Conclusi i lavori alla galleria di Cernobbio, nel 2009 era tra le più pericolose d’Europa

Nel 2009 era considerata una delle gallerie più pericolose d’Europa. Ora il tunnel di Cernobbio, lungo quasi 2 chilometri e mezzo, cambia volto. L’Anas ha infatti concluso i lavori di ammodernamento della galleria che si trova sulla statale 340 Regina. “L’Anas”, ha affermato il presidente Pietro Ciucci, “ha lavorato a ritmo serrato per concludere gli interventi nella galleria di Cernobbio, ritenuta fondamentale per innalzare gli standard di sicurezza lungo la viabilità comasca”. Continua a leggere

Agente della Stradale uccisa da un Tir, un monumento la ricorderà per sempre

Sabrina Pagliarani aveva 25 anni, romagnola originaria di Bellaria prestava servizio per la polizia stradale di Busto Arsizio. Nella notte del 30 settembre 1994, Sabrina morì mentre prestava servizio di pattuglia. Quella notte un Tir tedesco aveva superato di circa una ventina di metri il limite imposto dalla pattuglia che faceva viabilità a ridosso del confine, viabilità resa necessaria dal fatto che Como era priva di un autoporto e la dogana svizzera chiudeva dalle 22 alle 6 del mattino. Sabrina fermò il pesante automezzo, chiese i documenti e, mentre faceva ritorno alla vettura di servizio, il camionista nel fare retromarcia la travolse. Continua a leggere

Città inquinate, ecco come ridurre lo smog del 30 per cento in 20 anni

Le città italiane potrebbero ridurre l’inquinamento atmosferico fino al 30 per cento nell’arco di 20 anni grazie a un programma nazionale di efficientamento energetico e riqualificazione urbana che preveda interventi su riscaldamento e mobilità sostenibile, ricorso alle fonti rinnovabili, consumo intelligente di energia e architettura verde. È questo uno dei principali risultati dello studio “Energia in città: scenari e riflessioni sugli aspetti energetici nell’ambiente urbano”, che è stato realizzato da un gruppo di lavoro interdisciplinare composto da ingegneri, chimici, fisici, ecologi, architetti paesaggisti e urbanisti, geografi, ed economisti ambientali coordinati dal Centro di Cultura Scientifica “A. Volta” (Centro Volta) di Como insieme a Edison, con il sostegno di Camera di Commercio di Como. Continua a leggere

Droga nelle piazzole dell’autostrada: 13 persone in manette, centinaia i clienti

Vendevano la droga nelle piazzole dell’autostrada, quasi si trattasse di un vero e proprio “Drive In”. Incredibile ma vero. Così come in alcuni tratti della Cisa si possono ancora trovare donne che vendono formaggi, la loro presenza viene segnalata da sacchetti di plastica appesi a dei bastoni, tra Como e Milano era attiva una fiorente attività di spaccio al dettaglio. Continua a leggere

Da imprenditore a padroncino, autotrasportatore “stritolato” dalle banche

I mille volti della crisi. La recessione economica, il credit crunch, i ritardi nei pagamenti. Realtà drammatiche, con cui molte imprese si sono dovute confrontare, spesso soccombendo. Numerose le storie che si possono raccontare. Tra l’ottobre del 2010 e la fine del 2011, per esempio, un’azienda di trasporto della provincia di Como si è trovata nell’impossibilità di saldare le spese correnti. In attesa del pagamento di alcune fatture, il titolare si è dovuto rivolgere alle banche per ottenere un piccolo finanziamento.  Continua a leggere

Italia o Svizzera? Quelle buche in autostrada sono di proprietà della dogana

In Svizzera di solito le strade sono lisce come il panno verde del biliardo. E il confronto con l’asfalto da una parte e dall’altra del confine è spesso imbarazzante. “A9 buche nella terra di nessuno” ha scritto il quotidiano elvetico Corriere del Ticino documentando con tutti i particolari la storia delle buche nei pressi della dogana autostradale di Brogeda. Buche profonde e ampie in corrispondenza della giuntura del cavalcavia che conduce proprio alla frontiera. Un avvocato di Milano è finito nella buca e ha forato. Così ha inviato una richiesta di risarcimento danni ad Autostrade per l’Italia per 439,96 euro. Continua a leggere

L’avvocato dimentica di presentare l’istanza, ubriaco al volante va in carcere

Più volte, anche su questo blog, sono state chieste pene severe per i pirati della strada e per chi causa un incidente, magari provocando la morte di qualcuno, sotto l’effetto di alcol e droga. Questa volta il conducente ubriaco è sì finito in carcere, ma per un errore, o meglio una dimenticanza del suo avvocato. L’incredibile vicenda ha colpito un 48enne residente in provincia di Como, finito appunto in carcere. Era stato sorpreso al volante di un’auto con un tasso alcolico oltre la legge.  Continua a leggere

“L’auto non me la confiscate”. E si chiude in macchina per oltre un’ora

Si è chiusa in auto per un’ora e mezza pur di non arrendersi al fermo amministrativo che le dovevano notificare i carabinieri. L’insolito episodio è andato in scena a Faloppio, in provincia di Como, a corollario di un controllo dei militari della stazione del paese. A bordo del mezzo, un 50enne di Bizzarone (Como) trovato con i valori di alcool nel sangue oltre cinque volte il consentito.  Continua a leggere

Verona scommette sui filobus elettrici. A Como arrivano nuovi autobus Eev

A Verona da ottobre iniziano i lavori per i filobus elettrici. Entreranno in funzione fra tre anni e sono capaci di generare energia quando frenano. In questo modo i consumi di elettricità si riducono del 30 per cento. Il modello scelto nella città scaligera viene già utilizzato con grande successo nei Paesi Bassi. Grazie a un sistema di guida vincolata, il filobus elettrico accosta a un solo centimetro dalle fermate, rendendo così accessibili a tutti, senza scalini, salita e discesa dai mezzi. Viste le percorrenze relativamente brevi, urbane, all’interno ha dai 30 ai 40 posti a sedere, lungo i lati.  Continua a leggere

Parcheggi per disabili, troppi furbetti: “Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap”

Il problema della carenza dei parcheggi riservati ai disabili è comune in tutta Italia. Così alcune amministrazioni hanno ideato delle campagne di sensibilizzazione quantomeno per lasciare ai veri disabili (il fenomeno dei permessi falsi è ancora frequente) i pochi parcheggi gialli. A Como, per esempio, da qualche anno sugli stalli compare un cartello con la scritta “Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap”. Così avviene in altre città.  Continua a leggere