La ripresa dipende dalla competitività

Il governatore della Banca centrale europea, Jean Claude Trichet, non ha avuto dubbi nell’indicare che anche il nostro Paese può agganciare più velocemente di altri la ripresa economica che nei prossimi mesi dovrebbe consolidarsi. Alla faccia di tutti gli uccelli del malaugurio e dei soloni che diffondono pessimismo. Un’evidenziazione importante tuttavia è stata  posta: condizione indispensabile per favorire la fase che si attende è migliorare la competitività del sistema Paese.

Continua a leggere

Assicurazioni e carburanti,
le lamentele di Federconsumatori

Costi di gestione dell’auto finiscono ancora una volta sotto la lente dei consumatori. Il presidente di Federconsumatori, Rosario Trafiletti, si è scagliato contro petrolieri e assicuratori, chiedendo al governo Berlusconi controlli e verifiche. “Abbiamo le tariffe dell’assicurazione auto più alte d’Europa”, ha detto Trafiletti, “i prezzi dei carburanti più elevati nella Comunità, abbiamo i prezzi delle telefonate e dei servizi telefonici più elevati di tutti, senza citare i costi e i servizi bancari che sono un vero e proprio freno allo sviluppo economico”. Continua a leggere

Sicurezza stradale, Matteoli
firma due protocolli d’intesa

Due passi avanti per la sicurezza stradale: questo almeno nell’intendimento del governo Berlusconi. Domani il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli (nella foto), firmerà con Poste Italiane e con Aci, Bmw Italia, Dorado Centro Internazionale Guida Sicura e Federazione Motociclista Italiana due protocolli d’intesa per avviare delle iniziative congiunte finalizzate alla promozione della comunicazione, informazione, formazione e prevenzione in materia di sicurezza stradale. I due protocolli si inseriscono nell’ambito della Campagna per la sicurezza stradale promossa dallo stesso Ministero. Continua a leggere

Anche la Marcegaglia chiede aiuti
per il mercato delle auto

Sostegno al mercato dell’auto. Dopo l’appello dell’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, la richiesta di proroga degli incentivi arriva anche dal presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. Ieri, parlando agli industriali di Frosinone, ha detto – come riporta il Sole 24 Ore – che “servono ancora sostegni a settori fondamentali come l’auto, l’edilizia o altri, per evitare crolli di produzione proprio nel 2010, quando speriamo in un miglioramento della congiuntura”. E proprio ora che si riparla di incentivi “sarebbe necessaria una regia della Ue, finora grande assente”. Continua a leggere

Settore auto, Marchionne chiede
una proroga degli incentivi

Sergio Marchionne chiede una proroga degli incentivi per le auto. L’amministratore delegato del Gruppo Fiat e di Chrysler ha lanciato il suo appello al Salone dell’auto di Francoforte e le sue dichiarazioni sono state riprese anche da tutti i media nazionale. Continua a leggere

Mezzogiorno, dall’Anas 39 miliardi
per le infrastrutture viarie

L’Anas punta sul Mezzogiorno. In primo piano ci sono il Ponte sullo Stretto e l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, ma gli interventi in programma non si fermano alle due “opere di punta”. “L’Anas”, ha dichiarato il presidente Pietro Ciucci alla Fiera del Levante di Bari, “ha lavori in corso di realizzazione o di prossimo avvio nel Mezzogiorno per un totale di 23,3 miliardi euro a cui si aggiungeranno altri 15,8 miliardi di euro per gli interventi programmati. In totale gli investimenti per le infrastrutture nel Sud Italia ammontano a oltre 39 miliardi di euro, che costituiscono il 55 per cento dell’intera spesa programmata per questo settore in tutto il Paese, pari a 70,7 miliardi di euro”. Continua a leggere

Consumatori: «Rc auto aumentate
del 155 per cento in 15 anni»

«L’Italia, vero e proprio paradiso per cartelli, monopoli e oligopoli che hanno rafforzato il loro dominio negli ultimi 15 mesi favoriti da un governo Giano bifronte»: questa la denuncia di due associazioni dei consumatori, l’Adusbef e Federconsumatori, secondo le quali le maggiori stangate delle “finte liberalizzazioni” sono state registrate nel settore Rc Auto.
«In regime di prezzi amministrati ante 1994, gli assicurati obbligati a contrarre una polizza 15 anni fa pagavano una media di 361 euro (700mila lire)», spiegano in un comunicato, «costi che lievitavano a 868 euro nel 2006, con un rincaro del 140,5 per cento, per passare a 903 euro nel 2007 (+35 euro) e a 948 euro nel 2008 (+45 euro), a 995 nel 2009 (+ 47 euro), diversamente da altri Paesi UE, come Francia, Spagna, Germania, dove gli aumenti registrati negli stessi anni non hanno mai superato la soglia dell’86 per cento. I costi medi delle tariffe obbligatorie Rc auto in questi 15 anni (2004-2009) sono più che raddoppiati, passando da 391 euro del 2004 a 995 euro nel 2009, con una incidenza di valore di + ben 604 euro e una percentuale del + 155,1 per cento». Continua a leggere

La Salerno-Reggio Calabria
fra le priorità del Governo

 

Fra le priorità inserite nell’agenda di Governo e da discutere immediatamente dopo la pausa estiva il  presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha indicato cinque opere strategiche per il Sud del Paese: l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, il Ponte sullo Stretto di Messina, la strada statale 106 Jonica, la ferrovia veloce Napoli-Bari e l’ammodernamento dell’asse ferroviario Salerno-Reggio Calabria-Palermo-Catania. Realizzata dal 1966 al 1974 la Salerno-Reggio Calabria assomiglia più a una strada statale che a un’autostrada, priva com’è di corsia d’emergenza, ed è teatro di ingorghi e incidenti quotidiani. Continua a leggere

Uggè: senza tracciabilità non può
esserci sicurezza per strada

«La nuova scheda di trasporto deve assicurare l’assoluta tracciabilità nelle operazioni di trasporto,  consentendo di poter ricostruire qualsiasi operazione e di poter individuare le singole responsabilità di tutti coloro che sono protagonisti della spedizione e della consegna di una merce, dal produttore al destinatario finale». Con queste parole Paolo Uggè, presidente nazionale di Fai Conftrasporto, ha commentato le dichiarazioni del sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, intervenuto sul “caso scheda di trasporto” per rassicurare sulla volontà del Governo di garantire la sicurezza sulle strade, garanzia che passa proprio attraverso l’istituzione della nuova scheda.   Continua a leggere

Licenziamo gli autisti trovati
ubriachi o drogati alla guida

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2GZ7HjwhSPU&fmt=18[/youtube]

Se un autista di Tir o di pullman guida sotto l’effetto di droga o alcol, e mette così a repentaglio la vita sua e soprattutto degli altri, deve poter essere licenziato, per giusta causa. A chiederlo a gran voce è, ancora una volta, Paolo Ugge, presidente nazionale di Fai Conftrasporto e già sottosegretario ai Trasporti nel primo Governo Berlusconi, che rinnova al Governo l’invito a compiere un ulteriore passo in avanti sulla strada della sicurezza per strada.