Il sesso in auto fa paura, a Bari un intero quartiere è sotto assedio

Sarà anche una trasgressione molto apprezzata dagli italiani quella di fare sesso in auto, ma per chi vive nei quartieri dove questa pratica è diffusa la situazione può diventare insostenibile. Ne sanno qualcosa a Palese, popoloso quartiere di Bari un tempo Comune a se, oltre che sede dell’aeroporto pugliese. Sulla via Nazionale, all’altezza dell’uscita B, a pochi metri dal Cara, il centro di accoglienza per richiedenti asilo, alcuni residenti non riescono più a neanche a rientrare nelle loro case, per la presenza di auto parcheggiate e per paura di trovare qualcuno nei cortili che pratichi sesso a pagamento.  Continua a leggere

Kart in piazza per la sicurezza stradale. Appuntamenti a Maranello e al Mugello

Ha il patrocinio della Fia (Federazione internazionale automobilistica) la manifestazione “Kart in Piazza 2012”, che ha coinvolto e coinvolgerà nelle principali città italiane migliaia di ragazzi dai sette ai nove anni con le loro famiglie, insegnandogli le fondamentali regole di guida al volante di kart appositamente allestiti. L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Aci attraverso vari Automobile Club provinciali come Bari, Modena e Firenze, in collaborazione con Csai – Commissione Sportiva Automobilistica Italiana e Aci Sport.  Continua a leggere

Matteoli difende il Corridoio Berlino-Palermo: “è prioritario e non modificabile”

“Sul Corridoio Europeo Berlino-Palermo, il Governo italiano non ha mai cambiato opinione ritenendolo prioritario e non modificabile”. Così il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, che il 9 settembre ha inviato una lettera al vicepresidente della Commissione Europea Siim Kallas, con delega ai Trasporti. “Riguardo alle voci che fanno riferimento a un eventuale intendimento – a livello tecnico – della Commissione Europea per una sostituzione del Berlino-Palermo con una nuova direttrice Helsinki-La Valletta”, spiega Matteoli in una nota, “abbiamo subito contrapposto la nostra netta contrarietà con vari interventi politici e tecnici, l’ultimo dei quali è la lettera” inviata a Kallas.  Continua a leggere

Sgominata una banda, realizzava cronotachigrafi dei Tir taroccati

Alteravano i cronotachigrafi dei camion per permettere ai mezzi pesanti di circolare su strade e autostrade senza rispettare i tempi di guida e di riposo. L’organizzazione è stata scoperta dalla polizia stradale di Vicenza, che ha arrestato quattro persone. Secondo quanto accertato dalla Polstrada l’organizzazione operava nell’hinterland milanese, con collegamenti in sette regioni italiane. Continua a leggere

Ecco quali sono le strade più pericolose in Italia e in Europa

Sono la diramazione Predosa-Bettole sulla A26, il tratto della A25 tra Torano e Avezzano e quello della A14 tra Bari nord e Taranto nord i punti più pericolosi d’Italia. Lo dice l’edizione 2011 dell’Atlante Europeo della Sicurezza stradale, realizzato dall’Aci nel consorzio degli Automobile Club internazionali che dà vita a EuroRAP, il programma europeo per la sicurezza delle infrastrutture. Dall’analisi si scopre che, rispetto a molti Paesi europei, la situazione in Italia non è così drammatica. L’Atlante ha preso in esame le autostrade, con risultati incoraggianti: tutte le tratte superano infatti qualitativamente la media europea, anche se i tre punti della A26, A25 e A14 evidenziano criticità più elevate rispetto al resto del Paese. Continua a leggere

Venerdì lo sciopero generale della Cgil, trasporti fermi in tutta Italia

Disagi e traffico in tilt. È questo lo scenario che potrebbe caratterizzare le città italiane venerdì 6 maggio quando è in programma lo sciopero generale della Cgil. I trasporti resteranno fermi quattro ore. Piloti, assistenti di volo e personale di terra degli aeroporti scioperano dalle 10 alle 14. Lo stop dei treni sarà dalle 14 alle 18. Bus, metro, tram e ferrovie concesse si fermeranno secondo modalità stabilite localmente e nel rispetto delle fasce di garanzia. Continua a leggere

Inquinamento, dati allarmanti: 29 capoluoghi sono già fuorilegge

Sono 29 i capoluoghi già fuorilegge per le polveri sottili per aver superato il limite europeo di 35 giorni. Il triste primato spetta a Torino, con 74 giorni di superamento della soglia, seguita da Milano e Verona con 67 superamenti, e Brescia che al 26 aprile registrava già 63 giorni di sforamento. Sono questi i primi risultati della campagna promossa dal Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato, realizzata quest’anno con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la collaborazione di Anci e il contributo di Telecom. Continua a leggere

Presidenti dei porti, chiesta l’intesa sulle nomine a Lazio e Puglia

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ha chiesto ai presidenti delle Regioni Lazio, Renata Polverini, e Puglia, Nichi Vendola, l’Intesa per la nomina dei presidenti delle Autorità portuali di Bari, Brindisi, Civitavecchia e Taranto. I prescelti, individuati tra le terne ricevute da parte degli Enti interessati, sono Francesco Mariani per Bari, Hercules Haralambides per Brindisi, Pasqualino Monti per Civitavecchia e Sergio Prete per Taranto. Continua a leggere

Mezzi pubblici fermi, ecco gli orari dello sciopero nelle principali città

Disagi in vista per chi deve viaggiare con i mezzi pubblici. Da questa sera infatti scatta lo sciopero dei treni, mentre venerdì resteranno fermi bus, metro e tram. Lo sciopero nazionale di 24 ore è stato proclamato dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast “per il mancato rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre due anni e per i tagli al trasporto locale”. Diverse le modalità di adesione allo sciopero da città a città. Ecco le principali: Continua a leggere

Sicurezza stradale, problemi di udito per un automobilista su tre

Un italiano su tre soffre di carenze uditive, un problema che cresce con l’aumentare dell’età e che peggiorerà in futuro. Di questo tema si è discusso nel corso della tavola rotonda “Sicurezza stradale e udito” che si è svolta alla Camera dei deputati. Secondo l’Istat gli ultra 65enni aumenteranno dai 12 milioni di oggi a più di 20 milioni nel 2050. Persone che continueranno a guidare l’auto, con il rischio di un peggioramento dei livelli di sicurezza sulle strade se non verrà adottata una strategia contro la sordità e l’ipoacusia. “Il Codice della strada è un cantiere costantemente aperto”, ha detto il presidente della commissione Trasporti della Camera, Mario Valducci, nel suo intervento. “Sul tema dell’udito, oggi la tecnologia ci permette di misurare accuratamente il deficit uditivo, fattore molto importante per la sicurezza di tutti noi”. Continua a leggere