Bollo auto, procedure più semplici alle Poste. La commissione è di 1,5 euro

Dove pagare il bollo auto? Tra sportelli Aci, agenzie di pratiche automobilistiche e tabaccherie la scelta è vasta. Il bollo auto si può pagare anche in Posta. I versamenti possono essere infatti effettuati in tutti gli uffici postali grazie al collegamento diretto con l’archivio regionale-provinciale delle tasse automobilistiche. Per corrispondere il pagamento non è più necessario conoscere l’importo dovuto: è infatti sufficiente compilare l’apposito modulo, disponibile allo sportello, indicando tipo, targa del veicolo e regione. Sarà l’ufficio postale, attraverso il collegamento in tempo reale con l’archivio delle tasse automobilistiche, a verificare la correttezza dei dati e comunicare l’importo da pagare. Continua a leggere

L’autostrada si pagherà in base al traffico. E con Galileo addio alle code

Il pedaggio autostradale si pagherà in base alle condizioni del traffico e al giorno o all’ora in cui ci si muove, mentre i prezzi di bollo e Rc auto saranno calcolati sull’effettivo utilizzo del veicolo. Sono solo due dei vantaggi offerti agli automobilisti da Galileo, il sistema satellitare civile europeo che promette di rendere la mobilità più fluida e sicura. Ideato dalla Comunità europea e dall’Agenzia spaziale europea, Galileo è stato al centro della 68ª “Conferenza del traffico e della circolazione” organizzata a Roma dall’Aci, cui ha preso parte il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani. Continua a leggere

Superbollo addio? Il viceministro Casero: “È stato un grave errore metterlo”

Il superbollo potrebbe essere eliminato. “È una delle idee sul tavolo” per sostenere il settore dell’auto, ha detto il viceministro dell’Economia, Luigi Casero, in occasione del convegno Missione mobilità. Il superbollo, introdotto dal governo Monti, ”è stato sbagliato metterlo e costa pochissimo toglierlo” ha aggiunto Casero sottolineando che ”il settore dell’auto è trainante per cui è fondamentale un’azione di sostegno”. Continua a leggere

L’automobile è una necessità? Tassata com’è ora è sempre di più un lusso

Auto bene di necessità o bene di lusso? Potrebbe esistere un mondo senz’auto? I nostri nonni risponderebbero sicuramente di sì alla seconda domanda ed “è un bene di lusso alla prima”. Oggi però,  complici la scarsa organizzazione dei mezzi pubblici e le distanze sempre più lunghe da percorrere quotidianamente, l’auto è diventata un’appendice dell’uomo. Quello che trasforma le quattro ruote in un bene di lusso sono piuttosto le tasse.  Continua a leggere

L’incubo delle donne? Dimenticarsi di pagare bollo e assicurazione dell’auto

Le donne di oggi sono impegnate. Lavoro, figli, marito, partenti, palestra. Sono dei veri e propri “animali multitasking”, con qualche piccolo neo naturalmente. Per esempio pare abbiano ancora grosse difficoltà a confrontarsi con il mondo dell’auto e soprattutto con le sue scadenze. Se difficilmente dimenticano di fare benzina, in poche comprendono la necessità di un tagliando periodico e si ricordano di pagare il bollo. Quest’ultima realtà è venuta alla luce durante un concorso di Samsung: “L’App che vorresti: vinci con Samsung”. La casa coreana aveva chiesto alle donne italiane di creare l’applicazione dei loro sogni.  Continua a leggere

Bollo auto, troppa evasione: “Tornare a esporre il contrassegno sul parabrezza”

Tornare al passato, quando era obbligatorio esporre sul parabrezza il contrassegno attestante il pagamento del bollo auto. E poi dotarlo di un microchip con le informazioni relative al pagamento e con la possibilità di lettura da parte degli autovelox, delle apparecchiature per controllare gli accessi alle ztl, dei dispositivi della rete autostradale e di altri rilevatori elettronici e telematici. È questa la ricetta proposta al Governo dal presidente del Centro Studi Promotor GL events Gian Primo Quagliano per condurre “una efficace azione di recupero del gettito evaso sul bollo auto che, secondo le stime, si attesta su 1 miliardi di euro all’anno: una cifra più che sufficiente per finanziare un programma di incentivi alle auto ecologiche”.  Continua a leggere

Jaguar XKR-S è l’auto sportiva dell’anno. È anche tra quelle con il bollo più alto

Nei giorni del Motorshow di Bologna fioccano le notizie sulle auto. Ed è la Jaguar XKR-S a potersi fregiare nel 2011 del titolo di “Auto Sportiva dell’Anno”. Un riconoscimento dato dall’autorevole magazine tedesco “Auto Bild Sportscars”, grazie ai voti di oltre 70mila dei suoi lettori. La XKR-S, la più potente vettura di serie mai prodotta da Jaguar, si è misurata, nella categoria “Coupé Sportive di serie” ottenendo il 14,3 per cento di tutti i voti, con la Mercedes C63 AMG e l’Audi RS5.  Continua a leggere

L’eurobollo arriverà entro due anni. Tariffe più salate per le auto più inquinanti

Chi inquina paga. Potrebbe essere questo il principio da applicare alle auto che circolano in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Lo ha detto Sandro Santomato, capo dell’unità di analisi economica all’interno della DG Move della Commissione Europea. “Le linee guida saranno presentata entro due anni”, ha dichiarato ad Autoactu.com Santomato, “e ciò potrebbe essere oggetto di una legislazione specifica, se necessario”. La finalità di questo provvedimento da parte della Commissione, che riprenderebbe l’Eurovignette già in vigore nel settore del trasporto merci su strada, è “l’applicazione a tutti i veicoli che circolano sulle strade del principio di internalizzazione dei costi sociali legati agli ingorghi, all’inquinamento, al rumore ed agli incidenti”. Il provvedimento potrebbe cambiare il panorama del bollo auto, introducendo così l’eurobollo legato all’inquinamento.  Continua a leggere

Niente accise sulla benzina e trasformare il bollo auto: ecco la ricetta dell’Aci

“Sopprimere le più antiquate accise sulla benzina e trasformare il bollo auto in una tassa di circolazione, proporzionale ai chilometri percorsi e alle emissioni di CO2”. Lo ha chiesto al governo il presidente dell’Aci, Enrico Gelpi, nella prima giornata del quarto Forum Internazionale delle Polizie Locali organizzato a Riva del Garda. Le famiglie italiane spenderanno 170 miliardi di euro nel 2011 per l’automobile, “una cifra al limite della sostenibilità”, ha detto Gelpi, “che impone un’immediata rivisitazione dei costi che gravano sull’auto”. Continua a leggere

Superbollo per le auto più potenti, il pagamento è da fare entro il 10 novembre

Si deve pagare entro il 10 novembre il superbollo per le auto con potenza superiore ai 225 kw. È infatti diventato operativo il decreto legge che prevede l’applicazione di un’addizionale erariale di 10 euro a kilowatt per le auto super potenti. Sono tenuti al pagamento, utilizzando il modulo F24, tutti coloro che, al 6 luglio 2011, data di entrata in vigore del Decreto-Legge 6 luglio 2011, n. 98, risultino essere proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria, come iscritto presso il Pubblico Registro Automobilistico.  Continua a leggere