Stangata sui pedaggi autostradali inspiegabile. Per questo l’hanno coperta dal segreto?

Si scrive adeguamenti, si legge nuova stangata per gli autotrasportatori. Parola di Antonio Petrogalli, presidente regionale lombardo della Fai, la federazione autotrasportatori italiani, che in una lettera aperta inviata agli organi d’informazione sottolinea come la nuova, e purtroppo consueta, stangata di inizio anno in materia di pedaggi autostradali (che il ministero dei Trasporti, sottolinea con amara ironia l’autotrasportatore capace di guidare la Fai Bresciana da una manciata di associati a oltre 2300 iscritti, “chiama con pudore o forse con un pizzico di vergogna adeguamenti che derivano dalle convenzioni con le società di gestione autostradale stipulate nel 2007 e dalle delibere del Cipe del 2007 e del 2013”) colpisca doppiamente una categoria che invece lotta per chiedere una diminuzione dei costi per poter essere competitivi. Una stangata che per molte imprese di autotrasporto merci e persone rischia di mandare in tilt i bilanci, già risicati. Ecco il testo completo della lettera. Continua a leggere

Crisi Artoni: per i dipendenti ci sono gli aiuti, ai trasportatori che fornivano servizi invece nulla?

La crisi del Gruppo Artoni, esplosa ormai un anno fa, sembra aver imboccato una strada destinata a rasserenare, almeno in parte (grazie all’accordo che  assicura la cassa integrazione), oltre un centinaio di ex-dipendenti dell’azienda di autotrasporti, ma la stessa cosa non può certo dirsi per gli autotrasportatori ai quali Artoni ha appaltato in passato moltissimi lavori. Circa 2500 lavoratori dell’indotto per i quali non c’è alcuna garanzia di pagamento e per i quali il presidente della Fai Conftrasporto Lombardia, Antonio Petrogalli, chiede alle istituzioni di intervenire attraverso “idonei strumenti per sostenere anche questi lavoratori per evitare un dramma sociale che investe tutto il territorio nazionale”. Continua a leggere

I primi 40 anni di Fai Brescia: le foto di tutti i premiati alla festa di Villa Fenaroli a Rezzato

pap_1107Villa Fenaroli a Rezzato: è nei saloni di questo bellissimo edificio che domenica 9 ottobre la Fai Brescia ha celebrato il suo 40° anno di vita. Un evento al quale non hanno voluto mancare i vertici della federazione, dal presidente onorario Fabrizio Palenzona al presidente Paolo Uggè e al segretario Pasquale Russo, “ospiti” di Sergio Piardi, Antonio Petrogalli e Giuseppina Mussetola, rispettivamente presidente, past president e segretario di Fai Brescia.  Continua a leggere

Merci pericolose, per un anno non potranno viaggiare fra viale Certosa e Sesto San Giovanni

Divieto  di circolazione per un anno nel tratto dell’autostrada A4, compreso tra lo svincolo di Viale Certosa, e quello di Sesto  San Giovanni,  per i veicoli  di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate che trasportino merci pericolose. Lo ha deciso  il prefetto di Milano in occasione dei lavori per la realizzazione della quarta corsia stabilendo che  il divieto scatterà dalla mezzanotte del 15 ottobre 2016 nella fascia oraria compresa fra le  6 del mattino e le 22, sette giorni su sette, nella sola direzione di marcia interessata dai lavori.  Una decisione che ha immediatamente visto insorgere gli autotrasportatori  e che ha visto Antonio Petrogalli,  presidente regionale della Fai Conftrasporto, la principale associazione di categoria, chiedere un incontro al prefetto. Continua a leggere

Fai Brescia vi racconta una storia lunga 40 anni vissuti al servizio di migliaia di autotrasportatori

