L’auto è il mezzo ideale per spostarsi, il Censis non ha dubbi: “Così anche in futuro”

Nessuna retromarcia: per gli italiani l’auto resta il mezzo ideale per muoversi. E il futuro, almeno  nel prossimo decennio, non cambierà le carte in tavola. Una ricerca realizzata dal Censis e presentata durante una conferenza stampa dell’Unrae smentisce un calo di interesse per le quattro ruote. L’uso del mezzo privato negli spostamenti quotidiani da parte dei pendolari non solo rimane prevalente, ma è in crescita, visto che secondo gli ultimi rilevamenti è al 60,8 per cento, mentre nel 2001 la percentuale era al 58,7, ha spiegato il responsabile dell’area economia e territorio del Censis, Marco Baldi. Continua a leggere

Porti italiani affondati dalla burocrazia: 19 giorni per esportare un container

I porti italiani sono poco competitivi. È la burocrazia a mettere in ginocchio gli scali del nostro Paese. Come evidenzia il 49° Rapporto del Censis, la scarsa competitività dei porti italiani è dovuta ai tanti “gravami burocratici connessi all’export”. Nel nostro Paese, spiega il Censis, sono necessari 19 giorni per ottenere la documentazione amministrativa per esportare un container. I tempi sono decisamente diversi nelle altre realtà europee. Continua a leggere

Solo il 4% degli italiani vuole comprare un’auto nuova nel 2011

Se il 2010 è stato un anno terribile per il mercato d’auto, il 2011 potrebbe continuare sullo stesso segno. Sono solamente il 3,9 per cento gli italiani che hanno intenzione di acquistare un’auto nuova, mentre la percentuale di chi vuole acquistare una moto sale a circa l’8 per cento. È quanto emerge dal XVIII Rapporto Aci-Censis 2010. Secondo lo studio, per rivitalizzare il mercato più della metà degli italiani (il 47,5 per cento) chiede una nuova fase di incentivi. La seconda richiesta è l’abolizione del bollo (24,3 per cento), seguita (con percentuali di circa il 16 per cento) da un calo netto del costo del carburante, sconti relazionati al reddito dell’acquirente, e un’assicurazione agganciata ai punti patente. Continua a leggere

Crisi e caro benzina, crescono gli italiani che lasciano l’auto a casa

In fondo all’auto si può anche rinunciare. La quattro ruote è sempre molto amata, ma con la crisi economica e il caro benzina è emerso un fatto nuovo. Sono infatti in aumento (+ 5,6 per cento) gli automobilisti che hanno scoperto di poter fare a meno delle macchina: nel 2010 il 26,6 per cento ne ha ridotto l’uso contro il 21 per cento del 2009. Le quattro ruote sono state sostituite da mezzi pubblici, due ruote o passeggiate a piedi. È quanto emerge dall’XVIII Rapporto Aci-Censis “Automobile 2010” presentato martedì a Roma dal presidente dell’Aci, Enrico Gelpi, e dal presidente della Fondazione Censis, Giuseppe De Rita. Continua a leggere

Il Censis: consumati 26 milioni
di tonnellate di gasolio l’anno

Nei trasporti vengono consumati 11 milioni di tonnellate di benzina l’anno (da 19,4 milioni di automobili), 26 milioni di tonnellate di gasolio (da 12,8 milioni di automobili, 4,3 milioni di veicoli commerciali e industriali e 93.200 autobus), 1 milione di tonnellate di Gpl (da 1,1 milioni di veicoli) e 670 milioni di metri cubi di gas naturale (da 506 mila veicoli). Questi i dati diffusi dal Censis dopo una ricerca sull’industria energetica italiana e sul suo impatto economico e sociale nel nostro Paese. Continua a leggere

L’unione fa la forza, presentata
a Roma “Rete Imprese Italia”

Artigianato, commercio, servizi e turismo. Tutti insieme in un unico soggetto, battezzato Rete Imprese Italia e presentato oggi all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Promosso dalle cinque maggiori organizzazioni dei settori – Confcommercio, Confartigianato, Cna, Confesercenti e Casartigiani – permetterà di far pesare l’incredibile forza unitaria del mondo del commercio, dell’artigianato e dei servizi: un mondo fatto da oltre 2,3 milioni di imprese, 11 milioni di addetti e il 95 per cento del tessuto produttivo nazionale. Il primo “portavoce” è Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, che resterà al timone per sei mesi. Poi la guida passerà a un altro dei presidenti – che sono Marco Venturi (Confesercenti), Giorgio Guerrini (Confartigianato), Ivan Malavasi (Cna), Giacomo Basso (Casartigiani) – che “regnerà” per altri sei mesi e così via. Continua a leggere

Porti, interporti e logistica:
domani un convegno in Puglia

“Porti, Interporti, Distriparks: il ruolo delle infrastrutture strategiche per la Puglia, nuovo gateway logistico del mediterraneo”. È questo il titolo di un convegno in programma domani, 26 febbraio, dalle 9 alle 13 all’Interporto regionale della Puglia, a Bari. L’appuntamento rientra tra quelli promossi nelle diverse strutture interportuali italiane dalla Uir (Unione Interporti Riuniti) e dal Censis per la presentazione della ricerca “Il disegno dell’interportualità italiana”, con l’obiettivo di approfondire le relazioni tra le diverse infrastrutture trasportistiche della Puglia e individuare le azioni utili a rafforzare il ruolo della regione come nuovo gateway logistico. Continua a leggere

Venerdì a Parma un convegno sull’interportualità italiana

“Il disegno dell’interportualità italiana. La piattaforma logistica Tirreno-Brennero”. È questo il tema di un interessante convegno in programma venerdì 15 gennaio a Parma. Organizzato dall’Unione Interporti Riuniti (Uir), dal Centro Padano di Intercambio Merci Spa (Cepim) e dal Censis, l’incontro avrà quale argomento principale i risultati di un’indagine, realizzata dal Censis in collaborazione con l’Uir, sulle potenzialità di crescita, le eventuali criticità e il contesto in cui operano gli interporti italiani e la loro capacità di essere motore di crescita ed elementi qualificanti del territorio in cui sono collocate. Continua a leggere

La crisi taglia 50 km al mese:
gli italiani riducono l’uso dell’auto

Gli italiani lasciano più spesso l’auto in garage, ma le cattive abitudini restano e i costi di gestione rimangono comunque molto alti. Dal Rapporto Automobile 2009 realizzato dall’Aci in collaborazione con Censis Servizi, intitolato “Da una congiuntura costrittiva a una mobilità eco-compatibile” emerge in particolare che la crisi economica ha spinto gli automobilisti a percorrere mediamente 600 chilometri in meno rispetto al 2007, 50 al mese. Continua a leggere

Interporti, l’unione fa la forza
Ora si pensa a un coordinamento

Gli interporti italiani sono fondamentali ma, lavorando insieme, possono ottenere risultati ancora più importanti. Un concetto ribadito venerdì scorso all’interporto di Rivalta Scrivia in occasione del primo degli eventi organizzati dalla Uir – Unione Interporti Riuniti, in collaborazione con il Censis, proprio per ribadire il ruolo strategico che hanno gli interporti italiani e le ricadute economiche, sociali e ambientali. Continua a leggere