Tir che trasportano merci pericolose, chiesto il divieto al transito anche al Passo del Sempione

“Basta camion con merci pericolose attraverso il Passo del Sempione, l’unico passo alpino svizzero dove sia permesso il trasporto di merci tossiche.” Ad avanzare la richiesta sono i responsabili di ‘Iniziativa delle Alpi’, l’associazione svizzera costituitasi nel 1989 per difendere l’ambiente alpino. ”I trasferimenti sono fortemente aumentati negli ultimi anni: erano solo un paio di centinaia nel 2000, mentre oggi sono più di 10 mila”, denunciano i responsabili dell’associazione che chiedono la chiusura ai Tir carichi di merci tossiche anche attraverso il passo internazionale che collega la Val d’Ossola al Canton Vallese, con punto d’arrivo le industrie chimiche del Canton Vallese e della regione del lago Lemano, e questo in considerazione del fatto che “troppe merci pericolose salgono ai 2000 mila metri del Sempione con c’è il rischio di gravi incidenti” . Continua a leggere

Export italiano a rischio se il Governo non farà cancellare i divieti ai Tir al Brennero

Le limitazioni al transito dei tir lungo la direttrice del Brennero imposte dall’Austria  danneggiano non solo l’autotrasporto ma tutto l’export italiano. A denunciarlo è il coordinamento unitario delle associazioni italiane dell’autotrasporto (Confartigianato Trasporti, Fai, CnaFita, Assotir, Fiap, SnaCasa, Unitai) che ha chiesto al Governo italiano di reagire con decisione in tutte le sedi per tutelare le imprese italiane contrastando le barriere unilaterali imposte dall’Austria alla circolazione nell’arco alpino. Continua a leggere

Conftrasporto: “L’Italia va collegata meglio, ma ora rischia d’essere scollegata dall’Europa”

“Connettere l’Italia è un’esigenza indispensabile: l’importante è che non venga sconnessa l’Italia dal resto d’Europa. E per impedirlo serve un netto, deciso e immediato intervento del presidente del Consiglio sulla decisione, illegittima, adottata dall’Austria di limitare il transito dei Tir al Brennero”. Ad affermarlo è il vicepresidente di Conftrasporto e di Confcommercio Paolo Uggè che all’indomani della presentazione del volume “Connettere l’Italia” da parte del ministro dei Trasporti Graziano Delrio, intervenendo sul “caso Brennero”, è immediatamente sceso in campo chiedendo all’Italia di non stare a guardare neppure un secondo. Continua a leggere

Trasporti e logistica cambieranno l’Italia solo quando chi la guida saprà guardare oltre

Il tema delle connessioni è centrale, se non restiamo dentro il gioco saremo tagliati fuori. Connettere l’Italia con se stessa e sempre di più con l’Europa e con il mondo è la sfida cruciale e globale. Parola di Graziano Delrio ministro “in uscita” dal dicastero per le Infrastrutture e i trasporti che intervenendo a Roma alla presentazione del libro “Connettere l’Italia: Trasporti e logistica in un Paese che cambia”, ha evidenziato come “oggi il 90 per cento delle guerre non si combatte con gli armamenti, ma con gli investimenti nelle infrastrutture”. Come del resto dimostra la sfida globale lanciata dalla Cina che, ha affermato Graziano Delrio, “ sta facendo una vera offensiva egemonica con la pianificazione infrastrutturale”. Continua a leggere

I Tir pagheranno un pedaggio sul corridoio del Brennero? L’Europa ha preso questa strada

Semaforo verde al pagamento di un pedaggio lungo il corridoio del Brennero? La luce non è stata ancora accesa ma esistono buone probabilità che ciò avvenga. Almeno secondo l’europarlamentare sudtirolese Herbert Dorfmann, membro della Commissione ambiente, secondo il quale la nuova direttiva sul pedaggio autostradale per i veicoli pesanti inserita nel pacchetto sulla mobilità “Europa in movimento” (che contiene un insieme di misure per portare l’Europa verso una mobilità moderna e a basso livello di emissioni) farebbe da apripista proprio all’introduzione del pedaggio lungo il corridoio del Brennero. Perché solo così, ha aggiunto Herbert Dorfmann, “si potrà combattere in maniera efficiente il traffico che viene deviato sulle nostre strade da altre rotte di transito”. Continua a leggere