Mussetola 1“I compleanni meritano sempre i migliori festeggiamenti, ma per i 40 anni della Fai di Brescia è d’obbligo pensare a qualcosa di speciale, perché rappresentano un traguardo davvero importante.  L’assemblea  generale in programma domenica 9 ottobre sarà come sempre l’occasione per fare il punto della situazione, ma quest’anno sarà anche un momento di gratificazione per i successi ottenuti grazie ai quali si profileranno i traguardi futuri”. Con queste parole Sergio Piardi, presidente di Fai Brescia, ha invitato tutti gli associati a non mancare  a un appuntamento particolarmente significativo per la vita  della federazione: i festeggiamenti per i suoi primi 40 anni di attività, che verranno celebrati in occasione dell’assemblea generale annuale. Continua a leggere

Trent’anni d’autotrasporto raccontati da chi ha “guidato” più di 2.000 imprese

PetrogalliInterrompere una qualsiasi esperienza professionale implica tracciare un bilancio di quanto si è fatto. Interrompere un’esperienza che non ha voluto dire semplicemente svolgere un’attività o guidare un’impresa, ma stare al volante (oltre che della propria impresa) anche di una federazione capace di associare migliaia d’imprese, assumendosi la responsabilità di indicare a migliaia di persone la miglior  strada da seguire, vuol dire molto di più. Farlo dopo essere stati la guida, il punto di riferimento, per 30 anni significa moltissimo di più: vuol dire ripercorrere tutta una vita, professionale ma anche umana; vuol dire rivivere, come in centinaia, addirittura migliaia di flash back, un fiume di momenti, di incontri, di progetti e di battaglie. Significa rivivere soddisfazioni, delusioni, speranze. Continua a leggere

Valtrompia, il “motore” dell’economia italiana senza autostrada si arresterà

“Se non verrà realizzata la nuova autostrada, la Valtrompia verrà progressivamente abbandonata dalle fabbriche con un conseguente impoverimento radicale di un’area che ha fatto la grandezza economica di Brescia e dell’Italia”. Parola di  Antonio Petrogalli, presidente onorario della Fai Conftrasporto di Brescia che ha guidato per 30 anni. Intervenendo all’assemblea annuale dell’associazione, il “papà” della federazione bresciana, l’uomo che, guidandola per tre decenni, l’ha trasformata da una federazione di poche decine d’associati alla più numerosa d’Italia, ha confessato di “aver ormai perso il conto degli anni passati parlando dell’autostrada di Valtrompia, un’asse viario di primaria importanza per la provincia, per l’economia ma non solo. Continua a leggere

Flop intermodalità, in sei anni trasporto merci su treni crollato del 40 per cento

Piccola velocità, grande fallimento. Potrebbe essere sintetizzato così il pensiero di Antonio Petrogalli, presidente onorario di Fai Conftrasporto Brescia che, ripercorrendo il percorso fatto negli ultimi decenni dal progetto ha denunciato come “dopo tante belle parole, spese dai politici come dai rappresentanti delle Ferrovie dello Stato,  il risultato sia stato un nulla di fatto. Continua a leggere

Tir poco inquinanti? Senza strade che cancellano le code sono inutili

Avere camion di ultima generazione, poco inquinanti, non serve a nulla se poi non ci sono infrastrutture adeguate. Perché “un modernissimo Tir euro 6 in coda inquina molto di più di un euro 3 alla giusta velocità”, come ha denunciato il presidente onorario di Fai Conftrasporto Brescia, Antonio Petrogalli, intervenendo l’assemblea nazionale della federazione. Continua a leggere

La “signora dei trasporti” che prese 38 associati e li trasformò in 2300 imprese…

Mussetola 1Qualunque associazione, ma anche qualsiasi azienda di qualsiasi settore, probabilmente farebbe carte false per poterla avere alle proprie dipendenze. O, almeno, qualsiasi associazione che abbia come obiettivo la moltiplicazione dei propri iscritti; qualsiasi azienda che voglia moltiplicare i propri clienti e fatturati… Già, perché Giuseppina Mussetola, da 30 anni segretaria della Fai Conftrasporto di Brescia, “la signora dei trasporti” come è stata ribattezzata, appartiene a quella categoria di persone capaci di fare, nella gestione di un’attività, qualcosa di molto simile a quello che per secoli gli alchimisti dell’antichità hanno tentato invano: trasformare altri metalli in oro. Continua a leggere