Basta un istante per morire in strada. Il miglior antidoto alla disattenzione? I video d’incidenti

Il brevissimo video girato da una webcam installata nella cabina di guida di un mezzo pesante mostra in lontananza un’auto accodata ad altre che si avvicina sempre più: pochi istanti, durante i quali si sente il conducente canticchiare, poi il mezzo piomba addosso all’auto distruggendola. Un’immagine “forte” di quelle che non ammettono indifferenza e che obbligano a guardare e a riflettere, così come altri minivideo che i responsabili della Polizia stradale di Parma hanno mostrato agli oltre 150 associati intervenuti a Soragna all’inaugurazione di Fai Emilia. Immagini mostrate nello spazio che gli organizzatori dell’evento hanno voluto riservare alla sicurezza stradale, e che hanno saputo raccontare meglio di mille parole come possa bastare un solo attimo di distrazione al volante per provocare una tragedia e rovinare per sempre la propria vita e, peggio ancora, quella altrui. Continua a leggere

Pneumatici invernali da sostituire entro metà maggio. Ecco quando si rischia una multa salata

È arrivato il momento di tornare dal gommista. Il 15 aprile sono infatti scadute le ordinanze che obbligavano la circolazione con le catene a bordo oppure con gli pneumatici invernali su diverse strade di tutta Italia. Chi ha scelto di montare le gomme invernali deve sostituirle entro metà maggio se il treno di pneumatici M+S scelti ha un codice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione.  Continua a leggere

Cavalcavia pericolante chiuso a traffico sulla statale Porto Empedocle – Caltanissetta

Chiuso perché pericolante. La decisione, adottata per prevenire possibili tragedie come quella che un anno e mezzo fa ad Annone Brianza, nel lecchese, vide un uomo morire sepolto sotto un ponte crollato, riguarda  un cavalcavia che sovrasta un tratto della statale 640 Porto Empedocle-Caltanissetta alle porte del capoluogo nisseno, chiuso  al traffico perché non in rado di garantire la sicurezza con i mezzi in transito. Il cavalcavia si trova immediatamente dopo lo svincolo per la zona industriale viaggiando in direzione di Caltanissetta e subito dopo l’hotel Ventura in direzione di Agrigento.

Noleggio bus con conducente, ma senza revisione: in Italia 5.482 mezzi non in regola

In Italia ci sono 5.482 bus da noleggio con conducente che non possono circolare. Secondo un’analisi di Facile.it su dati ufficiali del Ministero dei Trasporti, il 18,62 per cento dei 29.434 autobus per trasporto persone destinati a servizio di noleggio con conducente presenti nell’Archivio Nazionale dei Veicoli gestito dalla Motorizzazione non è in regola con la revisione. In pratica un bus su cinque di quelli che vengono utilizzati per le gite scolastiche degli alunni o per i tour turistici è fuorilegge. Il dato percentuale è simile a quello rilevato pochi giorni fa sempre da Facile.it riguardante le revisioni delle auto, con il 19,50 per cento delle vetture private non in regola. Continua a leggere

Strade intelligenti? Ma se l’asfalto è pieno di buche la sicurezza resta un optional

Il futuro racconta di automobili intelligenti e di smart roads che si connetteranno ai veicoli per aggiornarli in tempo reale. Ma anche i camion stanno viaggiando nel futuro, sviluppando innovazioni destinate a ridisegnare il mestiere dell’autotrasportatore: non più solo un conducente dietro a un volante ma un superprofessionista capace di pilotare una cabina simile a una vera e propria navicella spaziale, che mette in comunicazione l’autista con il veicolo, con la sede aziendale e con il mondo esterno. Continua a leggere

Incroci e svincoli pericolosi? Questi sembrano pensati apposta per provocare incidenti…

