Sulla strada non siamo soli, Francesco Gabbani voce e volto della nuova campagna di Anas e Mit

La strada è uno spazio condiviso, per renderlo davvero sicuro serve l’impegno di tutti. Lo ha detto il presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, alla presentazione della nuova campagna sulla sicurezza stradale promossa da Anas e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in collaborazione con la Polizia di Stato. “Sulla strada non siamo mai da soli: c’è sempre un #buonmotivo per essere responsabili”, è il claim della nuova campagna che vuole puntare il faro sugli utenti più vulnerabili: ciclisti, motociclisti, ciclomotoristi, pedoni. Il testimonial è il cantante Francesco Gabbani che presta volto, voce e melodia allo spot che sarà trasmesso dal 4 dicembre al 3 gennaio 2018 su tv, radio, web e sui canali social. Continua a leggere

È reato parcheggiare troppo vicino alla portiera di un’altra auto: condannato per violenza privata

Parcheggiare l’auto troppo vicino a un’altra, impedendo così al conducente di scendere dal suo lato, è un reato. Con la sentenza della Cassazione n. 53978/2017, i giudici hanno infatti confermato la condanna inflitta dalla Corte d’Appello di Messina a un uomo per violenza privata “consistita nell’uso improprio della propria autovettura, che parcheggiava nei pressi dell’auto su cui sedeva la persona offesa a distanza tale (pochi centimetri) da non consentire al conducente di scendere dal suo lato” e costringendolo a “scendere dall’altro lato della propria autovettura e affrontarlo”.  Continua a leggere

L’auto si prende a rate: senza finanziamento otto persone su dieci non l’avrebbero comprata

Oltre il 70 per cento degli italiani chiede un prestito per acquistare un’auto e nei primi sei mesi del 2017 sono stati erogati finanziamenti per una cifra superiore agli 8 miliardi di euro per compare due e quattro ruote. Una cifra record (+11,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016), la più alta degli ultimi sette anni. Lo rivela la nuova edizione dell’Osservatorio Compass sui venditori convenzionati del settore. Secondo l’indagine, senza il credito al consumo, otto persone su dieci avrebbero rinunciato (50 per cento) o rimandato l’acquisto (30 per cento).  Continua a leggere

Il triangolo d’emergenza si proietta verso il futuro: un italiano lo trasforma in ologramma

La tecnologia serve per vivere meglio, per trovare soluzioni semplici e rapide anche nei momenti di difficoltà. E i problemi, quando si viaggia, possono presentarsi in un attimo. Come l’auto in panne, da segnalare a chi arriva con il triangolo d’emergenza, che in futuro potrebbe diventare super tecnologico. Un italiano, Fabio Lettieri, ha inventato Holo, un triangolo di tipo olografico in grado di proiettare di notte il segnale di pericolo fino a 30 metri di distanza semplicemente posizionando il dispositivo sul retro del veicolo. Un’auto, ma anche una moto. Continua a leggere

Chi cerca l’auto nuova può spendere in media 22.800 euro. Le donne vogliono risparmiare

Il budget medio per acquistare un’auto nuova è di 22.800 euro. Lo sostiene uno studio dell’Osservatorio sulla ricerca dell’auto online del portale DriveK svolto su un campione di 200mila ricerche organiche effettuate dagli italiani nei primi dieci mesi del 2017. Gli uomini vogliono spendere di più, 23.800 euro, mentre le donne si “accontentano” di auto con un costo più contenuto, 18.000 euro.  Continua a leggere

Trasporti eccezionali bloccati. Ciocca: “Serve un portale europeo con indicati gli itinerari sicuri”

Realizzare un portale europeo dedicato al rilascio delle autorizzazioni per il trasporto eccezionale con indicati gli itinerari sicuri. È la strada indicata dall’europarlamentare della Lega Nord, Angelo Ciocca, per superare gli innumerevoli ostacoli che i trasportatori trovano sulla strada quando devono chiedere un’autorizzazione. “In Italia”, spiega Ciocca, “l’iter per ottenere le autorizzazioni necessarie alla circolazione dei veicoli con trasporti eccezionali è lenta e macchinosa e comporta notevoli ostacoli alla normale attività delle aziende con gravi ripercussioni sulle attività economiche”. Continua a leggere

Il cargo aereo cresce. E con questi interventi l’Italia vuole farlo volare sempre più in alto

“Il cargo aereo è in crescita, grazie a Malpensa, Fiumicino e Bergamo, ma deve superare gap nelle infrastrutture e nella burocrazia per essere un sistema nazionale di qualità europea”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, alla presentazione a Malpensa del Position Paper “Azioni per il rilancio del Cargo Aereo”. “Con il trasporto merci aereo”, ha spiegato Delrio, “viaggia il valore aggiunto dell’Italia, l’eccellenza del Made in Italy”. Continua a leggere

Bambini in braccio ai genitori e automobilisti senza cinture: i ricordi pericolosi degli anni 70

Cinture di sicurezza non allacciate, bambini trasportati liberamente in auto, moto guidate senza casco. Ci sono comportamenti pericolosi e vietati dal Codice della strada. Qualcuno ancora li mette in pratica, mentre altri si limitano a guardare al passato ricordando con un po’ di nostalgia come si viaggiava negli anni 70 e 80. E le cattive abitudini, secondo un sondaggio realizzato da Facile.it, “un pochino ci mancano”. Chi allora era un bambino ricorda di aver viaggiato in braccio al genitore sul sedile del passeggero (il 26 per cento) e “il seggiolino cui oggi ancoriamo i nostri figli era poco meno di un miraggio, lo usavano meno del 45 per cento dei genitori”. Continua a leggere

La mappa degli incidenti: la strada più pericolosa per le auto è la Tangenziale Est di Milano

È la A51 Tangenziale Est di Milano la strada più pericolosa d’Italia per gli automobilisti. Nel tratto tra i chilometri 10 e 12 si verificano infatti 23 incidenti per chilometro ogni anno, mentre la media nazionale sulle strade extraurbane è di 1,9 incidenti km/anno. Lo spiega l’Aci, che ha presentato lo studio “Localizzazione degli incidenti stradali 2016” che analizza i 36.885 incidenti (1.159 mortali), 1.264 decessi e 59.886 feriti, avvenuti su circa 55.000 chilometri di strade italiane. Su 10 incidenti, 7,5 avvengono sulle strade urbane e 2,5 su extraurbane. Continua a leggere

Abolire il superticket sanitario a spese dei marittimi? Fedarlinea non ci sta: “Una follia”

Eliminare il superticket sanitario a spese delle imprese marittime e dei lavoratori sarebbe una follia. “Per le imprese del mare sarebbe una mazzata, per il Governo un autogol pazzesco”. La denuncia arriva da Fedarlinea-Conftrasporto che “promette battaglia all’emendamento del senatore Maurizio Romani”. L’emendamento in questione, “accantonato in attesa di valutazione da parte del Governo”, spiega la nota di Fedarlinea-Conftrasporto, è stato presentato alla 5ª Commissione del Senato che attualmente sta esaminando la legge di Bilancio. Continua a leggere