Strade e camion si “parlano” grazie ad Anas e Scania che viaggiano insieme a tutta tecnologia

L’Italia ha percorso un nuovo importante “tratto di strada” verso la nuova era della digital transformation delle infrastrutture, verso un futuro in cui strade e autostrade “dialogheranno” con chi le percorre, generando dati e servizi destinati ad agevolare la mobilità di persone e merci, facilitando e semplificando il trasporto. Un nuovo passo nell’adeguamento tecnologico della rete stradale, attraverso strumenti che possono facilmente essere introdotti nei lavori di manutenzione o di realizzazione di nuovi collegamenti via asfalto, che ha visto sedersi fianco a fianco, in “cabina di guida” Anas e Scania, protagoniste di un nuovo progetto di sviluppo delle tecnologie per le “Smart Road”. Continua a leggere

Bimbi dimenticati in auto, sensori e avvisi per salvargli la vita: presentato il sistema di Hyundai

Basta con i bambini dimenticati in auto. In Italia e nel mondo continuano ad esserci troppe tragedie. Le storie sono sempre agghiaccianti e i numeri testimoniano come il fenomeno sia purtroppo troppo vasto. Negli Usa, dal 1994 a oggi, più di 800 bambini sono morti in auto per gli effetti del caldo e nel 55 per cento dei casi il genitore non si era accorto che il piccolo fosse rimasto a bordo. Quest’anno, sempre negli Stati Uniti, le piccole vittime sono già 38. Tragedie che Hyundai vuole fermare il prima possibile. Continua a leggere

Camion a idrogeno con il motore elettrico, Scania guarda al futuro: “Soluzione convincente”

I nuovi camion Scania potrebbero andare a idrogeno. La casa costruttrice ha infatti collaborato con Asko, il principale grossista di beni di largo consumo norvegese, per testare sistemi di propulsione che utilizzano l’idrogeno. Si tratta, spiega Scania, “di veicoli dotati di motore elettrico, in cui l’energia chimica dell’idrogeno viene convertita in energia elettrica, utilizzando celle a combustibile a bordo del veicolo”. Gli autocarri e gli autobus alimentati a celle a combustione sono dei veicoli ibridi dotati di batteria, in grado quindi di funzionare a un livello di potenza stabile. La batteria, spiega Scania, “può funzionare nei momenti in cui è richiesta maggior potenza e può ricaricarsi grazie all’energia proveniente dal sistema di frenata”. Continua a leggere

Auto elettriche, arma a doppio taglio e possibile rischio per il pianeta. Parola di Marchionne

Auto elettriche? Un’arma a doppio taglio. Almeno fino a che non sarà stata trovata una soluzione per produrre energia da fonti pulite e rinnovabili. A tornare a evidenziare l’altra “faccia della medaglia” dell’auto elettrica, da troppi presentata, come una meravigliosa e tecnologica panacea contro tutti i mali dei centri urbani, abbattendo drasticamente i livelli di emissione di anidride e polveri, è stato l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, che durante la lectio magistralis per la laurea ad honorem tenuta a Rovereto ha messo in guardia dai pericoli che potrebbe causare “forzare l’introduzione dell’elettrico su scala globale”. Continua a leggere

Con l’auto elettrica da Milano e Roma, installate 30 colonnine di ricarica vicino all’autostrada

Milano-Roma con l’auto elettrica. Da domenica 1 ottobre il viaggio è possibile senza problemi di ricarica. Enel, infatti, ha installato le prime 20 infrastrutture Fast Recharge nell’ambito del progetto EVA+ – Electric Vehicles Arteries a cui ne ha aggiunte ulteriori 10, per potenziare la rete di ricarica veloce. Il progetto EVA+ prevede l’installazione, in tre anni, lungo le tratte extraurbane, di 200 colonnine di ricarica veloce, 180 in Italia e 20 in Austria. La tecnologia in questione, sviluppata da Enel, garantisce un pieno di energia in meno di 20 minuti ed è compatibile con tutti i veicoli elettrici in commercio. Continua a leggere

