Crolla viadotto a Genova: “Un’altra tragedia provocata dal peso dei controlli non fatti”

Tre ponti crollati in sei mesi sono sufficienti per far partire i controlli e giustificare una “mappa del rischio di nuovi cedimenti”? La domanda che Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto, aveva posto dalle pagine di stradafacendotgcom24 e dal sito www.conftrasporto.it, nell’aprile 2017, a sei mesi di distanza dalla tragedia del 28 ottobre 2016 ad Annone Brianza, in provincia di Lecco (e i crolli di un cavalcavia avvenuto a Fossano in provincia di Cuneo e di un ponte sulla A14 all’altezza di Camerano, tra Loreto e Ancona Sud) fa venire i brividi riletta oggi. Continua a leggere

Il Rally Italia Sardegna sul gradino più alto del podio nella corsa per la tutela dell’ambiente

Andreas Mikkelsen, Anders Jaeger (Hyundai i20 WRC #4, Hyundai Shell Mobis WRT)

C’è un premio destinato a conquistarsi uno spazio speciale nella bacheca dei trofei del Rally Italia Sardegna – unica tappa italiana del Mondiale Rally: è quello delle tre stelle che certificano la massima compatibilità ambientale che la Fia, Federazione internazionale dell’automobile della ha assegnato alla manifestazione organizzata dall’Automobile Club d’Italia nell’Isola bianca. Continua a leggere

Trasporto merci italiano fra i più cari: un Tir “pesa” ogni anno 30.000 euro più che in Francia

Il trasporto merci su strada italiano è tra i più cari d’Europa. Lo conferma una ricerca realizzata dal Comité national routier del ministero dei Trasporti francese alla quale ha collaborato anche Anita. Dai dati analizzati e dai sondaggi effettuati  nel 2017 emerge che l’autotrasporto del nostro Paese, pur rimanendo al sesto posto in Europa, soffre gli aumenti dei costi e continua a subire la concorrenza dei vettori dell’Est Europa”, come ha dichiarato  Giuseppina Della Pepa, segretario generale di Anita che ha anche sottolineato come “tra il 2008 e il 2016 ci sia stato un calo medio annuo del dieci percento nel trasporto internazionale fatto dalle imprese italiane, evidentemente a tutto vantaggio dei trasportatori di Paesi con costi più bassi. Continua a leggere

Il confronto fra Governo e autotrasporto è partito. Ora deve seguire strade ben precise

Giovedì si è avviato il confronto con il nuovo Esecutivo che l’Unatras, il coordinamento unitario delle più rappresentative federazioni dell’autotrasporto, aveva richiesto da tempo al ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli. Il neo ministro, insieme al sottosegretario Edoardo Rixi, delegato a seguire i problemi del settore, si è presentato al confronto che rischiava di sfociare, in caso di mancate risposte, nel fermo generale già proclamato. L’esame approfondito delle questioni, l’impegno a ricercare soluzioni possibili al tema delle spese non documentate, uniti alle assicurazioni di programmare dal mese di settembre una serie di incontri per affrontare i temi da trattare con la Legge di Stabilità, hanno portato alla decisione di non dare attuazione a quanto annunciato. Continua a leggere

Cinquecento Tir italiani in viaggio di sabato verso la Germania “rispediti al mittente”

Cinquecento tir italiani “rispediti al mittente”. E questo il bilancio delle ultime tre settimane del divieto di transito verso la Germania. Ottantadue sono stati respinti dalla polizia austriaca nella sola giornata di sabato, mentre sono solamente sei sei i tir fermati mentre tentavano di transitare di sabato dalla Germania verso l’Italia. Il provvedimento, che scatta alle 7 del sabato, è stato giustificato come adeguamento al divieto già in vigore in Germania, che scatta appunto alla stessa ora dello stesso giorno. Continua a leggere

Due miliardi di euro: tanto costerà agli italiani fare retromarcia sul progetto Tav

Quanto costerebbe all’Italia abbandonare il progetto Tav Torino-Lione? Oltre due miliardi di euro. Una somma fatta calcolando la restituzione di un finanziamento europeo di oltre 800 milioni di euro che non potrebbe usare per altri scopi; un miliardo abbondante di euro che verrebbe con ogni probabilità richiesto a titolo di risarcimento dalla Francia e dall’Unione europea che questa cifra l’avrebbero già spesa per le opere preliminari; 350 milioni già spesi dall’Italia, a quel punto inutilmente. Continua a leggere

Fermo dei tir rinviato a fine settembre. Il ministro aveva poco tempo per i trasportatori

Gli autotrasportatori non fermeranno i tir. O , almeno, non lo faranno dal 6 al 9 agosto come proclamato  nelle settimane scorse da Unatras rinviando la possibile manifestazione di protesta nazionale all’ultima settimana di settembre qualora i numerosi problemi irrisolti da mesi non dovessero essere nel frattempo adeguatamente affrontati e risolti. È quanto deciso dai rappresentanti della categoria al termine del primo incontro concesso, dopo settimane di attesa, al mondo dell’autotrasporto dal neoministro alle Infrastrutture e ai trasporti che ha annunciato l’apertura di un tavolo all’inizio di settembre. Continua a leggere

Tav Torino-Lione, tutto da rifare. Il ministro Toninelli: “Un disgustoso spreco di denaro”

“Quando studio dossier come quello della Tav Torino-Lione, non posso che provare rabbia e disgusto per come sono stati sprecati i soldi dei cittadini italiani”. La dichiarazione del ministro alle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli lascia ben poco spazio alle possibilità che il nuovo Governo a trazione 5 Stelle possa far proseguire il progetto dell’alta velocità su rotaia, soprattutto se sommata a un altro passaggio: quello in cui il ministro ha affermato che “nessuno deve azzardarsi a firmare nulla ai fini dell’avanzamento dell’opera. Lo considereremmo come un atto ostile”. Continua a leggere

Nuovo osservatorio sui trasporti, per far conoscere la realtà a chi poi dovrà fare le scelte

Continua a calare il numero delle aziende di  autotrasporto:  dalle oltre 85mila “censite” a inizio 2016  sono scese a meno di 82mila nel primo trimestre del 2017, con un aumento,  pero’, della quota di quelle organizzate come societa’ di  capitali, ormai il 21,6 per cento del totale. Un frutto quest’ultimo,come  ha rilevato il vicepresidente di  Confcommercio e Conftrasporto, Paolo Ugge’ nel suo intervento in occasione della presentazione a Roma del primo Osservatorio di Conftrasporto Confcommercio, “della scelta delle  associazioni di legare gli incentivi statali al rispetto  dell’ambiente da parte degli imprenditori” e di come, piu’ in  generale, sia “necessario fare sistema per aiutare il Paese a  progredire”. Continua a leggere

Autotrasporto, lo sconto fiscale tagliato sui viaggi “costerà” 1400 euro a ogni impresa

La decisione del ministero dell’Economia e delle finanze di ridurre lo sconto fiscale per le imprese di autotrasporto rispetto a quello concesso nel 2017 (13,3 euro contro i 17,85 applicati l’anno scorso per i viaggi all’interno del comune di residenza dell’impresa e 38 euro contro i 51 per i viaggi fuori dal territorio comunale) costerà caro al settore. Continua a leggere