Basta un istante per morire in strada. Il miglior antidoto alla disattenzione? I video d’incidenti

Il brevissimo video girato da una webcam installata nella cabina di guida di un mezzo pesante mostra in lontananza un’auto accodata ad altre che si avvicina sempre più: pochi istanti, durante i quali si sente il conducente canticchiare, poi il mezzo piomba addosso all’auto distruggendola. Un’immagine “forte” di quelle che non ammettono indifferenza e che obbligano a guardare e a riflettere, così come altri minivideo che i responsabili della Polizia stradale di Parma hanno mostrato agli oltre 150 associati intervenuti a Soragna all’inaugurazione di Fai Emilia. Immagini mostrate nello spazio che gli organizzatori dell’evento hanno voluto riservare alla sicurezza stradale, e che hanno saputo raccontare meglio di mille parole come possa bastare un solo attimo di distrazione al volante per provocare una tragedia e rovinare per sempre la propria vita e, peggio ancora, quella altrui. Continua a leggere

Pneumatici invernali da sostituire entro metà maggio. Ecco quando si rischia una multa salata

È arrivato il momento di tornare dal gommista. Il 15 aprile sono infatti scadute le ordinanze che obbligavano la circolazione con le catene a bordo oppure con gli pneumatici invernali su diverse strade di tutta Italia. Chi ha scelto di montare le gomme invernali deve sostituirle entro metà maggio se il treno di pneumatici M+S scelti ha un codice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione.  Continua a leggere

Cortina 2021, i Mondiali di sci partono dalle strade: al via 17 cantieri per 13 milioni

Per un atleta la preparazione è fondamentale. Lo sanno bene gli sciatori che tra tre anni si sfideranno sulle piste di Cortina per una medaglia ai Mondiali. Ma la preparazione è fondamentale anche per chi è impegnato a disegnare un’organizzazione perfetta, a permettere agli atleti di rendere al meglio e agli spettatori di godere di uno spettacolo unico. In questo contesto, la viabilità è importantissima. Nei giorni scorsi, il Commissario di Governo e presidente di Anas Ennio Cascetta ha fatto il punto sul Piano Straordinario di potenziamento della viabilità in vista dei Mondiali di sci. Continua a leggere

Stop a divieti e burocrazia: solo così il governo non fermerà il cammino del nostro Paese

Da una parte l’esigenza di far diventare il settore dell’autotrasporto più competitivo, dall’altra un’overdose di divieti che frenano la corsa verso la competitività: questo è un controsenso ed è un esempio di come l’Italia debba cambiare strada se vuole davvero dare un futuro alle proprie imprese, e non solo dell’autotrasporto, se vuole garantire lavoro a moltissimi giovani che proprio nell’autotrasporto possono trovare la propria strada professionale. Perché il mondo dell’autotrasporto italiano può rappresentare il futuro per molti giovani, per molte famiglie. A condizione però che la classe politica sappia eliminare molti ostacoli sulla strada di chi lavora, che sappia eliminare quel sovraccarico di burocrazia che è il vero freno per l’intero Paese. Continua a leggere

Brennero, oltre al blocco c’è il peso dei Tir stranieri: uno su due non è né tedesco né italiano

“L’ennesimo blocco praticato dall’Austria rischia di mettere definitivamente ko buona parte delle 90mila aziende italiane” dell’autotrasporto. Lo spiega la Cgia di Mestra in un comunicato nel quale viene esaminato lo stop ai Tir sul Brennero. Una “decisione unilaterale presa dal governo del Tirolo che rischia”, secondo la Cgia, “di provocare non pochi disagi, non solo agli autotrasportatori italiani”. Perché, numeri alla mano, il peso degli stranieri sta aumentando sempre più. Gli ultimi dati Eurostat, spiega il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo, “ci dicono che il peso dell’autotrasporto proveniente dai paesi terzi ha raggiunto livelli impressionanti. Nel traffico bilaterale Germania-Italia, ad esempio, raggiunge addirittura il 48,7 per cento. Ciò vuol dire che quasi la metà dei transiti dei mezzi pesanti tra questi due paesi sono ad appannaggio di vettori che non sono né italiani né tedeschi, ma, in particolar modo, polacchi”.  Continua a leggere

Mattoncini Lego: auto, moto, camion, treni, navi e aerei vi guidano in una mostra unica

