Ncc, nuova protesta: “Il Governo ferma chi lavora per spalancare le strade all’assistenzialismo?”

Riparte la protesta degli Ncc, i noleggiatori di auto con conducente, pronti a tornare in piazza per dire no a un Governo “che vuole cancellare il mondo delle imprese e del lavoro sostituendolo con un sistema assistenzialista retto da un crescente ricorso al debito pubblico”, come hanno affermato, alla vigilia della protesta indetta per mercoledì 13 marzo, Francesco Artusa, fondatore dell’associazione Fai trasporto persone e Claudia Pavoletti, portavoce del comitato Air. Una manifestazione organizzata a Roma, Milano, Torino, Napoli e Firenze che partirà alle 10 dalle sedi delle Regioni e proseguirà alle 12 negli uffici postali dove gli autisti Ncc si metteranno in fila con il modello di richiesta di reddito di cittadinanza. Continua a leggere