L’Italia è disseminata di incroci, svincoli, infrastrutture ad altissimo rischio d’incidente perché progettate malissimo Parola della pagina facebook  CamiOn  che ha deciso di invitare tutti i camionisti (ma anche gli automobilisti, motociclisti…) a segnalare le peggiori infrastrutture del Paese scattando una foto o realizzando un video (con l’avvertenza di farlo solo in condizioni di assoluta sicurezza per se e per gli altri (solo se si è il secondo autista, o, nel caso si sia soli in cabina, scendendo) caricandolo direttamente nei commenti sulla pagina facebook. L’esempio “usato” per mostrare infrastrutture tutte da dimenticare? Lo svincolo per l’uscita dal casello autostradale di Bergamo. Continua a leggere

Tir sicuri sulle strade? A fare la differenza è ancora l’uomo e servono autisti superpreparati

“Quando si parla di sicurezza sulle strade il fattore umano è sempre determinante. Un autista esperto e professionale, che gestisce il proprio veicolo in modo responsabile, rimane sempre la migliore forma di prevenzione degli incidenti”. Ne è convinto il presidente della Fai (federazione autotrasportatori italiani)  lombarda, Antonio Petrogalli, che incontrando, alla vigilia della sua nomina, il nuovo governatore del Pirellone, Attilio Fontana, ha voluto sottolineare l’importanza di formare una nuova generazione di professionisti del volante a cui affidare i giganti della strada. “I risultati ottenuti dalla prima edizione del progetto “giovani conducenti” per 2200 autisti e dell’alternanza scuola-lavoro per le altre figure professionali sono stati estremamente positivi e abbiamo voluto ribadire al neo governatore  l’importanza di continuare su questa strada”, ha affermato Antonio Petrogalli. Continua a leggere

Vergogna buche stradali a Roma. Ma anche la manutenzione è cosa di cui vergognarsi

Una buca per strada piena d’acqua (una delle tantissime), due operai che, senza neppure accennare prima a togliere l’acqua si limitano a versarci sopra del catrame, spargendolo alla bell’e meglio e assestando qualche colpo di badile per compattarlo e niente di più. Ecco come Roma affronta l’emergenza buche. Una toppa per riparare lo strappo che potrà durare qualche mese, settimana o solo giorni? Difficile dirlo, facilissimo invece affermare (come ha fatto l’autista che ha filmato la scena, clicca qui per vedere il video) che se questo è il modo con cui di affrontano i problemi, “c’è poco da stare allegri”. Roma sempre più capitale sì, ma solo della disorganizzazione, dello spreco, dell’incapacità, verrebbe da commentare…

Dal Tir a una sedia a rotelle: ora Mauro guida i ragazzi sulla strada della sicurezza

Bernardi 3C’è una bella differenza fra guardare il mondo dall’alto della cabina di un Tir, col quale potersi muovere in ogni direzione in tutta Italia, magari in tutta Europa, e farlo invece stando seduto su una sedia a rotelle, costretto a trovare ogni volta le energie per spingerla a forza di braccia perché le gambe  non rispondono più ai comandi. Forse solo chi un tempo ha saputo domare e rendere docile un bisonte della strada e oggi fatica a far obbedire ai propri desideri una carrozzina, magari solo perché ha incontrato sul suo percorso una buca sull’asfalto, può raccontare l’abisso che separa questi due “punti d’osservazione” sulla vita di ogni giorno: quella che una volta scorreva felice fra un viaggio e l’altro al volante del proprio amatissimo Tir e quella che oggi invece continua per la sua strada solo perché lo schianto terribile che ha distrutto quel Tir in un pauroso incidente, staccando per sempre i fili che collegavano la mente alle gambe di chi era al volante, non ha intaccato la sua straordinaria forza di volontà. Continua a leggere

Cerca qualcosa nella borsetta e provoca un incidente. Tar: “Giusta la revisione della patente”

È legittimo imporre la revisione della patente a una guidatrice che si è distratta per prendere un oggetto dalla borsetta sul sedile anteriore causando un incidente. Lo ha stabilito il Tar della Liguria respingendo la richiesta di una donna che aveva chiesto la sospensione del provvedimento della Motorizzazione di Savona basato su una relazione della polizia stradale. Mentre era al volante, infatti, la donna si era messa a cercare nella borsetta, ma questa distrazione aveva provocato un incidente. Continua a leggere