Tir elettrici che viaggiano da soli. Ecco la nuova sfida di Tesla: chiesti i permessi per i test

Tempi duri per i camionisti. Presto sulle strade potrebbero arrivare Tir elettrici che viaggiano da soli. È questa la nuova sfida di Tesla, che ha chiesto alle autorità del Nevada la possibilità di effettuare dei test su strada. Il progetto, quindi, sarebbe già in fase avanzata. La Reuters riferisce di scambi di email e di un incontro tra rappresentanti dell’azienda guidata da Elon Musk e il Nevada Department of Motor Vehicles. A breve i mezzi pesanti a guida autonoma potrebbero essere testati su strada e in condizioni reali di traffico. Continua a leggere

Graglia trasporti, per viaggiare sempre davanti a tutti bisogna saper inventare nuove strade

Avere alla guida dell’azienda un imprenditore capace di avere intuizioni geniali in grado di aprire nuove strade nel mercato non capita a tutti. Ritrovare, a distanza di mezzo secolo, alla guida della stessa impresa persone in grado di “reinventare” nuove soluzioni dando la migliore risposta a un mercato completamente mutato e reso sempre più difficile da una crisi infinita, capita a pochissime realtà. Continua a leggere

Itinerari per i trasporti eccezionali, la mappatura è lontana. Fai Brescia: “Bisogna accelerare”

Ponti chiusi al traffico pesante, viadotti che rischiano di crollare, Tir costretti a giri lunghissimi, aziende bloccate e altre che minacciano di scappare all’estero. È un’estate bollente per il mondo dei trasporti, soprattutto per quelli eccezionali, costretti a lunghi percorsi non solo per arrivare a destinazione, ma anche per ottenere le autorizzazioni per circolare. “Vanno bene i controlli sui viadotti”, ha dichiarato a Bresciaoggi la segretaria generale di Fai Brescia Giuseppina Mussetola, “ma bisogna anche accelerare il processo di digitalizzazione delle richieste del transito dei carichi eccezionali e dare certezze agli autotrasportatori sugli itinerari da percorrere”. Il vero problema, ha spiegato Giuseppina Mussetola, “sono i carichi eccezionali “mimetizzati” che hanno letteralmente scavato delle trincee nell’asfalto e messo a dura prova la tenuta dei viadotti”. Continua a leggere

Cisternette per il gasolio non autorizzate, lo Stato punisce chi le usa negando il credito d’imposta

Le cisternette usate senza autorizzazione per stoccare il gasolio sui camion non saranno certo da encomiare, ma ben peggio sarebbe “punire” chi le ha installate revocando il credito d’imposta sulle accise. Perché così le imprese coinvolte rischierebbero di chiudere l’attività’ a causa delle ingenti somme che sarebbero costrette a restituire. Parola dei responsabili di Conftrasporto – Confcommercio che in un comunicato stampa “contesta fortemente la decisione da parte delle autorità competenti di ritenere illegittima la compensazione sul credito di imposta sulle accise dovuta all’assenza di autorizzazione della cisternetta utilizzata per lo stoccaggio del gasolio. Continua a leggere

La truffa dei Tir stranieri che non usano additivi, inquinano e per di più ricevono aiuti economici

Se è vero che la verità prima o poi viene a galla è altrettanto certo che nell’aria vanno, in quantità industriali, le polveri sottili dei Tir, grazie a una truffa che molti autotrasportatori stranieri continuano a compiere, facendo viaggiare mezzi pesanti che dovrebbero inquinare pochissimo, come i più moderni camion Euro 6, e che invece avvelenano l’ambiente appestando l’aria come i più vecchi Euro 0. Una clamorosa truffa, che permette per di più ai concorrenti sleali stranieri non solo di evitare i costi di rifornimento di additivo ma addirittura di ricevere contemporaneamente rimborsi sulle accise e sui pedaggi autostradali non dovuti, perché riconosciuti attualmente solo ai mezzi almeno di classe Euro 3, denunciata da tempo dai responsabili della Fai, la federazione autotrasportatori italiani, di Brescia, e venuta alla luce grazie a un controllo effettuato dagli agenti della polizia stradale proprio a Brescia. Continua a leggere

Autisti impiegati all’estero, la decontribuzione c’è ma non si vede. Manca la circolare dell’Inps

