Chi guida deve controllare la qualità del proprio sonno. Per evitare d’addormentarsi al volante

Fornire indicazioni utili al medico del lavoro – medico competente delle imprese di autotrasporto, e di conseguenza ai responsabili delle stesse aziende, per una corretta ed efficace gestione dei lavoratori affetti da Osas, ovvero la sindrome delle apnee ostruttive del sonno che possono impedire di riposare in modo corretto durante la notte mettendo a rischio di colpi di sonno i conducenti di giorno, proprio quando sono al volante di un tir. Con conseguenze che possono essere catastrofiche.   Continua a leggere

Manutenzione in autostrada, aperta un’indagine su 11 viadotti lungo la A16 dove morirono in 43

La manutenzione di undici viadotti autostradali della A16 nel tratto compreso tra Benevento e Baiano è finita al centro di un’indagine avviata dai magistrati della Procura della Repubblica di Avellino per verificare eventuali inadempienze della Società Autostrade. Il nuovo fascicolo è stato aperto in seguito alle perizie presentate nell’ambito del processo in corso sulla strage di Monteforte Irpino, dove nel 2013 un pullman precipitò dal viadotto Acqualonga, dopo aver sfondato le barriere stradali, causando la morte di 43 persone, perizie che denuncerebbero gravi inadempienze nella manutenzione dei guard-rail. Continua a leggere

Aree di sosta sicure per i camion, perché l’Italia non ha fornito i dati chiesti dall’Europa?

C’è anche l’Italia fra i sei Paesi che non si sono messi in regola con i servizi d’informazione sui parcheggi sicuri per camion e che per questo sono stati messi in mora dalla Commissione Europea che oltre al Governo Italiano ha inviato un analogo avviso a Germania, Austria, Lituania, Lussemburgo e Paesi Bassi. Paesi ai quali la Commissione europea ha comunicato di concedere due mesi per fornire una risposta a Bruxelles. Continua a leggere

Giovedì, il giorno in cui è più facile morire in autostrada in un incidente con un tir

Da gennaio a giugno 2018 sono stati 732 gli incidenti avvenuti lungo autostrade, trafori, tangenziali e raccordi autostradali che hanno visto coinvolti veicoli industriali con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate e che hanno causato ferito o morti. Settecentotrentadue incidenti che rappresentano il 15 per cento del totale degli incidenti, 4730, rilevati nei primi sei mesi dal 2018 dalle pattuglie della Polstrada. In 298 degli incidenti con protagonisti mezzi pesanti e di cui è stato possibile indagare le circostanze, gli agenti non hanno rilevato alcuna responsabilità dell’autista del camion, mentre in 336 c’è almeno una sua corresponsabilità. Continua a leggere

Eccesso di velocità, sovraccarichi, niente riposo al volante: 80mila camion fuorilegge

Eccesso di velocità, sovraccarico, violazione delle norme che regolano i tempi di guida e di riposo. Sono questi i principali “reati” compiuti dai camionisti al volante, come testimonia un’analisi delle oltre 80mila multe inflitte a conducenti di Tir sulle strade italiane nei primi sei mesi dell’anno. Dati contenuti nella relazione alla Commissione per la sicurezza stradale nell’autotrasporto presentata dal comando della Polstrada che raccontano di oltre 200mila controlli avvenuti lungo autostrade, trafori, tangenziali e raccordi autostradali su veicoli dotati di cronotachigrafi e che hanno avuto per “protagonisti” nell”85,1 per cento dei casi mezzi pesanti con targa italiana, nel 13,4 per cento tir stranieri comunitaria e solo nell’1,5 per cento dei casi mezzi con targa extracomunitaria. Continua a leggere

Tir semina il panico in autostrada: camionista lituano guida per sei chilometri contromano

Immaginate di viaggiare in autostrada e all’improvviso di vedere un Tir che vi sta venendo addosso viaggiando contromano. Un incubo terrificante che alcuni automobilisti (fortunatamente non troppo numerosi visto l’orario e il giorno festivo ) hanno realmente vissuto Il 1° novembre verso le 7 incrociando un camion lituano che ha percorso contromano sei chilometri dell’autostrada A7 all’altezza di Busalla prima che l’autista si fermasse in una piazzola di sosta.  Continua a leggere

Incidenti con vecchi Tir destinati ad aumentare? “Il problema più che il mezzo è il conducente”

Trecentomila camion vecchi e poco sicuri che viaggiano sulle strade italiane. Un pericolo per la sicurezza di tutti, come denunciato recentemente dal palco dell’assemblea generale della Fai, Federazione autotrasportatori italiani, di Brescia da Franco Fenoglio, presidente  della Sezione veicoli industriali di Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere in Italia, che sempre con l’obiettivo di  garantire maggior sicurezza ha voluto contemporaneamente evidenziare l a necessità di “ dare maggior importanza al ruolo del conducente di veicoli industriali, alla sua formazione professionale”. Continua a leggere

Incidenti causati dai Tir destinati a crescere. Ecco perché succederà senza interventi immediati

“In futuro gli incidenti stradali con coinvolti mezzi pesanti saranno destinati ad aumentare per colpa della presenza su strade e autostrade di troppi mezzi vecchi e pericolosi”. È una previsione decisamente allarmante, e che non può non obbligare a riflettere,  quella fatta da Franco Fenoglio, presidente della Sezione veicoli industriali di Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere in Italia, che  intervenendo alla tavola rotonda organizzata da Fai Brescia in occasione della sua assemblea generale per analizzare vari temi legati all’autotrasporto in Italia, a partire proprio dalla sicurezza, non ha avuto esitazioni: “il rischio che la situazione possa aggravarsi è reale e sono i dati a testimoniarlo”. Dati che  il presidente di Unrae, oltre che di Italscania  Spa,  ha  presentato evidenziando innanzitutto come “il parco circolante italiano risulti essere tra i più datati d’Europa, con il 63,1 per cento dei veicoli, corrispondenti a 418.500 mezzi su un totale di 663.500, ante Euro 4. Continua a leggere

Autostrada Roma-Teramo “limitata” per i Tir? Toninelli: “Non vogliamo un’altra Genova”

Sulla A24, l’autostrada che collega Roma a Teramo passando per l’Aquila serve una disciplina rigorosa per i mezzi pesanti. Ad affermarlo, in un’intervista al quotidiano il Messaggero, è il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che ha auspicato che le limitazioni ai mezzi pesanti inizino “il prima possibile”, perché, ha aggiunto sempre il ministro, “non c’è tempo da perdere, perché non possiamo permetterci un’altra Genova. Il Paese ha bisogno di un grande piano di manutenzione e questa è la più grande opera che serve all’Italia” . Continua a leggere

Tir sovraccarichi sul ponte crollato a Genova? La procura ne fa sequestrare due

Due tir che stavano percorrendo il Ponte Morandi al momento del crollo del cavalcavia sul torrente Polcevera viaggiavano sovraccarichi? È quanto vuole scoprire una volta per tutte  il pubblico ministero Walter Cotugno che ha incaricato gli agenti della Guardia di Finanza di sequestrare i resti di due autoarticolati precipitati. Continua a leggere