Benzinai, confermato lo sciopero: distributori chiusi da martedì a venerdì

Lo sciopero dei benzinai ci sarà. Il tavolo convocato oggi al ministero dello Sviluppo economico non ha portato risultati. I gestori hanno quindi deciso di confermare l’agitazione, che partirà dalle 19 di domani, martedì 11 dicembre, e durerà fino alle 7 di venerdì 14 dicembre sulla rete ordinaria. Il tavolo di lunedì, al quale sono state invitate anche le compagnie petrolifere, era stato convocato la scorsa settimana, al termine della riunione con i gestori di Fegica Cisl, Figisc Confcommercio e Faib Confesercenti.  Continua a leggere

Sciopero confermato, benzinai chiusi nel primo fine settimana di agosto

Lo sciopero è confermato. I benzinai resteranno chiusi sabato 4 e domenica 5 agosto. La decisione è arrivata dopo l’incontro tra Faib, Fegica e Figisc/Anisa e la Commissione di Garanzia per gli scioperi, che ha confermato la legittimità della chiusura per il 4 e il 5. I sindacati hanno invece aderito alla richiesta dell’Authority di escludere dallo stop la giornata del 3 agosto. Gli impianti resteranno chiusi sia sulle strade sia sulle autostrade per tutto il primo fine settimana di agosto.  Continua a leggere

Benzina, guida al risparmio: online il manuale per consumare e inquinare meno

In un periodo in cui il costo della benzina incide sui bilanci famigliari e contemporaneamente si guarda con sempre maggiore attenzione alla qualità dell’aria, diventa uno strumento utile e interessante la “Guida sul risparmio di carburanti e sulle emissioni di C02 delle autovetture”. Si tratta della più recente edizione di un volume disponibile online (clicca qui) sul sito del  Ministero dello sviluppo economico, che ne ha curata la realizzazione insieme ai dicasteri dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare e delle Infrastrutture e trasporti.  Continua a leggere

Benzina troppo costosa, i petrolieri: “Cercate i distributori più convenienti”

“La media dei prezzi della benzina in Italia è superiore alla media europea di tre centesimi al litro, ma in alcuni distributori abbiamo anche prezzi più competitivi rispetto all’Europa”. Lo ha detto Pasquale De Vita, presidente dell’Unione Petrolifera, uscendo dall’incontro al ministero dello Sviluppo economico sui prezzi del carburante, sottolineando le riduzioni di prezzo degli ultimi giorni e invitando “l’utenza a fare qualche sacrificio andando a cercare i distributori più convenienti e i self service”. Continua a leggere

Benzina troppo cara, il governo: “Ridurre subito i prezzi di 4-5 centesimi al litro”

“Il governo si aspetta da oggi stesso una riduzione dei prezzi del carburante di almeno 4-5 centesimi al litro, oltre alla riduzione di 2 centesimi già avvenuta”. Lo ha detto Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo economico al termine dell’incontro con la filiera dei carburanti. Il sottosegretario ha rivolto un fermo invito sia ai distributori sia alle compagnie ad allineare il prezzo alla media europea. De Vincenti ha infine ribadito che “il prezzo deve scendere in base al Platt’s”, cioè il listino internazionale. Il governo si aspetta quindi nuovi ribassi che si dovrebbero sommare a quelli registrati da Staffetta Quotidiana anche martedì mattina (clicca qui per leggere i prezzi compagnia per compagnia)

Continua a leggere

Carburanti, finalmente scendono i prezzi. Ecco quanto si paga dai vari distributori

Arrivano i ribassi per i prezzi dei carburanti. A cinque giorni dal calo di Eni di sabato scorso, giovedì mattina le altre compagnie hanno messo mano ai listini, riducendo i prezzi alla pompa. Scendono con forza le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito (clicca qui per vedere tutti i prezzi): la benzina perde 0,8 centesimi a 1,890 euro/litro, il diesel cala di 0,2 centesimi a 1,767 euro/litro. Invariato il Gpl Eni a 0,854 euro/litro. In aumento la media nazionale dei prezzi del metano a 0,967 euro/kg (+0,3 centesimi). Continua a leggere

La benzina muove l’inflazione: in un anno verde più cara del 20,8 per cento

In un anno il prezzo della benzina è aumentato del 20,8 per cento. Lo afferma l’Istat che ha reso noto le stime preliminari relative all’inflazione ad aprile. Rispetto a marzo, quando si registrò una crescita del 18,6 per cento, c’è stata quindi una forte accelerazione. L’Istat rileva anche che quello di aprile è il rialzo tendenziale più alto almeno da gennaio 1996.  Continua a leggere

Benzina e gasolio un po’ meno cari: abbassano i listini Ip, Tamoil e TotalErg

Inizia a scendere il prezzo dei carburanti. Come spiega Staffetta Quotidiana, la settimana si è aperta con un ribasso dei prezzi internazionali, sia per la benzina sia per il gasolio. La quotazione della verde si è attestata a 640 euro per mille litri (-4), quella del diesel a 653 euro per mille litri (-7). Una diminuzione che, questa volta, si vede anche per i prezzi ai distributori (clicca qui per leggere i prezzi compagnia per compagnia). Dopo i ribassi sul diesel del weekend, martedì mattina anche sulla benzina ci sono stati dei cali. Continua a leggere

Carburanti, Passera pensa al taglio delle accise: “Possibile un passo indietro”

Potrebbero diminuire le accise sulla benzina. Il ministro dello sviluppo Corrado Passera ha annunciato che potrebbe esserci un passo indietro dopo i ripetuti aumenti dell’imposta, che negli anni ha accumulato innumerevoli rincari che risalgono addirittura alla guerra di Abissinia del 1935. E che hanno portato questa tassa a pesare nel 2011 per il 70 per cento sui rincari dei carburanti. “Siccome sulle accise c’è stato un intervento molto forte è possibile che quando parleremo di sgravi con la lotta all’evasione se ne discuta. Si valuterà se tornare parzialmente indietro”, ha detto Passera. Il ministro ha anche avvertito che “se ci sarà un calo del prezzo del petrolio dovrà riflettersi sul costo”, annunciando che il Governo valuta “il meccanismo tra i prezzi di mercato e i prezzi alla pompa”.  Continua a leggere

Salgono le quotazioni, riprende a volare la benzina. Timidi ribassi per il diesel

È come un elastico che si tira solo da una parte. Quando le quotazioni internazionali della benzina salgono, i prezzi alla pompa immediatamente vengono ritoccati verso l’alto. Quando scendono, i prezzi restano stabili. Come spiega Staffetta Quotidiana, giovedì si è interrotta bruscamente la tendenza al ribasso, che durava da una settimana, delle quotazioni internazionali della benzina. Un aumento che si è subito trasferito sui prezzi alla pompa (clicca qui per vedere i prezzi compagnia per compagnia), con la verde sempre più cara.  Continua a leggere