera i 40 milioni di tonnellate all’anno. Continua a leggere

Camionisti sfruttati e costretti a guidare 15 ore al giorno, denunciati i titolari

69912Camionisti sfruttati, costretti a guidare anche 15 ore al giorno e a distruggere i dischi del cronotachigrafo, e impiegati controllati con un sistema di videosorveglianza. È questo il quadro emerso da un’indagine, denominata “Guida non stop” della polizia stradale di Lucca che nei giorni scorsi ha perquisito la sede di un’azienda di autotrasporto di Piana di Lucca e denunciato i due proprietari e l’amministratore. Continua a leggere

Tir vietati in Tirolo, Cna-Fita non ci sta: guerra alla libera circolazione delle merci

Il Tirolo sarebbe pronto a vietare “il trasporto, a lunga percorrenza, di determinata merce su una tratta dell’autostrada A12 della Valle dell’Inn attraverso l’elaborazione e l’applicazione di uno specifico regolamento. Un provvedimento che, se attuato, penalizzerebbe pesantemente l’Italia e soprattutto le regioni del nord, come l’Emilia-Romagna, vocate all’export”. Lo scrive in un comunicato la Cna-Fita che parla di “guerra alla libera circolazione delle merci”. Continua a leggere