Via della Seta, la Cina sta scavalcando l’Europa? Intanto l’Italia rischia di farsi scavalcare da tutti

La Via della Seta sta “scavalcando” l’Europa ma molti sembrano non accorgersene. Basterebbe questa riflessione per capire quanto sia importante mantenere sempre altissima l’attenzione sul tema delle infrastrutture, sulle quali viaggerà il futuro dell’economia dei singoli Paesi. Infrastrutture che “decideranno” quali Paesi avanzeranno e quali invece retrocederanno. Un tema che, in modo del tutto evidente, è collegato con “la partenza” del nuovo governo e le tante trattative che questo comporta. L’elenco delle questioni sul tavolo è lungo e complesso. Partendo proprio dalla Via della Seta che può essere una prospettiva per il nostro Paese ma solo a precise condizioni.  Continua a leggere

Brennero chiuso ai tir: “Siamo in un mercato europeo? Se sì, questo non può accadere”

“Siamo in un mercato comune? Siamo in Europa? Beh, allora qualcuno lo dimostri e faccia sì che situazioni del genere con accadano più”. Ad affermarlo, ai microfoni di Radio 24, commentando il caso scoppiato dopo la decisione del Tirolo di mettere il numero chiuso ai Tir in transito al Brennero, è stato il segretario generale di Fai Conftrasporto, Andrea Manfron, definendo la decisione inaccettabile. Continua a leggere

I Tir dell’Est “esportano” in Italia concorrenza sleale ma l’Europa sembra non volerla vedere

Un viaggio nel mondo dell’autotrasporto e, allo stesso tempo, un invito alle forze politiche affinché “salgano a bordo” di questo settore prima del voto del 4 marzo, per scoprirne i problemi e proporre possibili soluzioni concrete. Così che tutti gli addetti sappiano concretamente cosa farà la politica per loro. Un viaggio partito una settimana fa con un articolo (per rileggerlo cliccate qui) dedicato a due temi scottanti come il disastro Motorizzazioni civili e il “caso Brennero”, con il rischio di un numero chiuso al transito dei Tir, e che prosegue in questa seconda “tratta” con il fenomeno del dumping sociale e i servizi pubblici non di linea, ovvero taxi e Ncc, le auto a noleggio con conducente. Continua a leggere

Traffico limitato sul Brennero, Fai Conftrasporto “consegna” la protesta direttamente a Bruxelles

Il grido d’allarme del mondo dell’autotrasporto italiano per le limitazioni al traffico che il Tirolo vuole attuare lungo la direttrice del Brennero è risuonato chiaro e forte direttamente anche a Bruxelles. A farlo risuonare sono stati il segretario generale della Fai, Andrea Manfron, e Stefano Spennati, senior advisor di Confcommercio nella delegazione presso l’Unione europea, ricevuti da Jocelyn Fajardo, capo di Gabinetto aggiunto della Commissaria europea ai Trasporti Violeta Bulc. Un incontro durante il quale i due esponenti della principale federazione italiana dell’autotrasporto hanno ribadito con forza la posizione negativa dell’autotrasporto italiano rispetto a una liberalizzazione incontrollata del cabotaggio stradale, destinata a causare certamente pesanti danni alle imprese italiane, evidenziando contestualmente numerose altre criticità sulla proposta normativa della Commissione sul pacchetto stradale. Continua a leggere

Astaldi costruirà un’autostrada in Florida: contratto da 108 milioni per 8 chilometri

Astaldi costruirà un’autostrada in Florida. Lo annuncia l’azienda che spiega di essersi aggiudicata un contratto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta della Wekiva Parkway. L’accordo prevede la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429 – State Road 46, comprensivo di 12 ponti e di tutte le opere connesse. La durata prevista dei lavori è di poco più di 5 anni, con avvio già nel primo trimestre del 2018. Continua a leggere