“Si chiede di sapere quali azioni”, i ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e del Lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, “intendano intraprendere affinché venga rispettato l’impegno adottato dal Governo con la categoria dell’autotrasporto il 5 novembre 2015, sollecitando l’Inps all’emanazione della circolare attuativa della misura”. Tramite un’interrogazione depositata martedì, il senatore Paolo Galimberti chiede di passare dalle parole ai fatti in merito all’attuazione della misura di decontribuzione previdenziale per gli autisti delle imprese di autotrasporto impiegati in trasporti internazionali. Una misura concessa “nell’ambito degli aiuti de minimis”, ma che le imprese non possono ancora utilizzare “nonostante la legge di conversione sia entrata in vigore”. Continua a leggere

L’autotrasporto guarda già a dove “trasportare” i propri voti per le prossime elezioni

Prima del periodo feriale è d’obbligo compiere una riflessione su quanto avvenuto in questa prima parte dell’anno. Un “bilancio provvisorio” utile per capire meglio lo scenario e le manovre future. Dal punto di vista delle risorse dobbiamo riconoscere che l’intesa fra Governo e federazioni del mondo dell’autotrasporto ha di fatto ottenuto gli obiettivi prefissati: riduzione dei costi, interventi sugli investimenti e sul combinato ferro e mare sono le voci principali nella lista delle positività. A queste si aggiunge, non dimentichiamolo, l’intervento “in zona Cesarini” che ha confermato la pre deducibilità tra i creditori dell’Ilva delle imprese di trasporto.  Continua a leggere

Tir incastrato nel centro di Firenze, l’autista ha sbagliato a inserire l’indirizzo sul navigatore

Un Tir incastrato nel centro di Firenze. È questa la scena che giovedì mattina si sono trovati di fronte abitanti e turisti. L’autista, un cittadino ungherese, ha sbagliato a inserire l’indirizzo sul navigatore ed è rimasto incastrato tra via Verdi e via Ghibellina. In pratica, il camionista ha digitato sul dispositivo la strada di destinazione corretta (via Torta), ma sbagliando il Comune, Firenze invece di Sesto Fiorentino. Il navigatore ha guidato l’autoarticolato, con targa ungherese, in pieno centro, a due passi da piazza Santa Croce.  Continua a leggere

Sorpassi vietati ai Tir di notte in autostrada. Anita: “almeno fateci viaggiare a tariffe ridotte”

“Ogni anno vengono varate misure sempre più stringenti che limitano la mobilità delle merci.” A denunciarlo sono i responsabili di Anita, commentando la decisione di  estendere il divieto di sorpasso per i veicoli pesanti nella fascia oraria notturna, arrivando quindi a 24 ore consecutive di interdizione, sull’autostrada A 22 del Brennero che partirà già dal 1° agosto. “L’Italia rischia così di arretrare ulteriormente nella graduatoria dell’indice di capacità logistica, la Lp, sigla di Logistic Performance Index, dove già figura al 21esimo posto, preceduta da quasi tutti i Paesi della vecchia Europa come Germania, Svezia, Belgio, Austria, Francia, Danimarca e Irlanda”, denuncia il presidente Thomas Baumgartner secondo il quale “in questo modo il nostro Paese sarà sempre meno competitivo con pesanti ricadute sull’export e minore capacità di attrarre attività produttive,  quando bisognerebbe invece tenere sempre in debita considerazione che la mobilità delle merci è condizione essenziale per garantire un sistema produttivo efficiente e competitivo. Continua a leggere

Trasporti eccezionali paralizzati dopo i crolli dei ponti, finalmente c’è la direttiva del ministro

Le imprese che effettuano trasporti eccezionali vendono la luce in fondo al tunnel dopo mesi di buio scattato dopo il crollo del Ponte di Annone Brianza, nel lecchese, e la conseguente “fuga da ogni responsabilità” degli amministratori pubblici che di fatto avevano smesso di rilasciare autorizzazioni, paralizzando di fatto l’attività? Una piccola luce finalmente si vede e l’ha accesa la pubblicazione sul sito del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti della direttiva diramata dal ministro Graziano Delrio proprio sulle autorizzazioni alla circolazione dei veicoli eccezionali e dei Trasporti in condizioni di eccezionalità. Un testo che, tra l’altro, prevede la realizzazione di un Catasto delle strade ed esclude il silenzio assenso per le autorizzazioni, e che verrà pubblicato a breve in Gazzetta Ufficiale. Continua a leggere