Tir elettrico, non è fantascienza: Tesla è pronta a realizzarlo e ha già aperto le prenotazioni

Un tir elettrico viaggerà sulle strade nel 2019? Quello che solo fino a poco tempo fa sarebbe apparso impossibile, frutto solo di fantasia, potrebbe invece diventare realtà. Parola di Elon Musk, fondatore della società Tesla, che in California si è presentato a un evento a bordo del prototipo del Tesla Semi, autoarticolato “futuristico” che , secondo i progettisti, sarà in grado di percorrere 800 chilometri con una sola ricarica anche a pieno carico. Un mezzo che potrebbe entrare davvero in produzione entro due anni dotato del sistema Autopilot che mantiene una determinata velocità, rallenta nel traffico e assicura di restare nella propria corsia. Quanto costerà? Continua a leggere

Sgravi previdenziali per gli autisti di camion all’estero, finalmente si possono chiedere

“Autisti impiegati all’estero, la decontribuzione c’è ma non si vede. Manca la circolare dell’Inps”. Così nello scorso agosto era stato intitolato un articolo che denunciava come la decontribuzione previdenziale per gli autisti delle imprese di autotrasporto impiegati in trasporti internazionali, misura concessa dal Governo nell’ambito delle misure di sostegno alla categoria concordate, non potesse di fatto essere utilizzata dalle imprese, nonostante la legge di conversione fosse entrata in vigore, perché mancavano un pezzo di carta e una firma. Dell’Inps, appunto. Ora quella firma, indispensabile perché la circolare attuativa della misura diventasse operativa, è finalmente arrivata e le imprese di autotrasporto potranno chiedere quanto dovuto. Gli sgravi appunto per gli autisti impiegati nei trasporti internazionali per almeno 100 giorni annui. Continua a leggere

Merci extra europee a basso costo, importarle nel vecchio continente diventa più difficile

Norme più stringenti per contrastare le importazioni da Paesi terzi oggetto di dumping e sovvenzioni. Le hanno approvate, in via definitiva, i deputati  europei imponendo, per la prima volta a livello mondiale, ai partner commerciali extra-europei di conformarsi agli standard sociali e ambientali internazionali per evitare di subire misure anti dumping. L’obiettivo è rafforzare la protezione dei posti di lavoro e delle imprese Ue contro le importazioni a basso costo provenienti da Paesi terzi che interferiscono pesantemente nell’economia. Continua a leggere

Coda di 100 chilometri in autostrada: ecco il risultato dell’esperimento stop ai Tir al Brennero

Una colonna di tir lunga quasi  100 chilometri sull’autostrada: è questo il risultato della decisione delle autorità austriache di rallentare gli accessi oltre il valico del Brennero, esperimento attuato per la prima volta per evitare un afflusso eccessivamente massiccio di mezzi pesanti sulle strade austriache, come ha spiegato un articolo pubblicato dal quotidiano austriaco Tiroler Tageszeitun. Un test (effettuato mercoledì 4 ottobre quando appena superato  il Brennero, gli agenti della polizia tirolese sono intervenuti per rallentare il traffico dei tir, facendone passare soltanto 300 ogni ora, contro un afflusso previsto di 600) che ha scatenato subito le polemiche non solo da parte altoatesina, ma anche dalla Germania, dato che anche in Baviera si sono fermate lunghe colonne di tir. Continua a leggere

Taxi prenotati con un’App: in Grecia Uber potrà lavorare solo con conducenti professionisti?

Si preannuncia un autunno caldo anche in Grecia per Uber, il colosso mondiale partito alla conquista del settore del trasporto persone “armato” di un’App che mette in collegamento diretto autisti, non professionisti, e passeggeri? Sembrerebbe proprio di sì: il ministero dei Trasporti greco, secondo indiscrezioni pubblicate dal sito Ekathimerini, starebbe infatti lavorando a una legge destinata a restringe il campo di operatività dell’App di trasporto automobilistico privato rimettendo in strada paletti smantellati dalla precedente normativa per liberalizzare il mercato.  In base alle nuove regole, che potrebbero approdare in Parlamento in autunno, tutte le compagnie di servizio taxi verrebbero obbligate a detenere una licenza per operare, e sarebbero inoltre obbligate ad assumere conducenti professionisti per un periodo minimo di tre anni.

