Un’officina italiana tra le migliori del mondo: l’Affini Service alla finale di Scania Top Team

Tra le migliori officine Scania del mondo c’è anche un team italiano: è l’Affini Service che, dopo aver conquistato il titolo di miglior officina d’Italia, si è piazzata al secondo posto nella semifinale europea dello Scania Top Team 2018 svoltasi sabato 14 aprile a Trento, nella sede di Italscania. Un eccezionale secondo posto che permette al team italiano di accedere alla finale mondiale in programma dal 5 all’8 dicembre a Södertälje, in Svezia. Un’impresa che porta le firme di Simona Sandrini (unica donna in gara nella semifinale), Omar Bernini, Marco Baiguini, Luca Migliori, Angelo Regna, guidati da Stefano Affini e coordinati da Tiziano Bergamo. Continua a leggere

Tir sulle autostrade, il boom del Nordest del Paese: ma quanto pesa la concorrenza straniera?

È il Nordest il motore del Paese. Da qui, da queste autostrade, passano più Tir, che vuol dire più merci e maggiore peso economico. Secondo uno studio della Cgia di Mestre, “ogni giorno sulle principali autostrade del “nuovo” triangolo produttivo (Milano-Bologna-Padova) transitano 240 mila mezzi pesanti, oltre il 60 per cento in più di quelli che solcano il “vecchio” triangolo industriale (Torino-Milano-Genova) che, invece, ammontano a 148 mila unità”. Secondo l’Ufficio studi, questa “rilevazione ci consente di affermare in maniera empirica come i flussi di merci e, conseguentemente, anche il peso del sistema economico del Paese, si sia ormai definitivamente spostato a Nordest”. Tutto bene per l’autotrasporto italiano? Non proprio, perché secondo la Cgia il peso della concorrenza straniera ha “raggiunto livelli impressionanti”.  Continua a leggere

Nuova concessionaria Scania in Piemonte: nella nuova realtà di Mondovì lavorano 70 persone

Essere presenti in maniera capillare su tutto il territorio italiano. È questo l’obiettivo di Scania, che nei giorni scorsi ha inaugurato davanti a oltre 500 persone una nuova concessionaria a Mondovì, in provincia di Cuneo. Scania Piemonte è guidata da Gianmarco Bezzi, amministratore delegato della nuova realtà, e occupa oltre 70 persone tra venditori di veicoli industriali e servizi, master driver, meccanici, magazzinieri, accettatori, elettrotecnici e personale amministrativo. Continua a leggere

Dal Tir a una sedia a rotelle: ora Mauro guida i ragazzi sulla strada della sicurezza

Bernardi 3C’è una bella differenza fra guardare il mondo dall’alto della cabina di un Tir, col quale potersi muovere in ogni direzione in tutta Italia, magari in tutta Europa, e farlo invece stando seduto su una sedia a rotelle, costretto a trovare ogni volta le energie per spingerla a forza di braccia perché le gambe  non rispondono più ai comandi. Forse solo chi un tempo ha saputo domare e rendere docile un bisonte della strada e oggi fatica a far obbedire ai propri desideri una carrozzina, magari solo perché ha incontrato sul suo percorso una buca sull’asfalto, può raccontare l’abisso che separa questi due “punti d’osservazione” sulla vita di ogni giorno: quella che una volta scorreva felice fra un viaggio e l’altro al volante del proprio amatissimo Tir e quella che oggi invece continua per la sua strada solo perché lo schianto terribile che ha distrutto quel Tir in un pauroso incidente, staccando per sempre i fili che collegavano la mente alle gambe di chi era al volante, non ha intaccato la sua straordinaria forza di volontà. Continua a leggere

Camionista italiano fermato in Svizzera: guidava con una patente bulgara falsificata

Guidava il camion da tre anni con una patente falsa. Un autista italiano è stato fermato mercoledì pomeriggio dalla polizia nel Canton Uri, in Svizzera, e alla richiesta dei documenti ha mostrato una patente bulgara falsificata. Come riportano i media elvetici, dai controlli sono emersi anche il mancato rispetto dell’orario di riposo e il sovraccarico del mezzo. L’uomo ha ammesso agli agenti di essere senza patente dal 2015. Continua a leggere