Auto, moto, camion, ma anche treni, navi, aerei. Tutti costruiti con i mattoncini LEGO® , “giocattoli” capaci di viaggiare nel tempo, attraverso i decenni, non solo senza rallentare ma addirittura aumentando le proprie vendite, la propria popolarità. L’appuntamento per ammirare mezzi ma anche centinaia di altri oggetti realizzati con i Lego è per sabato 14 e domenica 15 aprile a Villa di Serio, paese alle porte di Bergamo che ospiterà la terza edizione di Mattoncini in Villa, evento legato al mondo LEGO® promosso dall’associazione Traiettorie Instabili con la presenza di ITLUG (Italian LEGO® Users Group). Continua a leggere

Genova si dia una bella ripulita se non vuol vedere le navi da crociera attraccare altrove

Più banchine in porto dedicate alle navi da crociera e una città più pulita che accolga i vacanzieri una volta sbarcati per ammirarne i monumenti, per fare shopping, per assaggiare i piatti tipici. Se il porto di Genova vorrà continuare a crescere nel settore delle crociere, e cavalcare così l’onda di un mercato che ha potenzialità enormi e che secondo le previsioni continuerà a crescere a livello globale nei prossimi anni, dovrà raggiungere questi due obiettivi. Ad affermarlo, come riporta il portale www.mareonline.it, è stato  Edoardo Monzani, amministratore delegato di Stazioni marittime, la società che gestisce il terminal passeggeri dello scalo ligure, intervenendo al convegno “Turismo, crociere, autostrade del mare e ambiente”, che si è svolto nel capoluogo ligure nell’ambito del ciclo di conferenze Blue Economy Summit. Continua a leggere

Fai Emilia, una sola grande “casa” per le imprese di autotrasporto di Parma, Piacenza e Reggio

Fai Parma, Fai Piacenza e, a breve, Fai Reggio Emilia. Il “viaggio” intrapreso dalla Federazione autotrasportatori italiani in Emilia per costruire una grande casa degli autotrasportatori associati è partito solo nel novembre 2017 ma ha già percorso un importantissimo tratto di strada. Fino a far “coabitare” i rappresentanti di tre province diverse. Un traguardo (ma allo stesso tempo un punto di “partenza”) che verrà celebrato sabato 14 aprile con l’inaugurazione ufficiale dell’associazione Fai Emilia, federazione autotrasportatori per l’Emilia, a Villa Castellina, a Castellina di Soragna in provincia di Parma. Un traguardo importante, sottolineato anche dalla presenza all’evento del presidente della Fai nazionale, Paolo Uggè e del segretario generale Andrea Manfron che hanno accolto l’invito rivolto dal presidente di Fai Emilia, oltre che vicepresidente nazionale, Leonardo Lanzi. Continua a leggere

Alta velocità anche per l’Alto Piemonte: passi avanti per la fermata sulla Milano-Torino

Sull’Alta velocità tra Milano e Torino potrebbe arrivare una nuova fermata intermedia che possa essere utilizzata per servire i territori dell’Alto Piemonte. Rfi ha infatti dato la disponibilità “ad approfondire il tema”, partecipando a un tavolo tecnico “promosso dalla Regione Piemonte, che vedrà il supporto del Politecnico di Torino e il contributo dei territori che coinvolgono cinque province, per effettuare un’analisi costi/benefici del progetto”. Lo spiega la Regione Piemonte in una nota nella quale si parta di “uno spiraglio importante su un argomento che ultimamente ha animato il dibattito tra le amministrazioni locali che ne rivendicano primogenitura e localizzazione”. Continua a leggere

Tir vietati sulla statale del Brennero e pedaggi più cari sulla A22? Uggè frena Kompatscher

“Le dichiarazioni di Kompatscher, oltre ad apparire in contrasto con il quadro giuridico della materia, mi sembrano anche inopportune, soprattutto perché la Provincia di Bolzano è tra i soci dell’Autostrada del Brennero per cui l’eventuale aumento del pedaggio andrebbe certamente a beneficio della Provincia stessa. Che non sia un modo per fare cassa?”. Lo dichiara il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè in merito alle proposte del presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, che vorrebbe aumentare il pedaggio sulla A22 e vietare la circolazione ai Tir sulla statale del Brennero. Continua a leggere