L’Austria chiude un’altra strada all’Italia. Conftrasporto esasperata: “Toninelli cosa fa?”

“Non basta il contingentamento dei Tir al Brennero: ora l’Austria ha deciso che con molta probabilità chiuderà per almeno un mese la strada statale della Val Venosta. E mentre il ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli stringe la mano alla commissaria europea ai Trasporti Violeta Bulc, accontentandosi delle rassicurazioni di quest’ultima, l’Austria fa il bello e il cattivo tempo sulla circolazione dei mezzi italiani e, di conseguenza, sulle imprese produttive e dell’autotrasporto. Così dal 3 all’8 giugno prossimi i Tir in arrivo dall’Italia dovranno subire un ulteriore, grave disagio. Continua a leggere

Collegamenti fra Italia e Austria sempre più a ostacoli. Chiude la statale della Val Venosta

Collegamenti stradali sempre più a ostacoli fra Italia e Austria con conseguenze pesantissime soprattutto per gli autotrasportatori: la strada statale della Val Venosta (Ss 40 di Resia in Italia e B180 in Austria) sarà infatti completamente chiusa sul versante austriaco dal 3 al 28 giugno prossimi causando non pochi problemi (considerati i divieti di transito settoriale e il contingentamento dei tir) a chi, come ha denunciato Elmar Morandell, presidente dei trasportatori di merci di Confartigianato imprese della Provincia di Bolzano, “è chiamato per forza di cose a percorrere l’asse del Brennero. In questo modo, invece di ridurre le deviazioni si finisce per crearle artificialmente. Continua a leggere

L’autotrasporto, col proprio voto, può indicare quali strade deve prendere l’Italia

Il finale di una partita dipende dalle “giocate” di chi scende in campo. La stessa cosa accade per il futuro di un Paese: le scelte che gli elettori decideranno di fare il 26 maggio ricadranno su ognuno di noi. Per il settore dell’autotrasporto saranno più che mai in passato fondamentali le “giocate elettorali” degli operatori del settore: il loro voto dirà se la categoria potrà imboccare la tanto attesa strada della competitività in Europa o se sarà condannata a veder finire “fuori strada” moltissime imprese e migliaia di lavoratori. In questi mesi, come era stato annunciato, Conftrasporto Confcommercio ha cercato di mettere in condizione i propri operatori di aver dei punti di riferimento per poter scegliere consapevolmente coloro che diverranno per i prossimi cinque anni i rappresentanti dell’Italia nel Parlamento europeo. Continua a leggere

Conftrasporto: “Grazie all’onorevole Mara Carfagna per esserci ancora una volta vicina”

Già in passato aveva dimostrato grande attenzione nei riguardi del mondo dell’autotrasporto e della logistica, incontrando i rappresentanti delle associazioni per esaminare, con loro, problemi e possibili soluzioni. Un’attenzione che Mara Carfagna, deputata di Forza Italia e vice presidente della Camera dei deputati, ha voluto ribadire ospitando il vice presidente di Confcommercio e Conftrasporto Paolo Uggè, il direttore di Confcommercio Campania Pasquale Russo, il vice presidente Luigi Muto e il funzionario di Confcommercio nella Delegazione di Bruxelles Stefano Spennati, per analizzare con loro, i principali punti contenuti nel documento elaborato proprio da Conftrasporto, in vista delle imminenti elezioni europee, per indicare all mondo politico le principali strade da seguire per rilanciare il settore e, con esso, l’economia del Paese. Continua a leggere

Salvini:” La Tav va realizzata perché solo l’Italia che va avanti e viaggia può essere felice”

C’è un’Italia che va avanti, che viaggia, che costruisce, che finisce i cantieri aperti, e un’Italia che invece si ferma”. Lo ha detto il ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini, intervenendo a Roma all’incontro dal titolo ‘Mobilita’ a impatto zero: il futuro green’, organizzato da Alis, aggiungendo di non “conoscere un Paese che torna indietro ed é felice. La decrescita felice non esiste. Continua a leggere