Olio di contrabbando usato come gasolio, nei guai 18 persone: evasi 12 milioni di euro in due anni

Importavano dall’estero oli lubrificanti e li utilizzavano come gasolio, evitando in questo modo di pagare Iva e accise. Dopo due anni di indagini, la Guardia di Finanza ha concluso l’operazione “CocktOIL” che ha consentito di smantellare un’associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di prodotti petroliferi e alla commissione di vari reati tributari e fallimentari che operava tramite due impianti di distribuzione di prodotti petroliferi gestiti da altrettanti consorzi di autotrasporto di merci su strada con sede a Fontevivo, in provincia di Parma. Diciotto le persone denunciate, di cui cinque agli arresti domiciliari. Continua a leggere

Traforo del Monte Bianco vietato ai Tir Euro 3? Prima dello stop arriva l’aumento delle tariffe

Per i Tir Euro 3 attraversare il Traforo del Monte Bianco sarà più costoso. Dal primo aprile, infatti, le tariffe aumenteranno del 5 per cento. Come ha comunicato la Società italiana traforo del Monte Bianco, la decisione è stata presa per “incentivare il transito di veicoli di più recente fabbricazione e dotati di dispositivi più performanti dal punto di vista delle emissioni, e quindi di migliorare la qualità dell’aria nella Valle d’Aosta e nell’alta Valle dell’Arve” in Francia. L’aumento della tariffa per gli Euro 3 è solo il primo passo. Continua a leggere

L’autotrasporto non deve pagare l’Autorità dei trasporti: lo conferma il Tar del Piemonte

Le aziende dell’autotrasporto non devono pagare contributi all’Autorità di regolazione dei trasporti. Lo ha ribadito il Tar del Piemonte che “ha confermato l’illegittimità della richiesta del contributo effettuata dall’Authority nei confronti delle imprese di trasporto merci per gli anni 2015 e 2016 annullando le relative delibere. Per quanto riguarda il 2017”, spiega Conftrasporto, “il Tar aveva già provveduto all’annullamento della relativa delibera grazie a un ricorso presentato dalla Fai-Conftrasporto”.  Continua a leggere

Il meccanico dei camion è donna: la storia di Natascia, 20 anni e una passione per i motori

È giovane, ha tanta passione, voglia di crescere e di imparare tutti i trucchi del mestiere: ma è donna e molti, purtroppo, avranno cestinato il suo curriculum prima di leggerlo. Magari ridendo. Ma c’è chi ha puntato su di lei e ora la ventenne Natascia è un punto ferma di un’officina – la O.R.M.I.A. di Fiano Romano – che nelle donne crede fermamente. Probabilmente perché al volante c’è una titolare, Alessandra Lucaroni, che sa benissimo quanto sia difficile farsi largo in un settore prettamente maschile. “Ci è arrivato il curriculum di Natascia ed ho pensato che questa è una sfida che voglio cogliere, assumere un meccanico donna e dimostrare che, con tanta passione e determinazione, lavorando duramente, anche una donna può fare questo lavoro”, ha spiegato la titolare della O.R.M.I.A. Continua a leggere

C’è un legame tra un cavalcavia che crolla, il prezzo del gasolio e la concorrenza dell’Est

“Cosa c’entra un cavalcavia che crolla con l’aumento del prezzo del gasolio, la legge europea che obbliga i camionisti a non superare le nove ore di guida in una giornata e la concorrenza polacca? C’entra”. Lo sostiene Milena Gabanelli, che sul Corriere della Sera ha realizzato un’inchiesta e sul peso che da anni sopportano. “La maggior parte dei viadotti sono stati costruiti alla fine degli anni Cinquanta e inizio anni Sessanta, quando i trasporti da 100 tonnellate erano rarissimi. Da allora è cambiato il mondo: è cresciuto il trasporto su gomma e pian piano anche i carichi eccezionali. Ed è proprio il «peso», che, anno dopo anno, ha stressato i ponti”, spiega la Gabanelli, che nel servizio mette l’accento anche sull prezzo del gasolio e sulla “giustissima” legge sulle ore di guida. Continua a leggere