Acquistare l’auto? No grazie. Migliaia d’italiani la noleggiano col pacchetto tutto compreso

Gli italiani “fuggono” sempre più numerosi dall’acquisto dell’auto per imboccare la strada che porta al noleggio a breve, medio o lungo termine. Sono già circa 40mila infatti gli automobilisti che all’acquisto hanno preferito di “affittare” le quattro ruote con un costo fisso e predeterminato e si prevede che a fine anno raggiungeranno quota 50mila. Come confermano gli analisti di Aniasa, l’associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità. Un nuovo modo di “gestire” l’auto (e soprattutto i suoi costi) frutto di una formula che mostra a pieno la propria efficacia ed economicità con automobilisti (anche senza partita Iva) che percorrono tra i 10mila e i 25mila chilometri annui mentre in caso di percorrenze inferiori per molti appare più conveniente valutare altre soluzioni di mobilità condivisa come il car sharing che nel contesto cittadino offre una valida alternativa, oppure il noleggio a breve termine per gli spostamenti nei fine settimana. Continua a leggere

Auto a noleggio in vacanza? Una guida indica cosa controllare per non avere sorprese

Noleggiare un’auto: per decidere di farlo può bastare un secondo, ma poi? Come gestire il periodo che va dalla sottoscrizione del contratto alla riconsegna della vettura con tutto quello che sta nel mezzo e che può prevedere clausole nel contratto stesso poco chiare o addirittura capestro, “incidenti di percorso” e quant’altro? Per aiutare gli automobilisti che abbiano deciso di utilizzare un’auto a noleggio a goderne solo tutti possibili vantaggi ecco arrivare in aiuto un prezioso manuale, intitolato “Le buone regole dell’autonoleggio”. Continua a leggere

Il car sharing funziona, boom di iscritti e di noleggi. Ma in che condizioni conviene davvero?

Grazie al car sharing, due utilizzatori su dieci hanno rinunciato all’auto di proprietà. È questo una tra le tante indicazioni emerse dalla ricerca “Il Car sharing in Italia: soluzione tattica o alternativa strategica?”, condotta da Aniasa, l’associazione nazionale industria dell’autonoleggio e servizi automobilistici e dalla società di consulenza strategica Bain & Company. Secondo la ricerca, a fine 2016 il “fenomeno è in grande sviluppo in diverse città italiane”, con 1.080.000 tessere di iscrizione (+70 per cento rispetto al 2015), 6.270.000 noleggi (+33 per cento) e una flotta di 6.000 veicoli (+33 per cento).  Continua a leggere

Le auto a noleggio vanno a ruba. Campania e Puglia guidano la classifica dei furti

Sono 1.240 le auto a noleggio a breve termine rubate nel 2015. Un fenomeno in calo (-7,7 per cento rispetto al 2014), ma comunque preoccupante. Il danno per le imprese del settore è stato di 8,5 milioni di euro. Le regioni dove spariscono più auto sono Campania, Puglia, Sicilia, Lazio e Lombardia: in queste aree si sono verificati il 90 per cento dei furti. I dati emergono da un’analisi di Aniasa che mette in luce anche aspetti positivi: i veicoli recuperati, infatti, sono in netta crescita (+45,7 per cento). Continua a leggere

Noleggio auto a lungo termine, l’Antitrust avvia un’istruttoria su otto società

Otto società di autonoleggio a lungo termine e la loro associazione Aniasa sono finite nel mirino dell’Antitrust, che ha avviato un’istruttoria per verificare “se le imprese abbiano attuato un coordinamento delle rispettive strategie commerciali, attraverso uno scambio di informazioni sensibili”, spiega una nota dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Continua a leggere

I pendolari saranno sempre più, ma la maggior parte userà ancora l’automobile

È un’Italia di pendolari e in futuro lo sarà ancor di più. La crescente concentrazione di abitanti nelle “regioni metropolitane” (52,3 per cento della popolazione) e l’aumento dei flussi turistici (+42 per cento) genereranno nei prossimi 15 anni nel nostro Paese un deciso aumento dei pendolari che passeranno dai quasi 29 milioni attuali a 30,9 nel 2030. Pendolari che, anche tra 15 anni, continueranno a spostarsi soprattutto in auto. Continua a leggere

L’auto si usa ma non si possiede: soltanto 6 auto su 10 sono intestate ai privati

La “mia auto” diventerà “l’auto che uso”. La cara e vecchia quattro ruote resterà anche nei prossimi anni il mezzo di trasporto preferito, ma soprattutto per quanto riguarda le nuove generazioni “l’appeal del bene auto” si è “al momento ridimensionato”. Lo sostiene il rapporto “L’evoluzione della mobilità degli italiani” realizzato da Censis e Aniasa, l’associazione dell’autonoleggio. Gli italiani useranno l’auto senza per forza possederne una. La conferma arriva da alcuni dati. Continua a leggere

Targhe, l’emergenza non è finita: sono a rischio 60mila immatricolazioni

Non si ferma l’emergenza targhe. Il mercato dell’auto che sta cercando di accelerare dopo anni di sosta forzata si trova a dover fare i conti con un freno imprevisto. Dopo l’allarme lanciato dall’Unasca (clicca qui per tutti i dettagli) è l’Aniasa, l’associazione dell’autonoleggio di Confindustria, a tenere alta l’attenzione sul tema. “La carenza di targhe per i nuovi veicoli sta rallentando le immatricolazioni di un mercato dell’auto in cerca di vera ripresa, causando ritardi, ulteriori appesantimenti burocratici e maggiori costi per la mobilità aziendale. Se non si porrà rapida soluzione al problema, sono a rischio le 60mila immatricolazioni di nuovi veicoli a noleggio previste per il primo trimestre 2015”, scrive l’associazione in una nota indirizzata all’Istituto Poligrafico della Zecca. Continua a leggere

Auto da noleggio e aziendali,
qui la crisi non è finita

I dati diffusi in questi giorni dicono che ottobre è stato un mese positivo per le immatricolazioni di auto. Ma il trend in crescita è determinato solamente dall’incentivi. Un’ulteriore conferma arriva dai numeri relativi alle auto aziendali. A ottobre, infatti, le immatricolazioni ad uso noleggio hanno subito un calo del 15,7 per cento, mentre quelle ad altre imprese e società hanno subito un calo del 18,2 per cento. Continua a leggere