Alla guida a piedi nudi? Si può. E non sono vietati neppure infradito o zoccoli…

C’è un quesito che si ripete puntualmente ogni estate. E riguarda se sia lecito o meno guidare con ciabatte e infradito o più in generale con delle scarpe aperte. Ancora oggi c’è chi al mare lascia delle scarpe in auto per la guida nel timore di prendere una multa da un vigile troppo solerte. Ci sono donne e uomini che si rivolgono al negozio di scarpe di fiducia per chiedere consiglio. Capita inoltre di vedere splendide ragazze infilarsi stivaletti e sandali tacco 12 prima di scendere dall’auto ed entrare in discoteca o al ristorante. Continua a leggere

Dimentichi abbassato il finestrino dell’auto? Ecco perché si rischia una multa

Ha parcheggiato l’auto regolarmente, se ne è andata, ma si è dimenticata di chiudere il finestrino posteriore. Risultato: una multa da 41 euro. “Noi ridiamo e scherziamo, ma c’è gente che ti fa la multa perché tuo nipote di 7 anni si scorda il finestrino della macchina aperto… siamo proprio in Italia”, ha scritto la donna in questione sul suo profilo Facebook. Ma perché è stata multata? Cosa prevede il Codice della strada. Continua a leggere

Motociclisti più bravi degli automobilisti, conoscono i cartelli stradali alla perfezione

Ma quali pirati della strada? O utenti spericolati sempre pronti a superare a destra, salire sul marciapiedi e impennare: i motociclisti sono i migliori in materia di rispetto delle regole. Il sito britannico visordown.com riporta la ricerca di una compagnia di assicurazioni che scagiona i centauri. I partecipanti alla ricerca sono stati sottoposti a una sorta di nuovo esame della patente. Ebbene il 16 per cento degli automobilisti sarebbe stato bocciato contro solo il 6 per cento dei motociclisti. Continua a leggere

Eccesso di velocità, cellulare, guida senza cinture: anche gli stranieri saranno puniti

“Dall’eccesso di velocità al mancato stop al semaforo rosso. Dalla guida senza cintura di sicurezza o senza casco a quella in stato d’ebbrezza e sotto l’influsso di sostanze stupefacenti. Tutti i cittadini europei, responsabili in Italia di gravi violazioni del Codice della strada, incluso l’uso indebito di cellulari, potranno finalmente essere perseguiti dalle autorità competenti”. Lo annuncia il senatore del gruppo Misto, Luis Alberto Orellana, dopo l’approvazione del suo emendamento alla legge di delegazione europea in esame in commissione delle Politiche dell’Unione europee del Senato. Continua a leggere

Piante e siepi, proprietari obbligati al taglio: lo prevede il Codice della strada

Codice della Strada alla mano, come previsto dall’articolo 29, i proprietari dei terreni confinanti con strade pubbliche e/o aperte al pubblico passaggio, hanno l’obbligo di provvedere al taglio di piante e siepi che fuoriescono dalla proprietà e di evitare che, in caso di nevicate o precipitazioni, possano cadere al suolo. Continua a leggere

Auto potenti vietate agli ultraottantenni? “Legge ingiusta, ci vogliono emarginare”

È in agitazione il mondo del web con i capelli grigi per le nuove norme in discussione che riguardano le patenti degli ultraottantenni, dopo l’obbligo di visite mediche più approfondite potrebbero essere trattati come dei neopatentati (clicca qui per ulteriori dettagli). L’ex presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, Franco Abruzzo, ha raccolto in tal senso la preoccupazione di un pensionato, mentre Nestore Morosini, giornalista sportivo dall’importante passato e fondatore di “Corriere Motori” lancia una sfida-provocazione ai parlamentari.  Continua a leggere

Il giudice di pace cancella troppe multe, ora rischia di essere licenziato

Bontà d’animo e benevolenza non sempre vengono accettate, in particolare se sei un giudice di pace. Non vengono accettate e creano sospetto anche se le decisioni prese servono ad alleviare un aggravio economico. “Troppe volte quel giudice di pace”, scrive il Messaggero, “si è dimostrato accondiscendente verso gli automobilisti multati per le violazioni al codice della strada. Troppe volte ha applicato sanzioni ridotte rispetto a quelle previste”.  Continua a leggere

L’omicidio stradale diventerà realtà. Renzi: “Colmeremo il vuoto della legge”

L’omicidio stradale? Si farà. Lo ha detto Matteo Renzi in un’intervista al Centauro, l’organo dell’Asaps, l’associazione sostenitori amici polizia stradale. Il presidente del Consiglio ha ribadito l’intenzione di andare avanti con la legge in virtù di “un vuoto nel nostro codice che deve essere colmato. Per questo ho messo la prima firma sulla proposta di legge promossa da Comune di Firenze, Asaps, Associazione Lorenzo Guarnieri e Associazione Gabriele Borgogni nel 2011. L’intento allora”, ha spiegato Renzi, “era quello di invitare il Governo e Parlamento a riflettere e colmare questa lacuna”. Continua a leggere

Auto assicurate oppure no? È online l’applicazione per controllare la copertura

Da oggi sapere se un’auto è assicurata è semplicissimo. Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (www.mit.gov.it) e sul portale dell’automobilista (www.ilportaledellautomobilista.it) è infatti disponibile l’applicazione per l’accesso alle informazioni sulla copertura assicurativa Rc auto dei veicoli. Inserendo i numeri di targa degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei ciclomotori immatricolati in Italia si potrà infatti verificare in pochi istanti se i veicoli risultano o meno in regola con gli obblighi assicurativi Rc auto. Continua a leggere

Codice della strada, si accettano consigli: il governo li chiede ai cittadini

Il governo ha annunciato di aver aperto un canale diretto con i cittadini per raccogliere spunti e suggerimenti da inserire nella prossima revisione del Codice della strada. La riforma, che dovrebbe essere ultimata l’anno prossimo, portarà a un Codice della strada più snello, con al massimo 80/90 articoli rispetto ai 240 dell’attuale testo. Per far arrivare al governo la propria idea basta andare sul sito ilportaledellautomobilista.it dove è stato predisposta l’area “Nuovo Codice della Strada”. Cliccando sull’icona si accede al form per inviare le proposte. Continua a leggere