Domeniche a piedi, 40 anni fa i primi blocchi. E nel 1973 si vendevano più auto

Sono passati 40 anni dalle prime “domeniche a piedi”. Era il 1973 e la decisione di fermare le auto scattò per effetto della grande crisi petrolifera generata dall’embargo decretato dall’Opec in seguito alla guerra arabo-israeliana dello Yom Kippur (6-25 ottobre). Tutti a piedi, quindi, negli Stati Uniti e anche nei Paesi alleati in Europa, Italia compresa. Il settore dell’auto venne messo in crisi in soli cinque giorni. Tra il 16 e il 20 ottobre, infatti, Arabia Saudita, Iran, Iraq, Abu Dhabi, Kuwait e Qatar, assieme alla Libia decisero, come risposta alle forniture militari Usa agli israeliani durante la guerra arabo-israeliana dello Yom Kippur, un aumento unilaterale del 70 per cento del prezzo del barile di petrolio seguito dal taglio della produzione e dall’embargo contro gli Stati Uniti e le nazioni alleate che sostenevano Israele. Continua a leggere

Smog alle stelle e neve chimica, ma nessuno se la sente di bloccare il traffico

Non piove ormai da settimane e l’aria, soprattutto al Nord Italia, continua a peggiorare. Questo anche a Milano dove da poco è entrata in vigore la riduzione del traffico in centro con l’avvio dell’Area C. Mercoledì le centraline dell’Arpa hanno infatti registrato un’impennata delle concentrazioni di polveri sottili che sono arrivate a triplicare la soglia di guardia al Verziere (163 mg/mc contro i 50 consentiti. Non va meglio nelle altre due postazioni in città: il Pm10 ha infatti toccato quota 133 e 134 mg/mc rispettivamente in via Senato e a Città Studi.  Continua a leggere

Blocchi del traffico e targhe alterne, decisioni comuni per Milano e l’hinterland

Addio ai provvedimenti a macchia di leopardo. D’ora in poi a Milano e nell’hinterland ci saranno decisioni e misure comuni per quello che riguarda i blocchi del traffico. È stato infatti raggiunto un accordo tra 44 sindaci (Milano in testa) per adottare provvedimenti comuni. In pratica, se Milano dovesse decidere per uno stop alle auto per la prossima domenica, verrebbe seguita da gran parte della provincia.  Continua a leggere

Blocco del traffico a Milano, ma c’è chi ha circolato lo stesso: 882 le multe

Sono 882 le multe date domenica a Milano in occasione del blocco del traffico, che ha fermato due e quattro ruote dalle 8 alle 18. I 200 agenti della polizia locale in servizio hanno controllato ben 3.787 veicoli emettendo 882 verbali di violazione dell’ordinanza anti-smog.  Continua a leggere

Blocco totale del traffico a Milano domenica, Pm10 ancora sopra i limiti

Lo smog non lascia Milano. Per il dodicesimo giorno consecutivo, infatti, sono stati superati i limiti consentiti per le concentrazioni di Pm10. Scattano quindi le misure previste dalle ordinanze volute dalla precedente giunta, quella guidata da Letizia Moratti, per contenere l’inquinamento. Da domani, giovedì 6 ottobre, in tutta la città non potranno circolare i veicoli più inquinanti, mentre domenica 9 ottobre ci sarà il blocco totale della circolazione dalle 8 alle 18.  Continua a leggere

Mobilità urbana, tutta l’Italia prenda esempio da Parma

Esiste una nuova realtà europea che si va sostituendo a quella nazionale nel proporre casi di eccellenza, testimoniando come grazie alle tecnologie avanzate e all’innovazione dei servizi sia possibile produrre importanti risultati di crescita intelligente, competitiva e sostenibile nel settore dell’autotrasporto, tutelando l’ambiente, aumentando la sicurezza. Una nuova realtà europea dalla quale che le istituzioni locali dovrebbero prendere come esempio per stabilire politiche di sviluppo efficaci, oltre che necessarie, per rinnovare le società,  contribuendo a mantenere una industria forte e competitiva. Continua a leggere

