Automobilisti tartassati dal fisco: tra accise, tasse, bollo e Iva il conto è di 73 miliardi di euro

Gli automobilisti sono pesantemente tartassati dal fisco. Secondo uno studio della Cgia di Mestre, il carico fiscale sui 42,8 milioni di autoveicoli presenti in Italia è di 73 miliardi di euro. Per dare una dimensione del prelievo fiscale, la Cgia ricorda che “il gettito derivante dalle imposte che gravano su tutti gli immobili presenti nel Paese ammonta a poco più di 40 miliardi di euro”, praticamente la metà. Tra il 2009 e il 2016, il gettito fiscale sugli autoveicoli è aumentato del 10,1 per cento (in termini assoluti pari a 6,7 miliardi di euro), mentre la crescita dell’inflazione è stata del 9 per cento.  Continua a leggere

Autostrade gratis, ma non per tutti: 100mila verbali di mancato pagamento nel Nord Italia

Usare l’autostrada e non pagarla è un “vizietto” molto diffuso. Nel 2017, infatti, sono state oltre 100mile le multe elevate sulle autostrade del Nord Italia. Lo ha spiegato a Trieste il direttore centrale delle Specialità della Polizia di Stato, Roberto Sgalla, durante la presentazione del protocollo d’intesa tra il Compartimento della Polizia stradale per il Friuli Venezia Giulia e Autovie Venete per la lotta all’evasione dei pedaggi. Con il nuovo anno, il fenomeno non si sta arrestando: a gennaio 2018, ha detto Sgalla, i verbali di mancato pagamento sono stati 12mila. Continua a leggere

Auto ecologiche, Italia leader in Europa per le vetture a gas. Malissimo le elettriche

Gpl e metano piacciono agli italiani, che invece restano scettici quando si trovano di fronte alle vetture elettriche. Secondo un rapporto dell’Anfia, infatti, un’auto su quattro delle 953.355 vetture “green” vendute lo scorso anno in Europa (Ue + Efta) è stata immatricolata in Italia, ma il primato del nostro Paese è stato determinato dalla grande diffusione delle vetture alimentate a gas, mentre le elettriche sono ancora molto deboli. L’Italia (24,1 per cento) è il primo mercato a trazione alternativa, seguita da Gran Bretagna (12,6), Germania (12,4), Francia (11,4) e Norvegia (8,7).  Continua a leggere

Traffico in crescita su strade e autostrade: i dati dicono che circolano sempre più camion

Cresce il traffico sulle strade e autostrade gestite da Anas. A gennaio 2018, l’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico ha infatti registrato su tutta la rete di oltre 26mila chilometri un aumento del 6 per cento rispetto a gennaio 2017. Il traffico è invece stabile rispetto a dicembre 2017. Analizzando i dati all’interno delle macro-aree geografiche, rispetto a dicembre, c’è stato un calo al Nord (-1 per cento) e in Sardegna (-3 per cento), una crescita dell’1 per cento al Centro mentre è stabile al Sud e in Sicilia. Nel confronto con gennaio 2017, il traffico è stabile al Nord, mentre mostra segnali positivi in Sardegna (+6 per cento), al Centro (+7 per cento), al Sud e in Sicilia (+9 per cento). Dai dati emerge la netta crescita del segmento dei veicoli pesanti. Continua a leggere

Carburanti sempre più cari: in un anno spesi più soldi per il pieno che per comprare le auto

Gli italiani spendono più soldi per i carburanti che per comprare l’auto. Lo spiega il Centro Studi Promotor che ha elaborato i dati ufficiali sui consumi e sui prezzi dei carburanti diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico. Per acquistare benzina e gasolio auto, nel 2017, sono stati spesi 53,3 miliardi. I carburanti rappresentano “la voce di spesa più elevata per gli utilizzatori di autoveicoli italiani”, spiega il Centro Studi. Più basse le cifre spese per l’acquisto degli autoveicoli (49,4 miliardi) e per la manutenzione e le riparazioni (41,6 miliardi). Continua a leggere

Revisione di auto e moto, attenzione alle scadenze: ecco cosa rischia chi non la fa

