225 vetture ogni chilometro d’asfalto, all’Italia il record della densità stradale

Ci sono più auto, moto, camion, ma strade e autostrade sono sempre quelle. O quasi. E così l’Italia conquista un record mondiale: quello della densità del parco veicoli circolante (41,4 milioni di unità) rispetto alla propria rete stradale. Il dato emerge dal Libro bianco su Trasporti e Infrastrutture presentato mercoledì da Confcommercio in cui si afferma che l’aumento del parco veicoli, rispetto al 1970, è stato del 271 per cento, a fronte di una crescita dell’intera rete stradale del paese del 34 per cento. Si dunque è passati da 81 a 225 veicoli per ogni chilometro di strada disponibile. Continua a leggere

Le auto come dei bancomat, macchine penalizzate da fisco e rincari

“Auto uguale bancomat. Un assioma del Fisco, soprattutto in tempi di crisi, quando i consumi e i conti delle famiglie si assottigliano e l’Erario guarda con più cupidigia a forme di tassazione immediata ed ineludibile, con incrementi fiscali su carburanti, Rc-Auto e pedaggi”. Parola del presidente nazionale dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, che sull’ultimo numero di Automobile, la rivista dei soci Aci, parla di auto e fisco. Rincari e tasse che, secondo Sticchi Damiani, comprometto l’amore degli italiani per l’auto.  Continua a leggere

Mobilità sostenibile a Venezia: Trofeo Tartaruga alla bici elettrica, ultimo il bus

Le due ruote si confermano il mezzo più veloce, ecologico ed economico per muoversi a Venezia. I ciclisti sono infatti i vincitori del Trofeo Tartaruga 2012, la speciale gara dedicata alla mobilità sostenibile organizzata dal Treno Verde, la celebre campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane realizzata con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il contributo di Enel Green Power. A contendersi il podio cinque concorrenti che, a bordo di diversi mezzi di trasporto, hanno attraversato le strade cittadine dal piazzale del Palaplip, la casa dell’Altraeconomia Veneziana, effettuando una sosta intermedia presso le Poste centrali in Piazzale Donatori del Sangue diretti al piazzale antistante la stazione ferroviaria di Mestre FS, dove per l’occasione è stato allestito il traguardo del Trofeo Tartaruga. Continua a leggere

Serenate, poesie d’amore e discorsi romantici: c’è chi ama solo la propria auto

Persone innamorate di uno o più oggetti. Qualcosa di più di una passione feticista, ma vere e proprie relazioni. Il quotidiano londinese “The Sun” dedica un’inchiesta al fenomeno degli objectophiles: così vengono definite le persone che soffrono di questa sorta di malattia paragonabile all’autismo. Il fenomeno viene studiato da tempo: nel 1877 un giardiniere venne arrestato perché stava cercando di avere rapporti sessuali con una copia della Venere di Milo. Più recentemente, l’americano Edward Smith ha dichiarato il suo amore per la sua Volkswagen Beetle color vaniglia, ammettendo di aver avuto “relazioni” con molti veicoli.  Continua a leggere

Traffico e caro-benzina: gli italiani comprano gli scooter. Crollano auto e moto

Gli italiani riscoprono gli scooter. Mentre crolla il mercato dell’auto (-26,72 per cento) e le moto sopra i 50 cc soffrono (a marzo -4,4 per cento), gli scooter hanno dato una bella accelerata alle statistiche chiudendo marzo con un aumento di vendite del 5,6 per cento a 17.297 unità. Non si sa se sia merito della primavera o forse colpa del caro-benzina e della crisi. Intanto gli scooter si godono la loro isola felice, almeno a marzo (a febbraio c’era stato un tonfo con -37,4 per cento), con il Gruppo Piaggio che consolida la leadership in Italia (25,6 per cento di quota di mercato). Continua a leggere

Sesso in auto, una passione italiana: sui sedili è meglio davanti o dietro?

