Dopo l’amore un bacio. Moby Love cede il posto a Moby Kiss nei traghetti in servizio per l’Elba

Dopo l’amore, un bacio. A  partire dal 24 marzo Moby Kiss sostituirà infatti Moby Love sulla tratta Piombino – Portoferraio, stabilendo, come scrive il portale www.mareonline.it, un primato prima ancora di mollare gli ormeggi per la sua prima traversata: la nave, lunga 117,5 metri, larga 20,5 e con una stazza lorda di 11.900 tonnellate, spinta da quattro motori a una velocità fino a 18 nodi, sarà infatti la prima a imbarcare fino a  400 auto e 1540 passeggeri a disposizione dei quali ci sono sala poltrone e area giochi per bambini con videogames, bar con caffetteria e paninoteca, ristorante e self-service, gelateria e aree apposite destinate agli animali domestici. Il tutto frutto di un importante lavoro di refitting affidato al Gruppo Palumbo e durato diversi mesi.. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Taxi e Ncc, presentato il decreto per togliere dalla strada gli abusivi: ecco i dettagli

Taxi fermi in varie città d’Italia per l’annunciato sciopero dei tassisti, che hanno deciso di proseguire la protesta anche dopo l’incontro di ieri al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel quale è stato presentato alle associazioni del settore la bozza dello schema di decreto interministeriale concertato con il Ministero dello Sviluppo economico che contiene, si legge in una nota del Mit, misure “tese ad impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio noleggio con conducente o, comunque, non rispondenti ai principi ordinamentali che regolano la materia”. Dopo l’incontro le associazioni si sono riservate di presentare osservazioni entro dieci giorni. Ma è caos sullo sciopero. A Genova, per esempio, le associazioni locali hanno deciso di non fermarsi.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

UberPop resta fuorilegge, lo ha stabilito il Tribunale di Torino: “Vietato in tutta Italia”

UberPop resta fuorilegge. Lo hanno stabilito i giudici della prima sezione civile del Tribunale di Torino che hanno giudicato “concorrenza sleale” l’attività svolta da Uber con i “drivers reclutati attraverso il servizio già denominato ‘UberPop’ (o altro equivalente, comunque denominato)”. Il tribunale, si legge nella sentenza, ha inibito al gruppo statunitense “l’utilizzazione sul territorio nazionale dell’app denominata ‘UberPop’ e, comunque, la prestazione di un servizio – comunque denominato e con qualsiasi mezzo promosso e diffuso – che organizzi, diffonda e promuova da parte di soggetti privi di autorizzazione amministrativa e/o di licenza un trasporto terzi dietro corrispettivo su richiesta del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta”.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lombardia, il settore trasporti vale 40 miliardi l’anno. Imprese stabili, aumentano gli addetti

Ventottomila imprese, 236mila addetti, 40 miliardi di fatturato. Sono i numeri del settore trasporti in Lombardia. Secondo i dati, relativi al 2016 e resi noti dalla Camera di Commercio di Milano, la Lombardia rappresenta un quinto del settore a livello nazionale. Rispetto al 2015, resta stabile il numero delle aziende, ma crescono del 3 per cento (6mila) gli addetti.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Internazionali di tennis, il servizio vincente è delle Frecce: treno scontato per il Foro Italico

Chi andrà a vedere gli Internazionali d’Italia di tennis in programma dal 13 al 21 maggio 2017 al Foro Italico di Roma potrà viaggiare in treno con uno sconto del 30 per cento. Un “servizio vincente”, l’ha definito Trenitalia richiamando un’espressione tipica del tennis. Chi è in possesso di un biglietto per il torneo, potrà infatti usufruire dell’offerta “Internazionali Bnl d’Italia”, che prevede una riduzione del 30 per cento sul prezzo base dei treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca di andata e/o ritorno per/da Roma.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sciopero dei taxi, il Governo rimanda la protesta al mittente: “Abbiamo rispettato gli impegni”

