A21, le tragedie stradali vanno prevenute e non “condannate” senza prove 

Il tragico incidente stradale avvenuto martedì 2 gennaio sull’autostrada A21, nel tratto che attraversa Montirone, in provincia di Brescia (dove secondo una prima ricostruzione un Tir avrebbe tamponato una vettura scagliandola contro un’autocisterna carica di benzina che è esplosa provocando sei vittime) ha riproposto all’attenzione generale la professione dei conducenti dei mezzi pesanti. Ma forse sarebbe più esatto dire che ha riproposto, ancora una volta, un vecchio clichè che sembra impossibile cancellare: l’abitudine ad avanzare ipotesi e a fare ricostruzioni  basate sull’improvvisazione, sulla scarsa conoscenza della materia e in qualche caso su qualcosa che somiglia fin troppo a una generica voglia di criminalizzare, secondo un’antica consuetudine, i professionisti della strada. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Strade ok per i trasporti eccezionali, nella mappa lombarda mancano Bergamo, Lecco e Sondrio

Quali province della Lombardia hanno provveduto alla stesura delle rispettive cartografie necessarie alla predisposizione degli itinerari di massima destinati ai trasporti eccezionali? A chiederlo, attraverso un’interrogazione, sono stati gli esponenti del gruppo consiliare ‘Noi con l’Italia – Lombardia, con primo firmatario Alessandro Colucci, sottolineando come questa misura sia “necessaria per non penalizzare gravemente l’intera filiera manifatturiera lombarda”. Una domanda che ha già avuto una risposta: il sottosegretario, Alessandro Fermi, ha infatti fatto sapere che il programma regionale, con le relative linee guida, si sta completando, comprendendo anche i percorsi per macchine agricole e macchine operatrici eccezionali Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Italtrans sempre più gigante dei trasporti e della logistica dopo l’acquisizione del gruppo Mazzocco

Italtrans, già uno dei maggiori colossi della logistica italiana con sede a Calcinate in provincia di Bergamo (con un fatturato di 221 milioni di euro, mille dipendenti, una flotta di 800 mezzi di proprietà e 1.200 semirimorchi, e, ancora, una superficie di 580mila metri quadri di magazzini coperti in 15 depositi, 84,6 milioni di chilometri percorsi e 921mila consegne effettuate) diventa ancora più grande. Lo fa grazie all’acquisizione del 100 per cento del ‘corriere del freddo’ Mazzocco, con sede a Parma, azienda con un fatturato consolidato di 36 milioni di euro, che effettua 1,5 milioni di consegne all’anno e che vanta 250 tra sedi dirette e filiali sul territorio nazionale, con 25mila metri quadri di superficie di magazzini a temperatura controllata e 60 dipendenti diretti. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Autostrade più care, infuriati sindaci e cittadini di Lazio e Abruzzo: “Un aumento criminale”

Una sessantina di sindaci di Abruzzo e Lazio (provenienti dalle province di Roma, Rieti e L’Aquila) hanno protestato lunedì mattina al casello di Vicovaro-Mandela (Roma) contro l’aumento del 13 per cento sulle autostrade A24 e A25, gestite dalla società Strada dei Parchi. Accanto ai sindaci con le fasce tricolori c’erano pendolari e rappresentati delle realtà economiche e sociali. I sindaci hanno chiesto “l’immediata sospensione degli aumenti e declassificazione del tratto urbano della Roma-L’Aquila dalla barriera di Roma Est fino all’intersezione della Tangenziale Est”.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Camion italiani rispediti indietro o sequestrati in altri Paesi per colpa delle Motorizzazioni

Cosa occorre attendere ancora, cosa occorre fare perché il Governo italiano capisca finalmente che non facendo ripartire il lavoro negli uffici delle motorizzazioni civili provocherà un danno irreparabile per migliaia di imprese di autotrasporto italiane, facendo probabilmente fallire attività e lasciando nuovi disoccupati per strada? A far risuonare in tutta Italia, attraverso le onde di Radio 24 – Il Sole 24 Ore, la domanda che praticamente si sta ponendo chiunque utilizzi per lavoro un mezzo di trasporto è stato il presidente di Conftrasporto Paolo Uggé. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Treni, metro e tram: assegnati due miliardi di euro per le linee urbane. Ecco tutti gli interventi

