Tutto quello che avreste voluto sapere sui Tir che possono guidare verso un futuro meno inquinato

Tutti i protagonisti del settore dei trasporti che vogliono davvero guidare il cambiamento verso un futuro sostenibile hanno un appuntamento da non perdere: è quello fissato per giovedì 21 febbraio alle 15.30 a Verona nello stand allestito da Scania all’interno di Transpotec 2019 dove sarà “esposta” e “raccontata”  la gamma di soluzioni a carburanti alternativi più ampia di sempre. Un vero e proprio “viaggio” attraverso nuove soluzioni per il trasporto  in grado di soddisfare ogni esigenza operative dei clienti, sia che si parli di lungo raggio sia  di applicazioni speciali, distribuzione, trasporto pubblico o cava cantiere, da compiere nel  maxi  spazio espositivo di 1.800 metri quadri dove verranno messi in mostra  tutti veicoli di nuova generazione, con un’area interamente dedicata ai motori, mentre nell’area esterna   due veicoli saranno a disposizione per una prova. Continua a leggere

Transpotec, chi lavora nell’autotrasporto e non vuol restare indietro deve passare da qui

Innovazione, con un’attenzione particolare alle opportunità offerte dalla digitalizzazione, evoluzione del settore e delle sue professionalità, con i cambiamenti introdotti dall’’industria 4.0 nei processi di lavoro; ruolo svolto dalla tecnologia per una maggiore sicurezza stradale, per la tutela del carico e del conducente; rapporto tra logistica distributiva, trasporti e infrastrutture. E poi soluzioni per diminuire le emissioni, vantaggi di carburanti alternativi, tecnologie e modalità di guida che consentono di ridurre i consumi, salvaguardia della salute del guidatore attraverso la prevenzione medica… Sono solo alcuni dei temi “trainanti” dell’edizione 2019 di Transpotec in programma alla Fiera di Verona dal 21 al 24 febbraio, Continua a leggere

Fare il pieno di carburante alternativo sul posto di lavoro. L’esempio di Scania arriverà anche in Italia?

Fare il pieno sul posto di lavoro è un sogno di molti. Un sogno che diventerà realtà per i dipendenti di Scania impiegati nella sede di Södertälje, in Svezia, che avranno a disposizione una stazione di servizio di carburante da fonti rinnovabili Hvo (olio vegetale idrotrattato) per rifornire le proprie vetture. Il progetto coinvolge più di duemila auto aziendali. “L’approccio di Scania alla sostenibilità è radicato nei valori fondanti dell’azienda e va ben oltre l’offerta di prodotti e servizi. Dal 2015, l’HVO è entrato a far parte dei carburanti alternativi idonei ad alimentare i nostri veicoli industriali. È estremamente positivo che ora, grazie al suo utilizzo per le nostre autovetture aziendali, possiamo contribuire a incrementare l’adozione di questo carburante da fonti rinnovabili”, ha evidenziato Kent Conradson, Executive Vice President e Head of Human Resources di Scania. Continua a leggere

Il cibo va nel serbatoio, così i biocarburanti fanno crescere la fame nel mondo

I biocarburanti di prima generazione riducono l’utilizzo del petrolio, ma tolgono cibo che potrebbe sfamare un terzo delle persone malnutrite nel mondo. L’allarme per l’utlizzo di prodotti alimentari per realizzare carburanti “bio” è stato lanciato da alcuni ricercatori del Politecnico di Milano. Secondo il loro studio, pubblicato su Scientific Reports, nel 2013 per i biocombustibili sono stati utilizzati il 4 per cento delle terre agricole e il 3 per cento dell’acqua dolce dedicata alla produzione di cibo: un quantitativo di risorse naturali, se impiegato per l’agricoltura, sufficiente a dar da mangiare a 280 milioni di persone. Continua a leggere

Riasfaltiamo le strade: ecco il piano dei costruttori d’auto per ridurre le emissioni

L’uso di carburanti alternativi, la diffusione di una guida “ecologica” e un piano per riasfaltare le strade europee. Sono alcune delle misure pensate dall’Acea – l’associazione europea dei costruttori di auto – per ridurre le emissioni di Co2. Le iniziative, diffuse dall’Ansa, fanno parte della “Joining forces” promossa dall’Acea per il 2030 e messa a punto coinvolgendo oltre 50 soggetti del settore trasporti su gomma, che da solo emette circa il 20 per cento del totale delle emissioni Ue. Le idee dell’Acea non convincono gli ambientalisti europei. Continua a leggere

Il carburante? Lo facciamo dagli scarti di macellazione. Ma è una truffa…

Storie di carburanti in Italia. La prima riguarda una presunta truffa che ha portato all’arresto di tre imprenditori di Latina, tre fratelli titolari della società Ilsap di Velletri. La guardia di finanza di Catanzaro li accusa di truffa all’Ue e allo Stato italiano, falsità ideologiche e abuso. Obbligo di dimora, inoltre, per un docente universitario di Napoli e un consulente della società. Sono stati sequestrati beni per 11 milioni di euro. Il progetto prevedeva di realizzare carburante per aerei dagli scarti della macellazione di animali. In particolare il progetto prevedeva per l’innovativa benzina, l’utilizzo di carcasse di bovini. Continua a leggere

Benzinaio addio, con l’auto al torio si fa il pieno una volta ogni 100 anni

“Buongiorno, mi fa il pieno? Grazie, non penso che ci rivedremo, ma i miei figli conosceranno i suoi se faranno il suo lavoro…”. Non è il discorso di un condannato a morte, ma di un possibile acquirente di un’auto al torio. Secondo una società del Connecticut, la Laser Power Systems, il metallo radioattivo potrebbe alimentare una vettura in grado di fermarsi una sola volta alla stazione di servizio ogni 100 anni. La Laser Power Systems ha iniziato a lavorare su un motore a torio prodotto in serie. Le prime ricerche su questo metallo dal simbolo chimico Th risalgono addirittura agli Anni Sessanta.  Continua a leggere

Auto “verdi”, queste sconosciute: solo il 4% degli italiani le guida

Tutti si lamentano per il costo di benzina e gasolio, ma quando devono recarsi al concessionario per acquistare un’auto nuova non rinunciano ai motori tradizionali. Secondo una ricerca condotta da Assicurazione.it, il principale broker online italiano, le auto elettriche o alimentate con combustibili alternativi guidate in Italia da privati sono solo il 4 per cento, esattamente la stessa percentuale di due anni fa. “Nonostante il bombardamento mediatico”, commenta Assicurazione.it in una comunicato stampa. Anche se tantissime case automobilistiche stanno investendo per realizzare modelli ecosostenibili, quando si tratta di mettere mano al portafoglio gli italiani restano scettici. Continua a leggere

Carburanti alternativi, a Monza un distributore di metano e idrogeno

In tempi di caro petrolio tornano di grandissima attualità i carburanti alternativi, compresi quelli più avveniristici, come l’idrogeno. Ed ecco la notizia dell’apertura di un distributore di queste miscele nell’industrializzata Brianza. “Nelle aree adiacenti all’Autodromo di Monza verrà realizzato un distributore di carburanti puliti e alternativi”. Lo annuncia Francesco Magnano, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia per l’Attrattività e promozione del territorio. Continua a leggere

Mobilità e sicurezza stradale,
a Cernobbio la settimana della Fia

Mobilità, nuove tendenze nel mondo dell’automobilismo. Ma anche sicurezza stradale, cambiamenti climatici, invecchiamento della popolazione, tutela dei consumatori. In pratica tutto ciò che ruota intorno al mondo della quattro ruote. Una settimana di incontri, conferenze, discussioni, confronti. Villa Erba, a Cernobbio (in provincia di Como), ospita da oggi la “Fia Conference Week”: all’evento partecipano i rappresentanti di 213 Automobile e Touring Club di 182 diversi Paesi. Si tratta dell’unica iniziativa organizzata in Italia nel 2010 dalla Federazione Internazionale dell’Automobile. Tra gli argomenti in discussione, l’appuntamento di Expo 2015. Continua a leggere