Natale con i poliziotti sui treni e negli aeroporti per fermare i troppi “cittadini irresponsabili”

“Lo Stato non resterà a guardare. Durante le vacanze di Natale non solo ci saranno presidi delle forze dell’ordine in stazioni e aeroporti, ma anche poliziotti sui treni”. Il messaggio lanciato al Paese dal governo dopo “la grande delusione per le folle in strada nello scorso weekend con gli assembramenti proprio nelle città che fino a pochi momenti prima erano zone rosse” è chiaro e forte: “Se ci fosse la collaborazione di tutti non ci sarebbe bisogno di nessun divieto. Se non risolviamo la pandemia adesso, il colpo per l’economia sarà mortale”. Continua a leggere

Cernobbio per 5 anni ha mostrato i problemi del trasporto ma senza che nessuno li risolvesse

È passato un lustro, ma i nodi sono ancora tutti lì. Problemi irrisolti che Il Forum Internazionale dei Trasporti e della Logistica di Conftrasporto-Confcommercio, che si è svolto a Cernobbio per cinque edizioni, ha raccontato puntualmente e che ora un libro ricorda una volta di più, riassumendo gli ostacoli che il Belpaese sembra davvero incapace di superare, nonostante cambino i “conducenti” alla guida della politica, raccontando una storia di ordinaria malaburocrazia, di connessioni mancate e di riforme al palo. Un libro che racconta l’Italia dei grandi progetti, spesso però destinati a restare sulla carta per decenni o a essere trasformati in cantieri capaci di durare una vita e costare montagne di denaro pubblico, che tocca moltissimi temi di assoluta importanza. Alcuni esempi? Continua a leggere

Camionista straniero? Dammi la busta paga. Così il porto di Livorno ferma la concorrenza sleale

“Sono Angelo, sono autista da quasi 30 anni. Ho notato che al porto di Livorno per l’accesso ai varchi agli autisti stranieri viene chiesta, oltre ai vari documenti, anche la busta paga. Questo mi sembra un ottimo sistema per combattere la concorrenza sleale e il dumping sociale”. Ha preso il via da questa domanda, rivolta alla redazione di “Sulla Strada”, la trasmissione di Rai Isoradio condotta da Paolo Barilari e dedicata ai camionisti e al mondo dell’autotrasporto, l’intervista con Stefano Corsini presidente dell’Autorità del sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale per saperne di più sull’iniziativa attuata nello scaloToscano. Continua a leggere

Parma: più autobus in circolazione uguale passeggeri più distanziati e meno contagiati

Più spazi per i passeggeri sui mezzi di trasporto pubblici, meno “spazio” per il rischio di contagi. Un’equazione che, in attesa del vaccino, rappresenta una delle migliori forme di prevenzione contro la pandemia da Coronavirus che ha avuto proprio sulla mobilità un impatto particolarmente forte “diffondendo” rapidamente un senso di insicurezza nell’utilizzo del trasporto pubblico. Una prevenzione che l’azienda dei trasporti pubblici di Parma e provincia, Tep, in prima fila in Italia nella corsa a trovare soluzioni efficaci che potessero far viaggiare i propri passeggeri in totale sicurezza, ha potenziato nel modo più concreto ampliando il proprio parco veicoli, Continua a leggere

L’allarme Covid-19 ferma fino a metà dicembre i treni Eurocity tra Germania e Italia

Stop ai collegamenti dei treni Eurocity tra Germania e Italia sull’asse del Brennero dal 16 novembre al 12 dicembre. A fermare i convogli l’allarme scatenato dalla seconda ondata della pandemia di Covid-19. Gli unici treni internazionali che saranno garantiti saranno l’EC88 e il corrispettivo EC89 tra Monaco di Baviera e Verona Porta Nuova, che non proseguirà però fino a Bologna Centrale. Continua a leggere

Mayday per l’intero sistema di aeroporti italiani: “Senza aiuti a fine anno precipiterà tutto?”

Mayday: è questo il termine utilizzato in aviazione per lanciare una richiesta d’aiuto. Un allarme (con un codice scelto dall’ultima parola della frase francese “venez m’aider”, ovvero “venite ad aiutarmi”, utilizzato nei cieli di tutto il mondo dopo la seconda guerra mondiale, con la diffusione delle comunicazioni radiofoniche), che oggi viene lanciato non per un aereo in difficoltà, ma per l’intero sistema aeroportuale italiano. A lanciarlo è Fabrizio Palenzona, presidente di Assaeroporti, associazione che rappresenta gli scali italiani, che in un’intervista al quotidiano La Repubblica ha affermato che “senza un fondo di compensazione, come quello adottato dalla Germania, gli aeroporti avranno un’autonomia molto limitata e potranno reggere solo fino alla fine dell’anno”. Continua a leggere

Milano sospende Area C e pagamento sosta sulle strisce blu. Fai: “Ora nuovi parcheggi”