Boom di veicoli commerciali
a metano: in un anno +60,5%

Più 60,5 per cento. È un risultato decisamente positivo quello dei veicoli commerciali alimentati a metano, che nel 2010 hanno incrementato sensibilmente le vendite rispetto al 2009. Il dato è stato reso noto dall’Osservatorio Metanauto, che ha evidenziato il risultato, definito “molto positivo, a maggior ragione se si considera che in generale le vendite di veicoli commerciali nel 2010 sono cresciute solo del 6,16 per cento”.
L’andamento del mercato dei veicoli commerciali – spiega l’Osservatorio Metanauto – è stato influenzato dalla possibilità di usufruire, nei primi tre mesi del 2010, degli incentivi statali ancora validi per i veicoli ordinati entro il 31 dicembre 2009. Proprio per questo motivo la crescita maggiore è stata riscontrata nel primo trimestre del 2010. Il mercato ha così accumulato un buon margine che è riuscito a mantenere fino alla fine dell’anno. Continua a leggere

Smog, l’idea della Prestigiacomo: “Intervenire sui mezzi pesanti”

“L’unico modo per affrontare seriamente il problema dello smog è intervenire sui mezzi pesanti, i più inquinanti, prevedendo l’adozione di filtri, molto costosi per i proprietari di camion. Ma non sono stati trovati i soldi per finanziare gli incentivi”. In un’intervista al Corriere della Sera, il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo interviene sull’emergenza smog: “Noi il nostro lavoro lo abbiamo fatto. Ed è ancora valido”. Soluzioni come il blocco del traffico, la riduzione della velocità in autostrada, l’esclusione dei veicoli più inquinanti dal centro storico delle grandi città, non sono che “misure di scarsa efficacia” per il ministro, “anche se di forte valore educativo per i cittadini. Aiutano, ma non risolvono. D’altra parte i sindaci devono pur fare qualcosa perché hanno paura”. Continua a leggere

Gennaio nero anche per le moto, crollano le vendite degli scooter

Quattro ruote o due ruote? La differenza in questo caso non c’è. I dati di gennaio fanno infatti registrare percentuali negative anche per il mercato delle moto. Le vendite dei veicoli superiori a 50cc sono state 13.375, con un calo del 34,4 per cento rispetto all’anno precedente. Più contenuta la flessione dei “cinquantini”: -13,7 per cento a 3.561 unità. Unendo le due fasce, il calo delle due ruote è del 30,9 per cento. Dati che, come per le auto, sono influenzati dal confronto con un gennaio del 2010 in cui gli incentivi avevano spinto il mercato. L’inizio del 2011 registra soprattutto il crollo degli scooter (-43 per cento), mentre è meno sensibile il calo delle moto (-15,7 per cento). Continua a leggere

Il blocco del traffico? È inutile,
e gli esperti lo dicono da anni…

Diminuzione delle polveri del 95 per cento e CO2 a meno 40 per cento rispetto al 1990: questi i dati forniti non da “nemici dell’ambiente” ma da Corrado Clini, tecnico di valore, che opera presso il ministero dell’Ambiente. Aggiungiamoci quanto ha detto sul possibile legame fra i danni alla salute e lo smog dal professor Umberto Veronesi (“il 30 per cento dei tumori è dovuto a ciò che mangiamo, mentre solo il 4 per cento all’aria che respiriamo, nella quale la quantità giornaliera di benzene assunta per via inalatoria ipotizzabile nel peggiore dei casi risulta circa la metà rispetto a quella conseguente al fumo di una sigaretta che resta il nemico più pericoloso”) e il quadro è delineato. Pronto per essere “esposto” e mostrare l’itutilità del blocco della circolazione. Continua a leggere