Non vedo alcuna giustificazione allo sciopero dei taxi in programma domani. Lo ha detto a Rtl 102.5 il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Riccardo Nencini. La protesta, ha spiegato, “avrebbe avuto solidità se il Governo non avesse rispettato i propri impegni, che invece sono stati rispettati per intero”. Ventotto giorni fa, ha detto il viceministro, il governo si era impegnato a presentare un testo definitivo entro un mese. Oggi è in programma “una riunione con varie associazioni rappresentative del mondo dei taxi e presentiamo un decreto interministeriale, da discutere al tavolo: non è una proposta chiusa”.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sarà il Governo a decidere se i Tir fermeranno la protesta oppure fermeranno il Paese

In alcune città colonne di Tir hanno sfilato tanto lentamente quanto ordinatamente scortati dalle forze dell’ordine; in altre rappresentanti delle associazioni di categoria hanno organizzato sit-in ma anche dibattiti; a Venezia gli autotrasportatori hanno addirittura caricato  un autotreno su una chiatta che ha solcato la laguna fino ad approdare in piazza San Marco. Sono alcune “istantanee” della giornata di mobilitazione generale dell’autotrasporto indetta da Unatras sabato 18 marzo contro uno sconcertante immobilismo del Governo che rischia di rendere immobile (perché morto stecchito) un lavoro per natura sempre in movimento.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Un’App non può sostituire un professionista dei trasporti. “Anche Uber deve capirlo”

“Nessuno vuole opporsi a sistemi tecnologicamente avanzati, ma non è questo il punto. Qui si tratta di riconoscere la dignità di una professione”. Così il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè, ha risposto alle dichiarazioni  del general manager di Uber, Carlo Tursi, in merito alla volontà  della società americana ideatrice dell’App per prenotare un passaggio in auto di “voler estendere ulteriormente il servizio”. “Concordo sulla necessità di rendere più aderenti ai tempi leggi vecchie di 25 anni, che regolamentano il settore dei taxi e degli Ncc”, ha spiegato Paolo  Uggè.”Ciò che si chiede è che il servizio agli utenti venga fornito da operatori professionalmente idonei e che il rapporto, anche inerente il corrispettivo, rimanga tra l’operatore e il cliente. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sangalli: “Trasporti eccezionali paralizzati, a quando una norma chiara per farli ripartire?”

“Fare di Milano un vero hub  infrastrutturale, il  centro da cui possa diramarsi la rete di trasporti nazionale e  internazionale, non solo rafforzerebbe il futuro del territorio ma di tutta Italia”. Parola di Carlo Sangalli, presidente della  Camera di commercio di Milano, che intervenendo ai lavori della prima giornata della Mobility Conference, in Assolombarda, ha evidenziato come   il capoluogo lombardo ” stia vivendo una stagione straordinaria di crescita, capace di realizzare grandi progetti e di  attrarre come mai in passato rilevanti  investimenti stranieri, vera  capitale delle start up che  rappresentano da sole un quinto di quelle italiane”. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Beffa taxi, il Governo dà la precedenza a chi non è professionista e non paga tasse in Italia

Divisi sull’opportunità di spingere migliaia di tassisti associati a scendere in sciopero il 23 marzo, unitissimi invece nel mettere sul “banco degli imputati” il Governo “colpevole” di dialogare coni vertici di Uber (colosso multinazionale sbarcato in Italia per tentare di conquistare il mercato del trasporto passeggeri grazie a un’App che consente di prenotare un passaggio auto senza che al volante ci sia un professionista della guida) e di non ascoltare invece la voce delle associazioni di categoria. Un atteggiamento irresponsabile, una decisione grave che i rappresentanti di Usb Taxi e Uri, Unione radiotaxi italiani, hanno denunciato pubblicamente alla vigilia dello sciopero delle auto bianche. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page