Fermare lo smog solo mettendo i tir su treni e navi? È come svuotare il mare con un secchiello

Pensare di ripulire l’aria togliendo i camion da strade e autostrade per caricarli a bordo dei treni, ma anche dei traghetti, è come credere di poter svuotare il mare con un secchiello? È, in estrema sintesi, quanto pensa Paolo Uggè, vicepresidente nazionale di Conftrasporto e Confcommercio secondo il quale far viaggiare i tir via rotaia e via mare offre sicuramente un importante contributo alla lotta all’inquinamento, ma le vere armi per combattere e vincere davvero la battaglia sono altre: prima fra tutti il rinnovo parco mezzi.
Commentando l’annuncio da parte di Alis sulla riduzione dei mezzi pesanti lungo le strade grazie al trasporto su ferro e mare, Continua a leggere

Scania: tra i carichi più belli trasportati c’è il dono di 15mila euro contro le malattie del sangue

Trasportare alcuni carichi, alcune merci particolari può dare una sensazione unica. Perché particolarmente preziose o delicate o di dimensioni straordinarie; perché particolarmente urgenti e indispensabili per permettere di realizzare un grande progetto… Ai responsabili di Scania Italia è bastato trasportare un foglio di carta del peso di pochi grammi per provare un’emozione unica. Perché quel piccolo foglio aveva in realtà un peso straordinariamente grande per aiutare chi nel percorso della propria esistenza ha incontrato ostacoli durissimi, a volte insuperabili, persone per le su quali una simile “consegna” può addirittura rappresentare una speranza di vita in più. Continua a leggere

L’autotrasporto si rifiuta di pagare all’Autorità di regolazione “soldi che non sono dovuti”

L’Autorità di regolazione dei Trasporti non può imporre il pagamento del contributo 2019 alle imprese di autotrasporto. Ad affermarlo sono i rappresentanti delle principali associazioni di categoria che hanno presentato al Tribunale amministrativo regionale del Piemonte un ricorso contro la delibera (141/2018) che fra le attività soggette al pagamento del tributo aveva inserito anche le imprese di autotrasporto con un fatturato superiore a cinque milioni di euro e che al 31 dicembre 2018 avessero in disponibilità veicoli con massa complessiva superiore a 26 tonnellate e che svolgessero servizi di trasporto in connessione con le infrastrutture elencate nella delibera stessa. Continua a leggere

Elezioni europee: “L’autotrasporto deve andare in massa ai seggi e indicare che futuro vuole”

Le elezioni europee sono ancora lontane, ma le indicazioni per non “sbagliare strada” alle urne sono già partite. Inviti soprattutto a non disertare i seggi, per non lasciare che a decidere il proprio futuro siano altri; inviti a scegliere coloro che hanno dimostrato di voler fare qualcosa di concreto per lo sviluppo dell’economia ( e non solo) del Paese. Un invito a far si che a guidare l’Europa possano esserci, dopo il voto del 26 maggio, esponenti politici capaci di far viaggiare l’Italia lontano da strade pericolose come quelle del “non fare” e della “decrescita felice” è il vicepresidente di Conftrasporto che nel suo appuntamento settimanale sul sito della confederazione (cliccate qui per navigare) invita la categoria degli autotrasportatori a partecipare in massa al voto europeo. Continua a leggere

Crollo del ponte Morandi: risarcimenti totali solo per 363 imprese su 1350 che li hanno chiesti

Solamente 363 imprese sulle 1350 (tra zona rossa, arancione e quella estesa ai tre municipi cittadini coinvolti dal crollo del cavalcavia Morandi di Genova) che hanno presentato la domanda per il risarcimento del calo del fatturato, in base al decreto Genova, vedranno riconosciuta e erogata la cifra totale a disposizione: circa 10 milioni complessivi. Per tutti gli altri si attingerà al contributo una tantum per professionisti e piccole imprese, il cui bando sarà ampliato a breve, fino a comprendere anche chi ha chiuso i battenti, a causa della crisi, per meno di sette giorni. Continua a leggere