Nella teoria dei giornali inglesi sarebbe l’aumento dello spread, unito alla crescente disoccupazione giovanile, la causa principale del ritorno alla passione in auto nelle zone più romantiche di Napoli (clicca qui). Ma le statistiche d’oltremanica trovano conferma anche in Italia: secondo i dati raccolti dal Centro studi e documentazione Direct Line, la più grande compagnia di assicurazioni auto on line, infatti l’80 per cento degli italiani non ha problemi a fare sesso in auto. Forse perché in auto ci si sente un po’ a casa, o forse perché tra le mura domestiche manca proprio l’intimità desiderata, in ogni caso otto italiani su dieci si sono dichiarati favorevoli e per nulla intimiditi dal sesso in auto.  Continua a leggere

Gite fuori porta rigorosamente in auto: Umbria e Toscana le mete preferite

L’auto è ancora il mezzo perfetto per allontanarsi dalla quotidianità, con la comodità di avere con sé una piccola estensione della propria casa o postazione lavorativa. L’ultima ricerca è del portale specializzato in vendita di veicoli e usati automobile.it. “Viaggiare è sempre più una consuetudine, un’attività amata e praticata dalla maggior parte degli italiani, nonostante la recessione economica e il calo di clienti registrato dal settore ricettivo: cambiano le destinazioni, la durata dei soggiorni e le modalità di spostamento, ma nessuno rinuncia a un weekend fuori porta appena ne ha l’occasione”.  Continua a leggere

Al lavoro con i mezzi pubblici, a Brescia tariffe scontate del 30 per cento

Per ridurre il numero delle auto in circolazione, quantomeno quelle dei pendolari, servono incentivi. E così a Brescia viene salutato con grande favore il progetto EcopAssi, promosso da Euromobility e dal Comune e cofinanziato dalla Fondazione Cariplo. Nel luglio dello scorso anno era partita un’indagine tra i commercianti e i lavoratori per studiare i tragitti percorsi ed eventuali incentivi alla mobilità sostenibile. I risultati della ricerca sui dipendenti (200 i questionari compilati su 400 distribuiti) hanno evidenziato che l’automobile è il mezzo di trasporto più diffuso, utilizzato dal 39 per cento dei lavoratori della zona corso Zanardelli-corso Palestro.  Continua a leggere

La vendetta contro l’auto dell’ex? Sedili urticanti e deodoranti all’aglio

A San Valentino gli innamorati si scambiano effusioni e regali. Ma c’è anche chi l’amore non l’ha più ed è rimasto con il dente avvelenato. Giocando su questo sentimento, Facile.it ha effettuato un sondaggio per sapere come si vendicherebbero dell’ex che li ha traditi gli automobilisti e le automobiliste italiane.  E così alla domanda “cosa regaleresti all’auto dell’ex che ti ha fatto soffrire?” gli amanti traditi hanno risposto con un pizzico di cattiveria e tanta ironia. La risposta più gettonata è regalare un’autoradio che trasmetta solo canti melodici, scelta dal 21 per cento degli intervistati. Riscuotono molto successo anche i sedili urticanti (17 per cento) e le cinture di sicurezza che macchiano i vestiti (13 per cento).  Continua a leggere

Auto mon amour, per San Valentino ti regalo le ali e il pilota automatico

Per qualcuno è la fidanzata ideale. Sarà per quella linea perfetta o per quelle curve da capogiro. Per lei, l’auto ovviamente, molti italiani farebbero pazzie. Un amore unico a cui fare un regalo di San Valentino. Cosa donerebbero gli italiani alla propria vettura? È questa la domanda che Facile.it, comparatore di polizze Rc, di mutui e conti correnti, ha inviato a oltre 140mila persone ottenendo risposte che testimoniano come lo stress alla guida sia particolarmente sentito. Un italiano su cinque (il 21 per cento) regalerebbe alla propria auto il pilota automatico, per dedicare più attenzione ai paesaggi e meno alla strada, mentre il 18 per cento del campione ha pensato a un pass speciale per parcheggiare ovunque.  Continua a leggere