“La cura del ferro continua, in particolare nelle città metropolitane che, con un efficace sistema di trasporto pubblico potranno essere comparabili alle migliori città europee”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, commentando la firma del decreto di riparto di 1,397 miliardi di euro per le linee metropolitane e urbane su ferro. Finanziamenti che si aggiungono ai 665 milioni approvati recentemente dal Cipe. A Roma sono stati destinati 425 milioni per le linee metropolitane A e B, mentre per Milano sono previsti 396 milioni. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Incidenti stradali più gravi di sempre: quelli con coinvolti pullman hanno fatto vere stragi

La cronaca più recente ci ha raccontato del terribile incidente sulla A21, che è costato la vita a sei persone, e del pullman precipitato da una scogliera in Perù (i morti sono stati 48). Ultimi casi di una storia, quella degli incidenti stradali, che ha provocato troppe lacrime. Come quelle che hanno versato i famigliari e gli amici delle 13 studentesse morte in Catalogna il 20 marzo 2016: sette di loro erano italiane. Ragazze del programma Erasmus che viaggiavano a bordo di un pullman finito fuori strada mentre tornava a Barcellona dalla festa dei fuochi, la Fiesta de las Fallas, di Valencia.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La moto è come una bella donna, dà grandi soddisfazioni ma non va fatta mai arrabbiare

Sulle auto e sulle moto sono stati scritti fiumi di parole. Spesso bellissime, a volte da personaggi diventati famosissimi proprio grazie alle quattro o alle due ruote. Come nel caso di Valentino Rossi, secondo il quale “La moto non è solo un pezzo di ferro, anzi, penso che abbia un’anima perché è una cosa troppo bella per non avere un’anima. La moto è come una bella donna, delle volte è arrabbiata, delle volte ti dà grandi soddisfazioni, ma devi sempre stare attento a non farla arrabbiare”. Se avete trovato da qualche parte citazioni che vi hanno colpito su auto, moto, ma anche su altri mezzi di trasporto (come per esempio i camion, i treni, gli aerei, le navi…) lasciate un commento nell’area in coda all’articolo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Stangata sui pedaggi autostradali inspiegabile. Per questo l’hanno coperta dal segreto?

Si scrive adeguamenti, si legge nuova stangata per gli autotrasportatori. Parola di Antonio Petrogalli, presidente regionale lombardo della Fai, la federazione autotrasportatori italiani, che in una lettera aperta inviata agli organi d’informazione sottolinea come la nuova, e purtroppo consueta, stangata di inizio anno in materia di pedaggi autostradali (che il ministero dei Trasporti, sottolinea con amara ironia l’autotrasportatore capace di guidare la Fai Bresciana da una manciata di associati a oltre 2300 iscritti, “chiama con pudore o forse con un pizzico di vergogna adeguamenti che derivano dalle convenzioni con le società di gestione autostradale stipulate nel 2007 e dalle delibere del Cipe del 2007 e del 2013”) colpisca doppiamente una categoria che invece lotta per chiedere una diminuzione dei costi per poter essere competitivi. Una stangata che per molte imprese di autotrasporto merci e persone rischia di mandare in tilt i bilanci, già risicati. Ecco il testo completo della lettera. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

ECall obbligatorio sulle auto nuove: in caso di incidente stradale i soccorsi arriveranno da soli

Ancora pochi mesi e sulle strade verrà fatto un passo in avanti sul percorso che porta nella direzione della sicurezza. Dal 31 marzo 2018, infatti, sulle vetture nuove (auto e veicoli commerciali leggeri) sarà obbligatoriamente installato il sistema eCall, il dispositivo che in caso di incidente o di uscita di strada chiede automaticamente l’invio dei soccorsi, segnalando la posizione precisa del mezzo, oltre a diverse altre informazioni.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page