GUIDA ALL’ACQUISTO – SUZUKI SWIFT


Suzuki Swift, auto che vince non si cambia


Squadra che vince, non si cambia. E siccome in casa Suzuki, di sport ne sanno, e tanto, la casa giapponese ha pensato di applicare il motto anche alla Swift, il modello che ha raggiunto 1.8 milioni di unità vendute più velocemente di qualsiasi altra vettura del marchio giapponese. Senza dimenticare i premi vinti. Chi vorrebbe cambiare strada dopo aver imboccato quella del successo? La Swift 2010, quindi, sarà una Swift molto simile alla prima versione. Semplicemente ancora più Swift. Design perfezionato, prestazioni migliorate, compattezza e facilità di guida inalterate: difficile migliorare il massimo. L’estetica resta fedele alla tradizione, anche se la linea è stata leggermente ritoccata, con nuovi colori in grado di esaltare la passione, come il nuovo rosso perlato, ma, allo stesso tempo, di mantenere l’aplomb di sportiva di classe, come lo smoky green metallizzato. Il comfort è stato migliorato grazie a sospensioni più morbide, ma con supporti più rigidi. La stabilità è stata incrementata grazie alle nuove misure: 3,85 metri di lunghezza e una distanza tra gli assi di 2,43 metri. Come la prima versione, la nuova Swift verrà commercializzata con trazione a due e a quattro ruote. Due anche i motori disponibili: il nuovo 1.2 benzina, a fasatura variabile sull’aspirazione e sullo scarico, e il diesel 1.3: entrambi assicurano consumi ridotti ed emissioni di CO2 estremamente basse. Gli allestimenti saranno due, L e GL, abbinati ai pacchetti Style e top. Si parte da quello più economico, che assicura di serie alzacristalli elettrici anteriori, climatizzatore, volante regolabile, sette airbag, Esp + Tcs, per arrivare al GL Top, che soddisfa ogni sfizio. Fra le opzioni a disposizione, anche la possibilità di utilizzare il sistema di Start & stop, che assicura un impatto ambientale minimo grazie a un meccanismo che arresta automaticamente il motore quando l’auto è ferma. Prezzi a partire da 11690 euro.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *