Sulle strade di Torino arriveranno i veicoli a guida autonoma: la città vuole ospitare i test

C’è un nuovo capitolo pronto per essere scritto nella lunga storia che unisce la città di Torino e il mondo dell’auto: è quello dedicato ai nuovi veicoli a guida autonoma, che troveranno sotto la Mole le strade dove sperimentare i progressi e verificare il livello di sicurezza. Un vero e proprio laboratorio a cielo aperto, nel quale le case costruttrici potranno testare i propri veicoli. Venerdì a Palazzo Civico verrà firmato un protocollo dal sindaco Chiara Appendino, dall’assessore ai Trasporti Maria Lapietra, da quella all’Innovazione, Paola Pisano, da quello al Lavoro e Commercio Alberto Sacco, e dai rappresentanti di FCA Group, GM Global Propulsion Systems Srl, ANFIA, 5T srl, Politecnico di Torino, Università di Torino, Telecom Italia SpA, Fondazione Torino Wireless, Open Fiber SpA, Italdesign Giugiaro SpA, Unione Industriale Torino, FEV Italia, Unipol. Continua a leggere

La tecnologia al volante può uccidere: passante travolta da un’auto a guida automatica

La tecnologia su un’auto può salvare una vita, ma può anche distruggerla. È accaduto durante un test con un’auto di Uber a guida autonoma che in Arizona ha investito e ucciso una donna mentre attraversava la strada fuori dalle strisce pedonali. Immediatamente dopo l’incidente, avvenuto con al volante un uomo che aveva inserito la guida automatica, tutti i test delle auto autonome sono stati sospesi in tutte le città dove erano in corso. L’incidente si è verificato poche settimane dopo che il governatore dell’Arizona, Doug Ducey, ha dato il via libera alla circolazione sulle strade pubbliche delle auto condotte dall’intelligenza artificiale, anche senza un tecnico a bordo pronto a prendere i comandi in caso di necessità. Continua a leggere

Le auto a guida autonoma arrivano anche in Italia: via libera alla sperimentazione su strada

L’arrivo delle auto a guida autonoma in Italia è più vicino. Nei giorni scorsi, Graziano Delrio ha infatto firmato il decreto ministeriale previsto per l’attuazione dell’articolo 1, comma 72, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018), che autorizza la sperimentazione delle soluzioni tecnologiche per adeguare la rete infrastrutturale italiana ai nuovi servizi smart e per i veicoli automatici. Il decreto Smart Road, spiega una nota del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, “mira a realizzare un miglioramento della rete stradale nazionale attraverso una sua graduale trasformazione digitale, con l’obiettivo di renderla idonea a dialogare con i veicoli connessi di nuova generazione, anche nell’ottica di rendere possibile l’utilizzo dei più avanzati livelli di assistenza automatica alla guida, nonché per migliorare e snellire il traffico e ridurre l’incidentalità stradale”. Continua a leggere

Sorpassare i Tir senza rischi: con il camion trasparente era stata trovata la strada giusta

Che fine ha fatto il “camion trasparente”? Tre anni fa Samsung aveva presentato e, messo su strada per dei test in Argentina, il Safety Truck, un progetto che mirava a rendere più semplice e soprattutto più sicuro sorpassare i camion. L’idea era decisamente interessante: mostrare a chi segue i mezzi pesanti cosa c’è davanti al camion. Per farlo, Samsung aveva installato una telecamera wireless sulla parte anteriore del camion e l’aveva collegata a una parete video composta da quattro monitor esterni situati sul retro del camion. Continua a leggere

Auto che vedono, pensano e agiscono? Al volante del colosso che le “inventa” c’è un nuovo pilota

Wolf-Henning Scheider

C’è un nuovo “pilota” alla guida di ZF Friedrichshafen AG, uno dei più grandi fornitori mondiali dell’industria automobilistica (ma anche di veicoli industriali), specializzato nel settore delle trasmissioni e dei sistemi autotelaio nonché della tecnologia di sicurezza attiva e passiva. A ricoprire l’incarico di amministratore amministratore delegato del colosso industriale, presente con circa 140mila collaboratori in circa 230 sedi sparse in quasi 40 Paesi al mondo, capace nel 2017 di fatturare 36 miliardi di euro (di cui oltre il 6 per cento reinvestito in ricerca e sviluppo, con l’obiettivo di consentire sempre più ai veicoli di vedere, pensare e agire viaggiando verso una mobilità senza incidenti ed emissioni), è stato chiamato infatti Wolf-Henning Scheider, già punta di diamante in società tecnologiche quali Bosch e Mahle. Continua a leggere

Magazzinieri o robot? Amazon brevetta il braccialetto che “guida” i dipendenti

I dipendenti di Amazon troveranno i prodotti stoccati nei magazzini sempre più velocemente. Perché le loro mani verranno “guidate” direttamente da un braccialetto che indicherà la posizione del prodotto ordinato sulla celebre piattaforma online. Amazon ha infatti brevettato un braccialetto wireless che porterà il magazziniere rapidamente a destinazione. Risparmiando tempo e, di conseguenza, denaro. Una volta ricevuto l’ordine sul palmare, il magazziniere sarà infatti “aiutato” da questo braccialetto e dovrà muoversi il più velocemente possibile per evadere l’ordine. Continua a leggere

I camion inquineranno sempre meno: il Politecnico di Milano studia nuove soluzioni

Il Politecnico di Milano studia il modo per rendere il trasporto merci su gomma sempre più ecologico. I ricercatori del Dipartimento di Energia stanno infatti sviluppando nuovi sistemi catalitici di post-trattamento dei gas di scarico da motori alimentati a gas naturale, indispensabili per il raggiungimento dei target europei sulle emissioni. La ricerca è inserita nel progetto HDGAS (Heavy Duty Gas Engines integrated into Vehicles) finanziato dalla Comunità Europea, all’interno del programma Horizon 2020, che garantirà un miglioramento della qualità dell’aria, riducendo le emissioni di gas serra, di ossidi di azoto e di particolato: l’obiettivo del progetto, di cui il Politecnico di Milano è partner, è quello di sviluppare, dimostrare e ottimizzare un nuovo concetto di powertrain per veicoli pesanti alimentati a gas naturale, che rispetti gli attuali standard Euro VI. Continua a leggere

ECall obbligatorio sulle auto nuove: in caso di incidente stradale i soccorsi arriveranno da soli

Ancora pochi mesi e sulle strade verrà fatto un passo in avanti sul percorso che porta nella direzione della sicurezza. Dal 31 marzo 2018, infatti, sulle vetture nuove (auto e veicoli commerciali leggeri) sarà obbligatoriamente installato il sistema eCall, il dispositivo che in caso di incidente o di uscita di strada chiede automaticamente l’invio dei soccorsi, segnalando la posizione precisa del mezzo, oltre a diverse altre informazioni.  Continua a leggere

Autostrade solari con pannelli nell’asfalto che producono energia. La Cina accelera anche qui

La Cina si appresta a conquistare davvero il mondo? Difficile dirlo, ma una cosa è certa: sta viaggiando a tutta velocità per farlo, e non solo col progetto della via della Seta, mentre altri Paesi, con l’Italia in pole position, riescono a far accelerare solo le parole, le promesse… Un esempio di quanto il concetto di “fare” abbia, nel Paese asiatico, un valore diverso dal nostro è il completamento, ormai prossimo, di un tratto, lungo due chilometri, di un’autostrada la cui pavimentazione è composta da pannelli solari. Continua a leggere

Uniti One, l’auto elettrica venduta con cinque anni di ricarica gratuita: il prezzo è di 14.900 euro

La spesa è certa: 14.900 euro. Con questa cifra si portano a casa sia un’auto elettrica sia il pieno gratis per cinque anni. L’offerta arriva dalla Svezia, dove la casa costruttrice Uniti ha deciso di lanciare sul mercato, dal 2019, la piccola One, una vettura a zero emissioni con un’autonomia che varia da 150 a 300 chilometri. La Uniti One sarà disponibile in modelli a 2,4 e 5 posti, avrà una velocità massima di 130 km/h e sarà in grado di accelerare da 0 a 80 km/h in soli 3,5 secondi in modalità sport.  Continua a leggere