Cavalcavia crolla sotto il peso di un Tir: poche ore prima era stato chiesto l’alt al traffico

Un cavalcavia che crolla sotto il peso di un Tir che lo sta percorrendo, un’auto che lo sta attraversando e che resta sepolta, un’altra che viene schiacciata solo in parte. E  poi un’altra auto che stava seguendo il Tir e che come quest’ultimo precipita nel vuoto.  Potrebbe sembrare la trama di un film d’azione, invece è l’incredibile realtà avvenuta ad Annone Brianza dove una persona è morta è quattro, di cui tre bambini,  sono rimaste ferite in una tragedia che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più drammatiche. teatro dell’incredibile vicenda un cavalcavia sovrastante la strada statale 36 del lago di Como e dello Spluga, lungo la provinciale 49, crollato improvvisamente quando un Tir lo stava attraversando.  Colpa del carico particolarmente elevato? Colpa della scarsa manutenzione? Continua a leggere

Ai sardi non interessa più essere isolati nei trasporti? O forse non credono nei sindacati?

C’erano anche le le politiche sui trasporti, grazie alle quali i sardi si sentono ‘prigionieri’ per i mancati e inefficienti collegamenti con il Continente, al centro dello sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private proclamato da Usb, Unicobas e Usi che avrebbe dovuto portare fiumi di manifestanti sotto il palazzo del Consiglio regionale di Cagliari. Invece in via Roma si sono ritrovate solo poche decine di persone che hanno sfilato in un corteo ridotto al lumicino. Un clamoroso fiasco. Continua a leggere

Truck of the Year, Scania sale ancora una volta sul gradino più alto del podio con la serie S

truck-of-the-year-2017Comfort di guida, sicurezza, impatto positivo sull’economia operativa totale delle imprese di trasporto. Sono questi i grandi “valori aggiunti” che hanno permesso a Scania di aggiudicarsi ancora una volta Truck of the Year. il prestigioso premio International assegnato da una giuria, composta da 25 giornalisti delle più autorevoli testate europee specializzate. Giuria che quest’anno, come ha scritto nella sua motivazione il presidente Gianenrico Griffini, ha premiato “un veicolo che rappresenta lo stato dell’arte nel settore del trasporto pesante e in grado di soddisfare le esigenze di trasporto di oggi e di domani”. Continua a leggere

Estate, la stagione più pericolosa per i più giovani e inesperti al volante: i morti raddoppiano

“Ninetta mia crepare di maggio ci vuole tanto troppo coraggio”, cantava Fabrizio de Andrè in una delle sue celebri canzoni dedicata all’orrore della guerra. Per morire, in incidenti stradali, a luglio e agosto, occorre invece una buona dose di incoscienza: quella che hanno soprattutto i giovani di età compresa fra i 18 e i 24 anni e che, proprio in questo periodo dell’anno, restano gravemente feriti e perdono la vita al volante molto più spesso che negli altri periodi dell’anno. Continua a leggere

Delitto all’autogrill, l’impronta nel sangue di una scarpa dirà se anche l’assassino è un camionista?

Una lite scoppiata per motivi banali? Oppure un tentativo di rapina? O magari vecchie ruggini del passato tornate a galla  in occasione di un incontro casuale, nello stesso autogrill? Sono diverse  le ipotesi sulle quali stanno lavorando gli investigatori che indagano sull’omicidio dell’autotrasportatore ucraino di 32 anni trovato morto nel parcheggio dell’autogrill Arda di Fiorenzuola, in provincia di Piacenza, lungo l’Autostrada del Sole A1 fra Piacenza e Parma e per il quale è stato fermato un altro camionista,  un lituano di 58 anni, sul camion del quale è stato trovato un coltello. Continua a leggere

400 chilometri legato a un Tir, il viaggio da incubo del 15enne afghano in fuga dalla guerra

Per fuggire da un incubo si può essere disposti a viverne un altro. Così un 15enne afghano, per scappare dalla guerra, ha viaggiato per circa 400 chilometri legato al differenziale di un Tir. È lì che l’hanno trovato gli agenti della Polizia stradale di Napoli Nord. La scoperta è avvenuta durante alcuni controlli sulla A1, nei pressi dell’area di servizio casertana di San Nicola la Strada: i poliziotti seguivano in auto il Tir e l’hanno fermato per un telo assicurato male. Continua a leggere

La car jihad ha già colpito in passato: “Uccidete gli infedeli investendoli”

Nizza, ma anche Londra, Montreal, Graz, Gerusalemme. Città diverse in Paesi diversi, colpite al cuore con la “car jihad”, la tecnica di utilizzare un autoveicolo per gli attacchi terroristici. Una strategia precisa, che come ha ricordato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, mette in pratica le parole pronunciate a settembre del 2014 dal portavoce dello Stato Islamico, Abu Muhammad al Adnani, che invitava a colpire gli “infedeli” con qualunque mezzo a disposizione. Continua a leggere

Volkswagen, in arrivo una maxi causa per pubblicità ingannevole sulle vendite diesel

Pubblicità ingannevole. È questa la nuova tegola caduta sul tetto di Volkswagen. La Federal Trade Commission, l’autorità antitrust americana, ha deciso di far causa al gruppo automobilistico tedesco er pubblicità ingannevole sulle auto diesel. Una falsa pubblicità costata ai consumatori miliardi di dollari. Nel mirino dell’antitrust a stelle strisce ci sono le auto Volkswagen e Audi dal 2008 al 2015.

Ntv presenta il nuovo pendolino Italo: il punto di forza è l’accelerazione

È l’accelerazione il punto di forza del nuovo pendolino Italo di Ntv, prodotto da Alstom e presentato in questi giorni nella sede della compagnia ferroviaria. Il nuovo treno raggiungerà i 250 chilometri orari, una velocità inferiore rispetto ad altri ma, come ha spiegato l’ad di Ntv Flavio Cattaneo “non è la velocità l’importante, è il tempo perché questo modello raggiunge la velocità massima in 8 chilometri. Quindi è adatto a tratte con stazioni ravvicinate come la Milano-Venezia”. Continua a leggere

Ore di guida in più, sovraccarichi: controlli a raffica sulle aziende sorprese a “barare”

Stradafacendo vi dico che…  Avremmo potuto intitolare così il nuovo spazio di stradafacendo.tgcom24.it dedicato agli interventi, riservati a quelle persone che vogliono diventare “commentatori” del superblog. Un’area dove troveranno spazio i più interessati fra i tanti scritti che vengono inseriti dai lettori in coda alle varie notizie.

Un suggerimento per i controlli: prendere tutte le ditte che negli ultimi  sei mesi hanno fatto infrazioni alle ore di guida, sovraccarichi, alterazioni tachigrafi e fargli un bel controllo approfondito su tutti i mezzi per vedere se si sono rimesse in regola, poi passerei alle ditte di trasporto che utilizzano somministrazione del lavoro per vedere se rispettano il 20 per cento previsto dalla legge  a poi a quelle che non chiedono il rimborso dell’accise  e infine a quelle che risulteranno non regolari nel nuovo database dell’albo appena (parzialmente )inaugurato. Spero di essere smentito ma temo che , come sempre, verranno a controllare quelli che si sono sempre sforzati di lavorare in regola e li sanzioneranno pesantemente per ogni piccola distrazione.

Roberto B.