Ci sono scadenze che non si possono dimenticare, anche perché le conseguenze sono decisamente pesanti. È il caso della revisione periodica, a cui sono sottoposti tutti i veicoli. Motoveicoli, ciclomotori, autovetture, autocaravan, autoveicoli per trasporto promiscuo, autoveicoli adibiti al trasporto di cose o ad uso speciale e di massa complessiva non superiore ai 3.500 kg devono fare la revisione dopo quattro anni dalla prima immatricolazione e successivamente ogni due anni, mentre i veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove, compreso quello del conducente, le autovetture adibite al servizio taxi o noleggio con conducente, gli autoveicoli utilizzati per il trasporto di cose ad uso speciale di massa complessiva a pieno carico superiore a 3.500 kg, i rimorchi e gli autocaravan di peso complessivo superiore ai 3.500 kg, gli autobus, le autoambulanze e i veicoli atipici (come, per esempio, le auto elettriche) devono fare il controllo tutti gli anni. Ma cosa succede a chi circola con un veicolo che non ha fatto la revisione periodica? Continua a leggere

Le multe stradali arriveranno via Pec: bisogna controllare spesso la casella di posta elettronica

Le multe arriveranno via mail. Sulla Gazzetta Ufficiale del 16 gennaio è stata infatti pubblicata l’emanazione da parte del Ministero dell’Interno del Decreto del 18 dicembre 2017 che prevede l’utilizzo prioritario della Pec, la posta elettronica certificata, per la notifica delle multe. In caso di contestazione immediata dell’infrazione al Codice della strada, il guidatore dovrà fornire alle Forze dell’ordine l’indirizzo della sua casella di posta Pec, se ne ha una, risparmiando così sui costi di notifica. Negli altri casi, saranno le forze dell’ordine a cercare l’indirizzo elettronico certificato del proprietario del veicolo. Chi ha una Pec, quindi, farà bene a consultarla spesso. Continua a leggere

Aumento dei pedaggi in autostrada, arrivano gli sconti per i pendolari che usano A24 e A25

È lo sconto per i pendolari la soluzione scelta dal ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, per contrastare l’aumento del 12,89 per cento dei pedaggi sulla A24 e A25. Durante un incontro con i presidenti della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, il ministro Delrio ha annunciato la decisione di “mettere a a disposizione risorse per consentire gli sconti ai pendolari fino al 20 per cento sulle due autostrade”. “Abbiamo tutti chiaro che gli incrementi, comunque autorizzati su base di sentenze giudiziarie, vanno calmierati”, ha spiegato il ministro dei Trasporti. Continua a leggere

Autostrade più care, infuriati sindaci e cittadini di Lazio e Abruzzo: “Un aumento criminale”

Una sessantina di sindaci di Abruzzo e Lazio (provenienti dalle province di Roma, Rieti e L’Aquila) hanno protestato lunedì mattina al casello di Vicovaro-Mandela (Roma) contro l’aumento del 13 per cento sulle autostrade A24 e A25, gestite dalla società Strada dei Parchi. Accanto ai sindaci con le fasce tricolori c’erano pendolari e rappresentati delle realtà economiche e sociali. I sindaci hanno chiesto “l’immediata sospensione degli aumenti e declassificazione del tratto urbano della Roma-L’Aquila dalla barriera di Roma Est fino all’intersezione della Tangenziale Est”.  Continua a leggere

Uniti One, l’auto elettrica venduta con cinque anni di ricarica gratuita: il prezzo è di 14.900 euro

La spesa è certa: 14.900 euro. Con questa cifra si portano a casa sia un’auto elettrica sia il pieno gratis per cinque anni. L’offerta arriva dalla Svezia, dove la casa costruttrice Uniti ha deciso di lanciare sul mercato, dal 2019, la piccola One, una vettura a zero emissioni con un’autonomia che varia da 150 a 300 chilometri. La Uniti One sarà disponibile in modelli a 2,4 e 5 posti, avrà una velocità massima di 130 km/h e sarà in grado di accelerare da 0 a 80 km/h in soli 3,5 secondi in modalità sport.  Continua a leggere