La solidarietà viaggia in sella a migliaia di moto al raduno dei bikers di Cologno al Serio

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, recita un antico proverbio. Che a Cologno al Serio, in provincia di Bergamo, da 22 anni può avere solo una risposta. O, almeno, può averla per “chi va” con altri motociclisti, ovviamente in sella a una due ruote (meglio se Harley Davidson). Caso in cui la risposta a “chi sei” è automatica: una persona  innamorata della sensazione  di libertà che solo viaggiare in sella può dare, certo, ma soprattutto, una persona a cui sta a cuore il destino altrui, una persona generosa. Continua a leggere

Truck team in the valley, l’edizione numero 6 del raduno a Gera Lario sarà da record?

Ha solo sei anni di vita, ma il raduno di mezzi pesanti nato dalla passione di tre camionisti, Simone Luca e Davide, fondatori dell’associazione Truck team in the valley è un evento che di strada ne ha già percorsa parecchia. E il 7 e 8 settembre l’evento ospitato a Gera Lario, paesino che si specchia nelle acque del del Lago di Como , proverà a compierne un altro importante tratto, superando il record di 189 mezzi partecipanti: oltre il doppio dei 90 presenti alla prima edizione del 2014. Continua a leggere

Traforo del Monte Bianco chiuso per tre anni al traffico. L’Italia come si prepara all’emergenza?

La data non è ancora certa, ma c’è invece la certezza che il traforo del Monte Bianco verrà chiuso completamente al traffico per un periodo lunghissimo (si parla addirittura di tre anni) per lavori straordinari. Una vera e propria emergenza, che dovrebbe scattare attorno al 2025, accompagnata da un’altra incertezza che, forse, rappresenta il capitolo più preoccupante di questa vicenda: come si sta preparando il Governo, alla guida di un Paese che ha nelle Alpi la principale barriera per il trasporto delle proprie merci oltre che di quelle lavorate dalle nostre imprese, ad affrontare un simile emergenza? Continua a leggere

Agosto 2018, il crollo del ponte di Genova. Agosto 2019, il crollo della dignità della politica

Ore 11 e 36 del 14 agosto 2018.  Un istante destinato a restare impresso per sempre nella memoria dei genovesi, degli italiani, del mondo. Una della pagine più tristi della storia più recente  del capoluogo ligure. Qual giorno di un anno fa il ponte Morandi si schianta di colpo facendo precipitare nel baratro auto e camion che lo stavano percorrendo. Alla fine i corpi sotto le macerie saranno 43. A un anno di distanza sono e saranno molti quelli che ricorderanno quella tragedia, ascolteremo fiumi di parole. Continua a leggere

La prima “scalata” della Presolana in E-Bike: 49 chilometri di salite pedalando senza fatica

Difficile immaginare che i piloti delle monoposto elettriche che ad aprile si sono sfidati nelle vie di Roma, su un tracciato di poco meno di tre chilometri, nella quinta prova del campionato mondiale di Formula E abbiano avuto modo di poter ammirare le bellezze della città eterna. Facilissimo invece immaginare che godere i fantastici panorami offerti dalla natura lungo 49 chilometri di sentieri delle montagne bergamasche sarà una delle priorità dei ciclisti pronti a salire in sella per “Il Presolana E-Bike”, primo raduno per bici elettriche ideato e organizzato in ValSeriana in programma a fine settembre. Continua a leggere

Gelmini: ” Il Movimento 5 Stelle sa benissimo che la Tav si farà, ma spera di salvare la faccia”

“La Tav e’ un’opera indispensabile, cosi’ come tutte le piccole e grandi opere che servono a far ripartire il Paese. Il M5s sa benissimo che quest’opera si fara’. La mozione e’ stata presentata per provare a salvare la faccia”. Cosi’ si è espressa Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, intervenendo a Omnibus su La7 per commentare il “caso Tav” a poche ore dall’esame al Senato delle mozioni presentate, prima fra tutte proprio quella presentata dal Movimento 5 Stelle per  impegnare il Parlamento a bloccare la Tav e sulla quale il Pd ha posto un out out: Continua a leggere

Olimpiadi invernali 2026 già perse dall’Italia se non realizzerà il traforo del Mortirolo?

Olimpiadi invernali 2026: una sfida che l’Italia, dopo aver vinto nelle “qualificazioni” la corsa per ospitarle,  rischia di perdere prima ancora che inizino le gare. Non per colpa degli atleti, s’intende, ma dei politici: incapaci di capire che senza la realizzazione del traforo del Mortirolo, galleria prevista già nel 2003 nei piani infrastrutturali del Paese per collegare Edolo, in Valcamonica, con Tirano, in provincia di Sondrio, costringerebbero a una maratona forzata in coda decine, centinaia di migliaia di spettatori. Pronti probabilmente in parte a rinunciare ad assistere alle gare pur di non dover affrontare trasferte imbottigliati per strada a passo d’uomo. Continua a leggere

Viaggiatori “ostaggi” dello sciopero. Il Codacons: “denunciamo i sindacati per violenza privata”

Il caos treni, con ritardi fino a quattro ore, causato da una serie di incendi forse di origine dolosa (con il sabotaggio avvenuto a una cabina elettrica sulla tratta ferroviaria vicino alla stazione di Rovezzano, sulla linea Roma-Firenze) rischia di essere un antipasto di quel che potrebbe accadere mercoledì 24 luglio, con lo sciopero nazionale dei trasporti proclamato dai sindacati confederali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti. Una possibile giornata da incubo per moltissimi viaggiatori che potrebbe però essere scongiurata Continua a leggere

Fai Milano e sindacati: nasce l’Osservatorio da cui “vedere” più legalità nell’autotrasporto

Il primo grande traguardo è la realizzazione di un vero e proprio “protocollo di Legalità”, realizzato con il contributo di tutti, parte datoriale e rappresentanti dei lavoratori, che possa aiutare a far crescere sempre più la cultura del rispetto delle regole e della professionalità dell’autotrasporto, indicando in modo chiaro ad aziende e dipendenti le strade per affrontare le criticità del settore, gestendole nel migliore dei modi ed evitando possibilmente “scontri frontali” destinati ad avere spesso conseguenze spiacevoli, evitando altresì tutte le possibili situazioni “border line” o addirittura “fuorilegge” che spesso si verificano.   Continua a leggere

Lunardi: “Il traforo del Mortirolo serviva 20 anni fa, per le Olimpiadi 2026 sarà indispensabile”

L’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano-Cortina ha fatto scattare non solo la corsa all’organizzazione dell’avento, ma anche alla progettazione di infrastrutture adeguate ad accogliere la montagna di spettatori (oltre che atleti e loro familiari e tifosi, tecnici, accompagnatori, giornalisti….) attesi sulle piste. Una corsa (contro il tempo) che ha riacceso in riflettori in particolare su una delle aree peggio “servite” sotto il profilo dei collegamenti: la Valtellina, mettendo sotto la lente d’ingrandimento in particolare un’opera rimasta sulla carta per anni: quella per il traforo del Mortirolo. Un’opera caldeggiata da anni da Pietro Lunardi, ministro delle Infrastrutture e dei trasporti in due governi Berlusconi dal 2001 al 2006, Continua a leggere