L’anno d’oro di Mercedes, primo marchio premium al mondo con oltre 2 milioni di auto

È Mercedes Benz il primo costruttore “premium” al mondo. Lo ha annunciato il numero uno del Gruppo, Dieter Zetsche, che ha parlato di oltre due milioni di veicoli venduti nel 2016. “Un obiettivo raggiunto con quattro anni di anticipo rispetto al 2020” previsto, ha detto. Zetsche ha precisato che “il 2016 è stato l’anno di maggior successo nella storia di Mercedes Benz. Con le nuove auto con design d’avanguardia che ispirano i nostri clienti e con una crescita particolarmente forte, soprattutto in Cina e in Europa, abbiamo risalito la cima del segmento premium. E stiamo accelerando ulteriormente con le nuove tecnologie, prodotti e servizi”.   Continua a leggere

La crisi del mercato dell’auto non spaventa il lusso, Porsche continua a crescere

Genf 3.3.2015La crisi non spaventa il lusso e la conferma viene anche in questo inizio di 2015 di economia stagnante e timidissimi segnali di ripresa. C’è insomma chi continua a camminare a gonfie vele anche nel settore delle auto, senza bisogno di incentivi, di motori elettici (gli ibridi sì però…), sconti o campagne a interessi zero. Nel mese di febbraio 2015, il costruttore di vetture sportive tedesco Porsche ha consegnato ai propri clienti in tutto il mondo più di 14.800 nuove vetture. Nei primi due mesi dell’anno, Porsche AG ha venduto circa 30.900 vetture registrando una crescita di oltre un terzo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Continua a leggere

Auto di lusso, boom delle italiane: record di vendite per Maserati e Lamborghini

Veloci, costose, lussuose. Ma anche amatissime e ricercate. Il 2014 è stato un anno da incorniciare per due prestigiosi marchi italiani, Maserati e Lamborghini, che hanno fatto registrare vendite da record. Nell’anno del centenario, Maserati ha consegnato nel mondo circa 36.500 vetture, con un incremento del 136 per cento sul 2013 e moltiplicando quasi per sei le vendite rispetto al 2012. La crescita ha interessato tutti i principali mercati. Continua a leggere

Rubavano auto di lusso e le portavano all’estero: arrestate quattro persone

Rubavano auto di lusso in Italia per poi rivenderle nei Paesi dell’Est Europa. Superando tutti gli ostacoli rappresentati dai vari antifurti, anche quelli satellitari. Quattro persone sono state arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Roma e altre cinque sono state denunciate. Gli arrestati sono un italiano di 37 anni e tre cittadini polacchi. Numerosi i furti su commissione compiuti dalla banda. Nel mirino finivano auto di grossa cilindrata, soprattutto suv di marche prestigiose come Porsche, Mercedes, Land Rover e Toyota. Continua a leggere

La crisi dell’auto non è per tutti, crescono i numeri di Porsche: boom di Panamera

Nonostante la crisi sembra che le Porsche vadano via “come il pane”. Ok, non proprio come il pane, ma i numeri della casa di Stoccarda sono importanti. Ad aprile 2104, Porsche ha incrementato nuovamente le consegne ai clienti: con 16.300 vetture vendute, il costruttore di vetture sportive ha ottenuto un aumento del 7 per cento rispetto al già brillante risultato dell’aprile 2013. Da gennaio ad aprile di quest’anno, Porsche ha consegnato ai clienti più di 55.000 vetture nuove (+ 5,2 per cento). In particolare, la Panamera Gran Turismo ha registrato una forte domanda a livello internazionale segnando l’incremento maggiore dell’anno in corso pari al 17 per cento. Continua a leggere

Ferrari, vendite in calo ma bilancio record. Montezemolo confermato presidente

L’assemblea degli azionisti Ferrari ha approvato il bilancio 2013 che ha registrato fatturato, utili e posizione finanziaria record ottenuti riducendo le vendite. Come anticipato da Ferrari nelle scorse settimane, la strategia di contenere il numero di vetture prodotte per preservare l’esclusività e il valore nel tempo ha dato ottimi risultati. Infatti, malgrado le vendite siano diminuite del 5,4 per cento (6.922 vetture consegnate alla rete), il fatturato è salito a 2,3 miliardi di euro (+ 5 per cento), l’utile della gestione ordinaria ha toccato i 363,5 milioni di euro (+ 8,3 per cento) e l’utile netto i 246 milioni di euro (+5,4 per cento).  Continua a leggere

I monsignori rinunciano all’auto di lusso. Seguito l’esempio di Papa Francesco

“A me fa male quando vedo un prete o una suora con un’auto di ultimo modello: ma non si può”. Le parole che Papa Francesco aveva esclamato il 6 luglio scorso incontrando in Vaticano i seminaristi, i novizi e le novizie in pellegrinaggio a Roma per l’Anno della Fede non sono state vane. L’appello di Bergoglio, che aveva comunque definito l’auto “necessaria” non è caduto nel vuoto. “Si deve fare tanto lavoro, spostarsi tanto, ma prendetene una più umile. Se prendete quella bella, pensate a quanti bambini muoiono di fame. Soltanto quello. La gioia non viene dalle cose che si hanno”, aveva detto il Papa. E così ora sono oltre una ventina i presuli e i monsignori che hanno rinunciato alla berlina di lusso per una più economica utilitaria. Continua a leggere

Fare sesso su auto di lusso, arriva il manuale con le posizioni giuste

Un concessionario cinese ha lanciato una curiosa iniziativa. Il commerciante d’auto ha messo in vendita quattro modelli di macchine di lusso corredati da un opuscolo che illustra le migliori posizioni sessuali da riprodurre all’interno dell’abitacolo trasformato in un vero e proprio ring del sesso. Il valore delle auto messe in commercio con tanto di kamasutra illustrato va dai 50mila ai 250mila dollari, trattandosi di Hummer, Bentley e affini. Continua a leggere

Prete compra un’auto di lusso con i soldi della chiesa. Poi si pente e si dimette

Ha comprato un’auto di lusso con i soldi della sua chiesa. Poi, forse stimolato dalle parole di Papa Francesco, ha deciso di confessare ai suoi fedeli il peccato commesso. Un sacerdote brasiliano ha annunciato le sue dimissioni nel corso di una messa celebrata a Vila Velha, nello Stato di Espirito Santo. Padre Pedro Camilo, pentito, ha detto di aver chiesto ai suoi superiori di essere allontanato dalle funzioni per un po’ tempo, prima di decidere sul suo futuro.  Continua a leggere

Auto rubata o venduta all’estero? Scoperta una maxi truffa da 800mila euro

Il guadagno era doppio: si vendeva l’auto all’estero e poi si denunciava il furto all’assicurazione, ottenendo illecitamente un risarcimento. Un giro illegale messo in pratica da un’organizzazione composta da marocchini e italiani scoperta dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia. Venti le persone denunciate per associazione a delinquere finalizzata alla commissione dei delitti di simulazione di reato, ricettazione, riciclaggio e truffa ai danni di compagnie assicurative.  Continua a leggere