Gomme invernali addio, è tempo di montare quelle estive (molto più sicure in frenata)

Il periodo che va da metà aprile a metà maggio non rappresenta soltanto, per moltissimi, il “cambio degli armadi”, col passaggio dai capi autunnali invernali a quelli primaverili estivi. E’ anche periodo di cambio delle gomme per moltissimi automobilisti. Dal 15 aprile, scade infatti l’obbligo di circolare con pneumatici invernali in tutta Italia ritornando, entro il 15 maggio, alla “versione “estiva che rappresenta un passo importante anche verso la sicurezza stradale, considerato che con le gomme “estive” c’è una riduzione dello spazio frenata fino al 20 per cento. Continua a leggere

Quale motore scegliere? E il diesel va davvero condannato? Per scoprirlo c’è Forum Automotive

“Lotta alle emissioni: diesel da assolvere” e “Cittadini nel caos: quale motore scegliamo?” Sono questi i temi al centro del nuovo appuntamento con Forum Automotive, evento ideato dal giornalista Pierluigi Bonora per aiutare a capire il mondo dei trasporti e tutto quanto a esso collegato a partire dall’inquinamento ambientale, in programma domenica 17 marzo all’Enterprise Hotel in Corso Sempione, 91 a Milano. Un dibattito per capire se tutte le “accuse” mosse ai motori diesel (in molti casi con tanto di condanna già emessa e senza appello) sono davvero “giuste”, attraverso uno studio illustrato da Claudio Spinaci, presidente dell’Unione petrolifera, in programma alle 17.30, e per aiutare il “popolo degli acquirenti di auto” in una scelta che probabilmente non è mai stata complicata come oggi, grazie a un’indagine realizzata dalla Doxa, e presentata, in chiusura di lavori, da Barbara Galli, business unit director della più importante azienda indipendente italiana di ricerche di mercato.  Continua a leggere

Il cambio gomme finisce nella dichiarazione dei redditi? “Dedurre il 50 per cento della spesa”

Dare ai cittadini la possibilità di dedurre dalla dichiarazione dei redditi la spesa per l’acquisto degli pneumatici. La richiesta arriva da Assogomma che parla di “un evidente vantaggio per la comunità”. “Se il Governo consentisse, al pari dell’acquisto di arredi divani o sostituzione di sanitari di poter mettere in deduzione nella denuncia dei redditi il 50 per cento della spesa per pneumatici più performanti si otterrebbe un effetto sulla riduzione dei consumi di carburanti e quindi delle relative emissioni, garantendo al tempo stesso maggiore sicurezza stradale grazie a più ridotti spazi di frenata su bagnato”, si legge in una nota dell’associazione.  Continua a leggere

Pneumatici deducibili dalle tasse? Assogomma: benefici anche per l’ambiente

”Se il Governo consentisse, al pari dell’acquisto di arredi e divani o alla sostituzione dei sanitari, di poter mettere in deduzione nella denuncia dei redditi il 50 per cento della spesa per pneumatici più performanti, quelli cioè di classe A, B o C (così come previsto dal regolamento UE n.1222/2009), si otterrebbe un effetto sulla riduzione dei consumi di carburanti e quindi delle relative emissioni, garantendo al tempo stesso maggiore sicurezza stradale grazie a più ridotti spazi di frenata su bagnato”. La richiesta arriva da Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma, l’associazione che raggruppa i produttori di pneumatici presenti in Italia (Bridgestone, Continental, Goodyear Dunlop, Michelin e Pirelli). Continua a leggere

Pneumatici invernali obbligatori, ecco i simboli e le sigle che li identificano

I primi freddi sono alle porte e anche l’auto ha bisogno di alcuni accorgimenti: come le gomme invernali che garantiscono, in caso di basse temperature, prestazioni superiori in aderenza, motricità e frenata nelle condizioni critiche. Pneumatici che, in ogni caso, mantengono buone prestazioni anche su strada asciutta. Chi vuole montare queste gomme deve segnarsi una data sul calendario: dal 15 novembre, infatti, su molte strade e autostrade scatta l’obbligo di circolare con pneumatici invernali oppure con le catene a bordo. In Italia gli enti proprietari proprietari o gestori delle strade possono emanare le ordinanze. “Possiamo prevedere”, dichiara Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma, “che quest’anno supereremo quota 200 provvedimenti dato il trend crescente degli ultimi due anni, peraltro in assenza di inverni rigidi”. Continua a leggere