Attraversare la strada sarà meno pericoloso con il sistema Pedone Sicuro 2.0: ecco come funziona

Si chiama Pedone Sicuro 2.0 l’innovativo sistema di segnalazione e monitoraggio degli attraversamenti pedonali non semaforizzati installato in due Comuni della Provincia di Como. I pedoni, infatti, sono ancora coinvolti in troppi incidenti. Per questo la ricerca non può fermarsi. L’innovativo sistema installato nel Comasco è costituito da una telecamera fisheye – con riprese 360° e quadruple – che permette di monitorare il passaggio pedonale in tempo reale e di recuperare le registrazioni video in caso di incidente, da quattro fotocellule, che in presenza del pedone sul marciapiede azionano quattro lampeggianti led ad elevata luminosità installati in prossimità delle strisce pedonali e da due presegnalatori più esterni così da allertare gli automobilisti, risolvendo il problema della scarsa visibilità, sia diurna sia notturna. E se non ci sono i pedoni il dispositivo, sviluppato dalla società di servizi tecnologici Safety21, rimane inattivo. Continua a leggere

Smartphone e app per aprire e chiudere l’auto. Daremo l’addio alle chiavi tradizionali?

Dove sono le chiavi dell’auto? Sparite. Non ci sono nelle tasche, nei cassetti, sul tavolo. Poco male. L’importante è avere a portata di mano lo smartphone. Sarà lui che vi permetterà di aprire e accendere la vostra auto. Bosch ha presentato Perfectly Keyless, un sistema digitale di accesso al veicolo che consente di fare a meno delle chiavi tradizionali. “È un grande esempio di mobilità connessa, e senza stress”, ha spiegato Harald Kröger, presidente della divisione Automotive Electronics di Bosch. Basta avvicinarsi all’auto e i sensori montati a bordo riconoscono lo smartphone. Continua a leggere

Paura delle auto a guida autonoma? Il test di Intel: la fiducia cresce dopo esserci saliti

È tutta una questione di fiducia. Chi, oggi, salirebbe tranquillamente su un’auto senza conducente? Pochi, probabilmente. Secondo Jack Weast, ingegnere senior a capo della divisione Guida autonoma di Intel, “siamo molto vicini al perfezionamento della tecnologia delle auto a guida autonoma, ma il futuro dei veicoli senza conducente non ci porterà da nessuna parte se la gente non avrà fiducia”. Una fiducia che stenta ad arrivare, visto che “un recente studio di AAA ha rilevato che il 75 per cento degli americani ha paura di essere trasportato in auto che si guidano da sole”. In realtà, secondo Intel, chi prova a salire su un’auto senza conducente, poi scende con una bella dose di fiducia in più. Continua a leggere

Auto intelligenti che si guidano da sole, per renderle stupide basta un adesivo sui cartelli?

Un adesivo appiccicato al cartello stradale, magari stampato per fare uno scherzo da qualche buontempone. Potrebbe bastare questo a mandare in tilt le auto che si guideranno da sole nel futuro? Il rischio esiste, almeno secondo alcuni ricercatori dell’Università di Washington, secondo i quali non sarebbe affatto necessario ricorrere a attacchi tecnologici effettuati da pirati dell’informatica per mandare “in tilt” le centraline delle auto a guida autonoma, ma potrebbe bastare alterare i comuni segnali stradali. Continua a leggere

L’esodo senza traffico è possibile. Portali al posto dei caselli, così la tecnologia azzererà le code

Nel calendario dell’estate, il bollino nero, quello che in pratica indica che ci sarà un traffico infernale, è stato posizionato su sabato 5 agosto, il giorno in cui moltissimi italiani si metteranno in viaggio per raggiungere le località di villeggiatura. Su strade e autostrade si incolonneranno milioni di auto e chi è a bordo rischia di arrivare in vacanza con una notevole dose di stress. Ma sarà sempre così faticoso partire per le vacanze? Se lo chiede Kapsch TrafficCom, società specializzata in soluzioni per la gestione del traffico, che in un comunicato anticipa quali saranno le tecnologie che renderanno le partenze meno stressanti. Continua a leggere