Camion stranieri fuorilegge, in Svizzera raccolte 10.400 firme per intensificare i controlli

Sono 10.398 le firme raccolte in Svizzera per chiedere più controlli sui camion in transito. La petizione è stata consegnata martedì a Berna dall’Iniziativa delle Alpi, associazione svizzera per la protezione delle Alpi, che si rivolge alla consigliera federale Doris Leuthard. “Quasi un terzo degli autocarri controllati nel Canton Uri nel 2016 presentava difetti tecnici, eccessi di peso o infrazioni alle norme di lavoro e riposo degli autisti”, spiega l’associazione. “Solo meno del quattro per cento dei trasporti di merce su strada attraverso le Alpi è sottoposto a un controllo. Questa situazione deve cambiare!”. Continua a leggere

In Italia girano camion “preistorici”, in Svezia potrebbero sbarcare i tir in arrivo da Marte…

La vita insegna che al mondo ci può stare tutto e il contrario di tutto. Ci può stare, per esempio, che nel settore trasporto merci ci siano una realtà “reale” e una virtuale lontane anni luce, con la prima fatta di camion spesso vecchissimi e inquinantissimi, guidati altrettanto spesso da extracomunitari pagati con stipendi da fame e obbligati a guidare per centinaia di chilometri e per ore senza mai fermarsi (trasformando così i loro tir in autentiche bombe a orologeria sulle strade) e la seconda che “racconta” di mezzi che sembrano atterrati direttamente da Marte, pronti a muoversi senza autisti ma “teleguidati” a distanza da “camionisti virtuali”, giovanissimi cyber camionisti maghi di computer e joystick pronti ad accomodarsi nella cabina di guida in remoto, magari a una scrivania di un moderno ed efficentissimo ufficio vicino a casa con aria condizionata, mobile frigo bar…. Continua a leggere

Uberpop, un altro round perso. L’attività può essere vietata e sanzionata dagli Stati europei

L’esercizio di un’attivita’ di trasporto come quella di Uberpop, servizio a metà tra un taxi senza licenza, un noleggio di auto con conducente e un servizio di car sharing gestito semplicemente tramite un’App sul telefonino, e destinato, almeno nei piani degli ideatori, di permettere a chiunque abbia patente e automobile di trasformarsi in un guidatore professionista, può essere vietato e sanzionato dai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione europea senza che questi siano obbligati a a notificare preventivamente alla Commissione europea le misure che intendono adottare. Continua a leggere

Filt-Cgil: “Nuove regole sbagliate per il trasporto in Europa, meglio far applicare le vecchie”

Perché fare nuove norme sbagliate quando sarebbe stato più semplice ed efficace far applicare quelle già esistenti? A porsi la domanda, nel corso di un’audizione in commissione Lavori pubblici al Senato nell’ambito dell’esame del Pacchetto mobilità, atti comunitari relativi al trasporto su strada, è stata Elisa Gigliarelli, rappresentante della Filt-Cgil che a proposito della nuova “strada” imboccata dall’Europa ha affermato di vedere “forti criticità nelle riforme in discussione per quanto riguarda il cabotaggio” che avrebbero potuto essere risolte facilmente: “non con modifiche tout court delle regole, ma con norme applicative più severe per le regole già esistenti. Continua a leggere

Uil trasporti: “Fermiamo l’assalto degli autisti dell’Est che fanno chiudere le imprese italiane”

I sindacati da anni impegnati nel combattere il dumping chiedono al Governo di fare lo stesso intervenendo immediatamente prima che il settore nazionale dei trasporti corra altri gravissimi rischi causati da nuove norme europee. A chiederlo è Walter Barbieri, responsabile del dipartimento trasporto merci e cooperazione della Uil Trasporti, che in un’audizione davanti alla commissione Lavori pubblici al Senato, nell’ambito dell’esame del Pacchetto mobilità e degli atti comunitari relativi al trasporto su strada ha denunciato come “le piccole e medie aziende di trasporto italiane si trovino spesso costrette a chiudere per la grossa influenza che stanno avendo in questi anni gli autisti dell’Est. Continua a leggere