Gomme invernali, è il momento del cambio: un’auto su quattro ha il doppio treno

immagine cartello obbligo pneum invernaliCon il freddo anche l’auto ha bisogno di alcuni accorgimenti. Gli automobilisti devono infatti programmare la manutenzione della vettura e predisporla ad affrontare l’inverno nel modo giusto. Il primo e più importante accorgimento, spiega Assogomma in un comunicato, è sicuramente quello di dotare il veicolo di pneumatici invernali: nella stagione fredda, la strada è meno sicura perché spesso bagnata, brinata, ghiacciata o innevata, quindi il livello di aderenza degli pneumatici al fondo stradale è inferiore. Continua a leggere

Pneumatici invernali efficaci da sette gradi, lo dimostrano i test di Assogomma

Frenare con un’efficacia del 122 per cento superiore. È solo uno dei tanti risultati emersi durante i test “Pneumatici Sotto Controllo” sulle strade dello Stelvio. Con le prove, l’associazione produttori pneumatici Assogomma, in accordo con Federpneus, l’associazione nazionale rivenditori specialisti di pneumatici, vuole dimostrare l’indubitabile efficacia del pneumatico invernale in aree in cui la temperatura è pari a sette gradi o inferiore. Dalle prove dell’evento 2013 è emerso un dato sopra a tutti: in ogni condizione dell’inverno, la migliore soluzione si rivela il montaggio di quattro pneumatici invernali. Continua a leggere

Pneumatici invernali obbligatori? No, ma in certi casi non si potranno usare le catene

Non si placano le polemiche sulla presunta obbligatorietà di pneumatici invernali su tutte le strade extraurbane in caso di maltempo e di conseguenza la non più idoneità delle catene da neve per il codice della strada. Il senatore salernitano Antonio Paravia, presentatore dell’emendamento in tema di uso dei pneumatici invernali al decreto legge “Crescita” (A.S. 3533) insieme con il collega Enzo Ghigo in un comunicato stampa ha replicato duramente alle notizie di stampa degli ultimi giorni. “Diversamente da ciò che è stato mal pubblicizzato da alcuni quotidiani non è stato affatto abolito l’uso delle catene in favore dei pneumatici invernali ma è stata concessa una facoltà alle società concessionarie di autostrade, tangenziali e similari esclusivamente allorquando sono previste particolari condizioni meteo. Più specificamente quando si verificheranno condizioni eccezionali e, quindi, sfavorevoli alla circolazione sicura dei mezzi, le società concessionarie potranno disporre, se lo riterranno necessario per favorire al meglio la circolazione, l’obbligo di pneumatici da neve”.  Continua a leggere

Pneumatici invernali, non sono solo sicuri: con i due treni di gomme si risparmia

Che siano più sicure è assodato. Ma che montare gomme invernali faccia risparmiare è una novità. Secondo uno studio realizzato dal Politecnico di Torino sulle cinque vetture più vendute in Italia nei rispettivi segmenti di mercato (Fiat Panda, Fiat Punto, Alfa Romeo Giulietta, Nissan Qashqai, Ford C-Max), presentato a Milano dal professor Giulio Zotteri del Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione, il risparmio medio è superiore a 40 euro.  Continua a leggere

Un’auto su cinque ha le gomme lisce. E per risparmiare si montano non omologate

L’edizione 2012 di Vacanze Sicure, l’iniziativa che ogni anno Assogomma, Federpneus e Polizia Stradale mettono in campo per controllare lo stato degli pneumatici delle auto in circolazione sulle strade e autostrade dello stivale, ha dimostrato ancora una volta che le auto dirette verso le località turistiche sicure non lo sono granchè. Addirittura una vettura su cinque, fra quelle fermate dagli agenti della Stradale  è risultata fuorilegge, con un’elevata percentuale di pneumatici troppo usurato e, in qualche caso, addirittura lisci.  Continua a leggere