Maserati asiatica, consegnate le prime GranTurismo MC Stradale

Gli orientali le avevano potute ammirare già ad aprile al Salone dell’Auto di Shangai, ma ora potranno toccarle con mano e acquistarle. Le prime Maserati GranTurismo MC Stradale sono infatti state consegnate ai concessionari locali con uno spettacolare evento sul circuito di Formula1 di Shangai. Il mercato della regione asiatica è fondamentale per la casa italiana, visto che oltre ad assorbire il 23 per cento delle vetture consegnate, è quello con l’espansione più rapida. Continua a leggere

Piaggio punta sull’Asia, Colaninno: “Già venduti 100mila scooter”

È l’Asia il mercato sul quale ha deciso di puntare in maniera massiccia il gruppo Piaggio. Mercoledì, dal Vietnam, il presidente e amministratore delegato, Roberto Colaninno, ha infatti annunciato una nuova e decisiva fase di sviluppo delle operazioni in Asia, che porterà a un’importante espansione delle attività industriali e commerciali in tutta l’area, con l’obiettivo di raggiungere nell’arco di quattro anni un fatturato sui mercati asiatici pari a circa 1 miliardo di euro. Continua a leggere

Mezzi di trasporto e carichi strani, vince la neve di Vancouver

Ci siamo divertiti a stilare una classifica dei carichi più inusuali mai “mossi” e dei mezzi di trasporto più curiosi del mondo. Il trasloco più famoso di tutti i tempi è probabilmente quello durato quattro anni dal 1964 al 1968 con l’impiego di oltre 2mila uomini per trasferire i templi di Abu Simbel (nella foto sopra), in Egitto, dopo la realizzazione della Diga di Assuan. L’imponente tempio venne tagliato, numerato, smontato e rimontato blocco per blocco 65 metri più in alto e 300 metri più indietro rispetto al bacino che si era venuto a creare. Il trasporto merci più curioso è invece probabilmente quello del febbraio dell’anno scorso, a Vancouver, in Canada. Continua a leggere

La stima dell’Airbus: “Entro il 2029 ci saranno 26mila nuovi aerei”

Entro il 2029 ci saranno quasi 26mila nuovi aerei che contribuiranno a soddisfare la domanda di trasporto aereo. La stima è stata fatta dal consorzio Airbus, noto costruttore di velivoli, nel corso dei lavori del Global Market Forecast. Ben 25mila saranno allestiti e impiegati per il trasporto passeggeri, per un controvalore di circa 2.900 miliardi di dollari. Inoltre, 10mila di questi rimpiazzeranno i velivoli meno efficienti e meno ecologici. I restanti 15mila costituiranno il vero incremento della disponibilità di sedili e volumi per le merci. Complessivamente, tra il 2010 e il 2029 saranno investiti circa 3.200 miliardi di dollari. Continua a leggere

Ancora problemi di smog in Iran, uffici e scuole chiusi fino a domani

Se mezza Europa è sotto la neve, in Asia c’è chi soffoca per colpa dell’inquinamento. Circolazione delle auto a targhe alterne, banche e uffici pubblici chiusi e niente lezioni nelle università fino a domani a Teheran, in Iran. Sono questi i provvedimenti che il ministero della Salute iraniano ha deciso per ridurre i livelli di inquinamento della metropoli, che nelle ultime ore hanno toccato livelli record. Le autorità avevano già deciso di proclamare una giornata di festa nazionale mercoledì scorso per provare a ridurre lo smog, ma evidentemente senza ottenere risultati. Continua a leggere

La cura per il trasporto merci?
Intercettare i traffici dall’Asia

Come rilanciare il trasporto merci? Intercettando i crescenti traffici provenienti dai Paesi asiatici. La possibile soluzione è emersa nel corso di una tavola rotonda organizzata dal Comitato tecnico “Trasporto merci e intermodalità”, presieduto dal direttore generale dell’Aiscat, Massimo Schintu, in occasione del XXVI convegno nazionale dell’Aipcr, l’associazione mondiale della strada, in corso a Roma. Tavola rotonda alla quale hanno partecipato diversi esperti del settore, dal sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, al presidente di Fai Conftrasporto, Paolo Uggè, al vicedirettore per le politiche industriali di Confindustria, Giuseppe Mele. Continua a leggere

Il traffico aereo internazionale
è in crescita. Volano i cargo

Sempre più persone scelgono gli aerei. Ma anche le merci viaggiano – per lo meno a lungo raggio – lontano da terra. A giugno, infatti, il trasporto aereo internazionale ha fatto segnare una crescita dell’11,9 per cento. Fortissimo il progresso per il settore cargo (+26,5 per cento), un mondo che può vantare ancora ampi margini di miglioramento soprattutto in virtù degli sforzi dei costruttori per realizzare mezzi con stive più capienti. Continua a leggere

Merci nei container, la Turchia corre: entro il 2014 tre nuovi porti

Il traffico di merci dentro container rappresenta una fetta molto importante dell’economia internazionale. Innanzitutto per la facilità di far passare i container da una nave a un camion, da un camion a un treno. Se in Italia lo sviluppo dei porti viene al momento soltanto auspicato grazie all’interesse dei privati, nel resto d’Europa è proprio il “meno europei” dei Paesi, la Turchia, a muoversi speditamente. Entro il 2014 la Turchia costruirà infatti tre nuovi porti, per un investimento previsto di oltre un miliardo di dollari. Saranno tre tasselli importanti del futuro assetto logistico del Paese ponte tra Europa e Asia. Continua a leggere

Sulle strade di Europa, America e Asia: 50mila km senza benzina

Da Lisbona a Tokyo, attraverso Europa e Asia. E poi dall’Argentina, risalendo tutto il continente americano, fino all’Alaska. Un viaggio lunghissimo, quasi 50mila chilometri, fatto con un Volkswagen Caddy alimentato esclusivamente a metano, senza utilizzare una sola goccia di benzina. L’equipaggio che ha portato a termine questo viaggio da record è guidato da Rainer Zietlow, non nuovo a queste imprese. Infatti lo stesso Zietlow aveva già circumnavigato il globo terrestre sempre su un’auto a metano (grazie a questa impresa è entrato nel Libro dei Guinness) e più recentemente guidato una Volkswagen Passat Tsi Ecofuel facendo tappa in tutti gli 800 distributori di metano presenti in Germania. Continua a leggere

Il progetto: Londra-Pechino
con un treno ad alta velocità

Unire con una “strada ferrata” l’Asia con l’Europa, nello specifico Londra con Pechino, con tutti quelli che stanno nel mezzo. Un sogno? Allo stato attuale certamente sì, ma se ben 17 nazioni  soprattutto del centro e sud est asiatico, si sono dichiarate interessate a un approfondimento del progetto, il tutto potrebbe passare da una fase sostanzialmente onirica, a una condizione decisamente più sveglia e concreta. Continua a leggere