Camionisti in autostrada senza catene sotto la neve: “Indagateli per sequestro di persona”

Un esposto alla Procura della Repubblica di Bolzano perché metta sotto inchiesta, con le accuse di interruzione di pubblico servizio e concorso in blocco stradale, e addirittura di sequestro di persona, i conducenti dei Tir entrati sull’autostrada del Brennero senza catene e gomme da neve contribuendo con il loro comportamento a far sì che migliaia di cittadini rimanessero bloccati per ore sotto la neve. Continua a leggere

Nuova tassa per chi acquista auto diesel e benzina nuove? “È incostituzionale, discrimina”

Una nuova tassa sull’acquisto di auto nuove alimentate a  gasolio o benzina, pensata per disincentivare ulteriormente l’acquisto di mezzi più inquinanti rispetto a veicoli ibridi o elettrici, sarebbe incostituzionale perché introdurrebbe discriminazioni a danno di una sola tipologia di contribuenti e rappresenterebbe esclusivamente un sistema per fare cassa. Ad affermarlo sono i responsabili del Codacons che si sono detti pronti a una  guerra legale contro l’emendamento che prevede una stangata nei confronti di chi acquista auto a benzina e diesel. Continua a leggere

Limiti alla circolazione dei Tir: aumenteranno i giorni nei quali dovranno restare fermi?

Il rilascio di eventuali deroghe alla limitazione della circolazione dei Tir sulle strade in particolari giornate “deve essere ben circostanziato e motivato nonché fondato su presupposti specifici ed altrettanto eccezionali”. Lo si legge nella sentenza con cui il Tar del Lazio ha accolto un ricorso proposto dal Codacons. Inoltre, si legge nella sentenza dovranno essere fornite alle Prefetture “puntuali indicazioni sui criteri e parametri alla base del rilascio degli eccezionali permessi in deroga, che garantiscano un omogeneità di condotta degli stessi Uffici, pur nella considerazione delle peculiarità dei singoli territori amministrati”.  Continua a leggere

Il pieno costa 7 euro in più rispetto a un anno fa: “Ridurre la folle tassazione sui carburanti”

Per un pieno di un’auto diesel si spendono 7 euro in più rispetto a un anno fa. Per una vettura a benzina l’aumento è di circa 5 euro. Lo sostiene il Codacons che parla di “stangata di inizio anno” per gli automobilisti e chiede un intervento al governo. Le quotazioni del petrolio in rialzo “stanno determinando sensibili aumenti dei prezzi di benzina e gasolio su strade e autostrade del nostro Paese”, si legge in una nota dell’associazione dei consumatori.  Continua a leggere

La corsa di benzina e gasolio non si ferma nemmeno durante le feste: prezzi sempre più alti

Non si ferma la spinta verso l’alto dei prezzi dei carburanti, con la benzina che ha raggiunto picchi sul servito di oltre 1,7 euro al litro (Q8 a 1,722 euro) e il gasolio, da Shell, di 1,586 euro. Una “stangata” da 130 milioni di euro che “si sta abbattendo” in questi giorni sugli italiani che hanno deciso di spostarsi in auto per le feste di Natale e Capodanno, denuncia il Codacons, che chiede l’intervento del Governo per sterilizzare gli aumenti dei listini.

Continua a leggere

Mettersi in viaggio per le feste di fine anno costerà, in carburante, più di un anno fa

Spostarsi in auto durante le feste di Natale e Capodanno costerà caro agli italiani. O, almeno, più caro di un anno fa. Oggi per un pieno di benzina si spendono infatti circa 4,45 euro in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno mentre per un pieno di diesel l’aumento raggiunge +6,2 euro- A denunciarlo sono i responsabili del Codacons, che chiedono l’intervento del Governo “per salvare le tasche degli automobilisti e non solo le banche. Tra Natale e Capodanno 12,3 milioni di italiani si sposteranno lungo strade e autostrade del nostro Paese per trascorrere fuori casa le vacanze”, si legge in un comunicato del Codacons, e ognuno di loro “dovrà tenere conto dei forti rincari dei carburanti registrati negli ultimi giorni”. Continua a leggere

Il pieno diventa più caro, i prezzi dei carburanti tornano ai livelli dell’estate del 2015

Le conseguenze dell’accordo sui tagli alla produzione del greggio siglato tra i Paesi Opec e non Opec continuano a farsi sentire. Martedì mattina, Staffetta Quotidiana parla di “nuovi forti aumenti dei prezzi dei carburanti alla pompa, sospinti da analoghi decisi rialzi delle quotazioni internazionali del greggio e dei prodotti raffinati. Sia per i prezzi alla pompa che per le quotazioni siamo ai livelli massimi dall’estate del 2015”. Secondo il Codacons è in arrivo “una stangata natalizia milionaria”.

Continua a leggere

Scatola nera obbligatoria su tutte le auto? “Ma non ci saranno costi per i cittadini”

La scatola nera potrebbe diventare obbligatoria e non essere più soltanto uno strumento per ottenere sconti sulla polizza Rc auto. Lo prevede un emendamento al ddl Concorrenza presentato in Senato dai relatori, Salvatore Tomaselli (Pd) e Luigi Marino (Pd). Entro un anno dall’entrata in vigore della stessa legge, il governo dovrebbe emanare uno o più decreti legislativi che ne disciplinino l’installazione su tutti i mezzi di trasporto. I primi veicoli a dover essere necessariamente dotati di scatola nera saranno quelli pubblici, poi toccherà anche a quelli privati, “senza maggiori oneri per i cittadini”, si specifica nell’emendamento, che non prevede nemmeno nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Continua a leggere

Volkswagen, 10 miliardi per chiudere lo scandalo negli Usa. In Italia tutto tace

Dieci miliardi di dollari per mettere la parola fine al dieselgate negli Stati Uniti. Volkswagen sarebbe pronta a presentare un maxi-piano alle autorità americane per sistemare il caso legato ai motori diesel “truccati”. In Italia, invece, “tutto tace”, accusa il Codacons. “Le istituzioni italiane non hanno saputo inchiodare l’azienda alle proprie responsabilità, e nessun indennizzo è stato finora proposto ai possessori di auto Volkswagen”. Continua a leggere

Assicurazione auto, i prezzi cambiano tra Nord e Sud. “Le differenze sono abissali”

Un’Italia, ma due prezzi. Quelli che si pagano per l’Rc auto. Il costo delle polizze, infatti, cambia in maniera significativa tra Nord e Sud. La denuncia arriva dal presidente del Codacons, Carlo Rienzi. “Senza alcuna giustificazione in Italia l’Rc auto continua a costare più che nel resto d’Europa. L’aspetto più grave, tuttavia, è che vi siano ancora differenze di prezzo abissali all’interno del nostro stesso Paese”, commenta Rienzi. Continua a leggere