Trasporti eccezionali vietati sui cavalcavia sopra l’autostrada per i Tir non autorizzati

Trasporti eccezionali vietati dal nuovo anno sui cavalcavia che passano sopra un’autostrada gestita da Autostrade per l’Italia ai camion di imprese di trasporto che non saranno censite all’anagrafica ditte della società autostradale. La nuova disposizione entrerà in vigore dal 1° gennaio 2019 quando per percorrere quei ponti e cavalcavia diventerà obbligatorio avere un’apposita autorizzazione. Continua a leggere

Calendario dei divieti per i Tir nel 2019: ecco date e orari. Che però potrebbero cambiare…

Settantacinque giorni di divieti, contro i 78 del 2018, identica impostazione per gli orari di divieto domenicale, che vanno dalle 9 alle 22 da gennaio a maggio e da ottobre a dicembre, con cambiamenti invece nei mesi estivi, con l’anticipazione dell’alt ai mezzi pesanti dalle 7 alle 22. Confermati i divieti del sabato a luglio e agosto. Sono queste le novità principali che riguardano il calendario dei divieti per i veicoli industriali e le relative deroghe per il 2019 sottoscritto dal ministero dei Trasporti e che entrerà in vigore con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Il Decreto prevede entro i primi tre mesi del 2019 incontri con i responsabili delle associazioni dell’autotrasporto per valutare l’impatto del calendario ed eventualmente apportare modifiche e integrazioni “per favorire un incremento di competitività dell’autotrasporto”. Ecco il calendario dettagliato mese per mese dei divieti di circolazione dei veicoli pesanti con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate. Continua a leggere

Traslocatori e divieti : “I nostri mezzi sono quasi sempre fermi, vanno trattati diversamente”

“Non si possono mettere sullo stesso piano furgoni Euro 3 che fanno 50 o 60 consegne al giorno e i camion utilizzati per i traslochi che magari percorrono pochissimi chilometri al giorno per poi stare fermi ore davanti a un edificio, pagando per di più la tassa di occupazione del suolo. E non si può pensare che le imprese di traslochi possano cambiare continuamente  mezzi che, allestiti con  piattaforma gru , costano tra i 400/500mila euro e che hanno piani di ammortamento  di oltre 15 anni. Chi ha investito pochi anni fa su questi grossi camion diesel  dovrebbe già rottamarli perché  un’amministrazione comunale  cambia le regole ogni 4 o 5 anni? Così forse si combatte l’inquinamento ambientale ma di certo si uccidono le imprese del settore. Continua a leggere

Chi guida deve controllare la qualità del proprio sonno. Per evitare d’addormentarsi al volante

Fornire indicazioni utili al medico del lavoro – medico competente delle imprese di autotrasporto, e di conseguenza ai responsabili delle stesse aziende, per una corretta ed efficace gestione dei lavoratori affetti da Osas, ovvero la sindrome delle apnee ostruttive del sonno che possono impedire di riposare in modo corretto durante la notte mettendo a rischio di colpi di sonno i conducenti di giorno, proprio quando sono al volante di un tir. Con conseguenze che possono essere catastrofiche.   Continua a leggere

Autotrasporto, c’è solo una strada da percorrere se si vuole impedire di far salire la tensione

Mentre la Legge di Stabilità si avvicina al traguardo finale, il sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Edoardo Rixi ha deciso d’incontrare al ministero i rappresentanti delle associazioni dell’autotrasporto convocati per giovedì 6 dicembre, lo stesso giorno in cui l’esponente del Governo ha annunciato di voler incontrare anche gli operatori del Noleggio con conducente protagonisti nei giorni scorsi a Roma di una manifestazione di protesta per denunciare una situazione che, dopo 10 anni di attesa di una riforma e dopo continue proroghe “per non saper o voler decidere”, non può più in alcun modo essere sottovalutata. La riunione dovrebbe fornire un quadro più definito sulle intenzioni del Governo per quanto riguarda gli interventi che intende effettuare per i relativi settori. Continua a leggere

Uggé: “Far sì che tutto l’autotrasporto concorra ad armi pari in Europa è un grande passo avanti”

“Un risultato positivo che permette a tutti di concorrere ad armi pari. Non si può disconoscere come l’azione del ministro alle Infrastrutture e ai trasporti Danilo Toninelli in sede comunitaria abbia ottenuto risultati che vanno nella giusta direzione”. Così il vicepresidente di Confcommercio e di  Conftrasporto  Paolo Uggè ha commentato la sottoscrizione  dell’accordo tra i 28 Paesi dell’Unione Europea per dare a tutte le imprese che operano nel trasporto su gomma le stesse regole. Continua a leggere

Traforo del Frejus a numero chiuso per gli Euro 4 e nuovo sovrapedaggio: la Francia frena i tir più inquinanti

Interdizione al Traforo autostradale del Frejus per i mezzi pesanti Euro 4 al raggiungimento della soglia minima del 2 per cento sul volume totale dei transiti e introduzione, a partire dal 1° di aprile, di un sovrapedaggio del 5 per cento al fine di incentivare il rinnovo delle flotte verso mezzi meno inquinanti. Continua a leggere

Il Governo convoca i trasportatori. La rivolta dei “gilet gialli” spingerà anche la politica italiana a muoversi?

Un invito a “proseguire il confronto sulle tematiche riguardanti il settore”. A trasmetterlo alle associazioni di autotrasporto, a quasi un mese di distanza dall’ultimo incontro,  è stato il ministero dei Trasporti che ha convocato i rappresentanti della categoria a Roma  giovedì 6 dicembre, rispondendo così alla lettera con la quale i rappresentanti di Unatras  chiedevano un incontro urgente per affrontare i tanti problemi irrisolti sl tavolo: l’eliminazione del previsto taglio del 15 per cento al rimborso accise sul gasolio; l’affidamento anche alle officine private delle revisioni dei mezzi pesanti; Continua a leggere

La Manovra aiuta chi sceglie di fare il camionista: 3000 euro rimborsati sulle spese per la patente

Chi ha meno di 35 anni e decide di scegliere come lavoro quello del camionista potrà vedersi rimborsati fino a 3000 euro sulle spese sostenute per conseguire la patente.. Lo prevede un emendamento alla legge di bilancio presentato dalla Lega e approvato dalla commissione bilancio della Camera che, di fatto, permetterà ai giovani autotrasportatori, fino a 35 anni, di veder praticamente dimezzato il costo da sostenere per avvicinarsi a questa professione. Continua a leggere

Nessuno vuol più fare il camionista? Sono 150mila le offerte di lavoro senza risposta

“Duemilacinquecento euro netti al mese per guidare tir modernissimi, ma l’azienda non trova gli autisti”. La notizia (cliccate qui per leggere l’articolo), pubblicata solamente un paio di settimane fa, arrivava dal Veneto dove l’offerta di uno stipendio decisamente allettante, per di più con un contratto a tempo indeterminato, era caduta miseramente nel vuoto, nonostante l’esercito di disoccupati, soprattutto fra i giovani, continui a veder le proprie fila ingrossarsi. Poca voglia di lavorare da parte di una generazione cresciuta in un mondo troppo “virtuale” e troppo poco “reale” (fra reality tv dove non serve saper far nulla per fare soldi facili e Internet che racconta di mondi fatati dove si può addirittura far montagne di denaro con selfie e follower) o così poco allettante il mestiere di camionista (soprattutto se costringe a stare fuori casa per giorni o addirittura settimane)? Continua a leggere