Finalmente: una sola parola, ma più che sufficiente a far comprendere, insieme alla soddisfazione per un problema non più dimenticato ma (finalmente) affrontato e risolto, la lunga, estenuante attesa senza avere una semplice risposta: quella che (finalmente) è arrivata confermando la sospensione dell’ Area C e del pagamento della sosta sulle strisce blu a Milano. “Esprimiamo soddisfazione per la cancellazione dei pagamenti di sosta e di mobilità nella città di Milano. Sono mesi che evidenziamo la necessità di agevolare l’utilizzo delle auto private nella città di Milano, al fine di garantire la necessità di continuare a svolgere le attività professionali, salvaguardando comunque la salute dei cittadini, anche in alternativa all’uso dei mezzi pubblici disponibili, da oggi, solo fino al 50per cento della loro capienza”, ha commentato Claudio Fraconti, presidente di Fai Conftrasporto Milano, che ha voluto ringraziare in particolar modo il consigliere Gianluca Comazzi di Forza Italia “per aver sostenuto la nostra proposta di abolizione delle aree B e C”. Continua a leggere

Ancora meno passeggeri sui bus per rallentare i contagi? Il ministro “Nessuno l’ha richiesto”

Ridurre ulteriormente il numero di passeggeri autorizzati a salire su pullman e treni per impedire assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico. Potrebbe essere una via in più per contrastare la diffusione del contagio da Coronavirus? Sono in molti a pensarlo. Per capire se potrà accadere occorrerà però che qualcuno lo chieda. Cosa che finora nessun esponente di nessuna regione italiana ha fatto. Parola del ministro per le Infrastrutture e i trasporti Paola De Micheli Continua a leggere

Divieti e Ztl cancellati dal virus? “Lui viaggia sui mezzi pubblici, favoriamo quelli privati”

Togliamo i divieti festivi e cancelliamo le Ztl, ovvero le zone a traffico limitato per consentire la mobilità di merci e persone durante questo periodo di emergenza. A chiedere a gran voce di  cancellare tutte le limitazioni al traffico per poter “garantire l’approvvigionamento delle merci e il diritto dei cittadini che per lavoro o per altre ragioni non possono farne a meno di muoversi anche con i mezzi privati, che rappresentano un’alternativa più sicura rispetto al trasporto pubblico”, sono i rappresentanti di Fai-Conftrasporto, la principale Federazione italiana degli Autotrasportatori. Continua a leggere

Assarmatori: “Sempre più rotte nel mirino dei pirati che assaltano le navi mercantili”

“Le rotte a rischio di pirateria per le navi mercantili stanno diventando sempre più numerose e gli attacchi stanno diventando man mano più pericolosi e cruenti: uno scenario allarmante nel quale la presenza di navi militari nelle acque dove incrociano le più importanti rotte commerciali è per le marine mercantili europee e internazionali di grande sollievo e rappresenta la maggiore garanzia per una navigazione più sicura e tranquilla”. Continua a leggere

Ciak si gira: parte la cabina di regia per connettere porti, interporti, piastre logistiche

Agenzia delle Dogane, Alis, Anasped, Anita, Assiterminal, Assocad, Assofer, Assologistica, Assoporti, Capitanerie di Porto, Federagenti – Agenti Marittimi, Federtrasporto, Fedespi, Fercargo, Slala, Trasporto Unito, Uir, Unatras Confartigianato trasporti, Fita Cna e Fai Conftrasporto: sono queste le confederazioni e associazioni nazionali, rappresentanti di categorie produttive, chiamate a far “partire” i lavori della  Piattaforma logistica nazionale digitale Continua a leggere

Al lavoro in moto invece che in auto? Perché non premiare con nuovi incentivi chi lo fa?

Ci sono problemi per i quali esiste una soluzione e soluzioni che possono risolvere molti problemi. Per esempio, andare al lavoro in moto anziché in auto. Perché spostarsi su due ruote invece che su quattro per raggiungere da casa l’ufficio, la fabbrica, il laboratorio, il negozio non solo consente un risparmio in denaro, considerati i consumi di uno scooter o di una moto da strada rispetto a una vettura, ma anche di tempo, vista la facilità con cui una moto ” salta” code e ingorghi. Senza dimenticare l’aspetto posteggio: nello spazio occupato normalmente da un’auto possono trovare posto cinque, sei moto, Continua a leggere

Angeli del soccorso su due ruote per combattere epidemie e incendi, ritrovare dispersi…

Migliaia di italiani hanno imparato a conoscerli, scoprendo la loro generosità e l’importanza del loro ruolo, durante l’emergenza Covid-19: mesi durante i quali  685 motociclisti volontari sul territorio nazionale hanno dato la loro disponibilità a distribuire farmaci, grazie a un accordo fra Federfarma, Federazione motociclistica italiana e il dipartimento di Protezione civile nazionale, raggiungendo in sella alle proprie moto da enduro abitazioni in zone isolate, spesso in montagna, altrimenti difficilmente raggiungibili in tempi rapidi. Veri e propri angeli su due ruote, che hanno permesso a moltissime persone di affrontare e superare momenti di difficoltà, spessissimo aggravati dalla paura di non farcela senza un aiuto immediato. Continua a leggere

Trasporti, i sussidi miliardari tolti a chi inquina l’ambiente saranno dati a chi lo tutela

“La riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi non serve a aumentare le tasse per fare cassa, ma per aiutare coloro che passano al green e quindi rimane alle categorie” . Ad affermarlo è il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, esponente del Movimento 5 Stelle, che affrontando, ai microfoni di Radio 24 nella trasmissione “24 Mattino”, la 
possibilità di ridurre aiuti economici come 
le accise più basse sul diesel rispetto alla benzina, ha difeso a spada tratta il provvedimento ricordando che “anche l’Unione petrolifera non ha alzato le barricate e ha detto ‘ci sta
bene’” avanzando anzi delle controproposte sulle quali stiamo lavorando assieme”. Continua a leggere