Scontro Salvini-Conte sul Mes, Conftrasporto svela quello che i giornalisti han perso per strada

Com’è possibile partire dallo scambio feroce di accuse fra il leader della Lega Matteo Salvini e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, e viaggiare fino ad arrivare al rischio che possano essere rimesse in discussione le intese raggiunte, almeno in parte, dall’autotrasporto con il ministro dei Trasporti Paola De Micheli? È possibilissimo, seguendo un ragionamento ben preciso. Quello fatto da Paolo Uggé, vicepresidente di Conftrasporto e di Confcommercio  nel suo appuntamento settimanale con i lettori sul sito di Conftrasporto. Una nuova puntata della rubrica, Il Punto, dove Paolo Uggé analizza innanzitutto la “situazione più deflagrante , quella legata alla vicenda del Mes, con Matteo Salvini che accusa il premier Conte di aver accettato un accordo penalizzante per il Paese che vede, da un lato la partecipazione alla formazione del capitale, pari a 125,3 miliardi di euro (l’Italia, ha versato 14,3 miliardi di euro a oggi), Continua a leggere

False licenze per noleggiare auto con conducente a Roma e Fiumicino: in 25 andranno a giudizio

Dopo avere falsificato attestazioni e altri documentazioni che indicava il possesso di “regolari” licenze di attività di Ncc, ovvero noleggio di auto con conducente, avevano presentato all’ufficio Mobilità del Comune di Roma le richieste per accedere e lavorare nelle zone a traffico limitato della capitale e dell’aeroporto di Fiumicino e, una volta ottenute, si erano messi al volante per svolgere, come nulla fosse, l’attività di ‘autisti’. Continua a leggere

Il maltempo isola l’Italia. Il Brennero è la sola valvola di sfogo ma l’Austria ci vieta di usarla

Il maltempo  che ha portato alla chiusura in entrambe le direzioni dell’A26 e dell’A6, bloccando di fatto il NordOvest, dalla Liguria al Piemonte, rischia di isolare completamente i traffici di merci dall’Italia verso l’Europa se il nostro Paese non potrà avere come “valvola di sfogo” il valico del Brennero. Unica alternativa rimasta a un vero e proprio isolamento, ma “vietata” dai contingentamenti imposti dall’Austria. Divieti che il mondo dell’autotrasporto chiede a gran voce al ministro Paola De Micheli Continua a leggere

De Micheli: “L’Italia è un hub naturale nel Mediterraneo, rilanciare i porti è una priorità”

“Siamo un Paese che ha due terzi  dei suoi confini rappresentati da coste,  siamo un hub naturale nel Mediterraneo. Per me la portualità è una priorità assoluta nel lavoro che stiamo svolgendo”.  Ad affermarlo è stata il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Paola De Micheli che parlando del ruolo dei porti in Italia ha sottolineato come ”il potenziamento del canale di Suez  porterà le merci nell’Italia debba essere competitiva con i grandi Porti del Nord Europa che risultano in questo momento essere più competitivi di noi”.

Black Friday senza pacchi per lo sciopero degli addetti alle consegne. “Ma Amazon cosa c’entra?”

La notizia di uno sciopero di 400 lavoratori addetti alla consegne di Amazon, colosso mondiale,di pacchi alla vigilia di un Black Friday, il nome usato comunemente negli Stati Uniti per indicare il venerdì successivo al giorno del ringraziamento diventato ovunque, Italia compresa,sinonimo della corsa allo shopping, fa sicuramente… notizia. Ma, come av olta accade, una notizia può essere bisognosa di una “!smentita”,o meglio, di una precisazione. Come quella fatta dal segretario generale di Conftrasporto Pasquale Russo che ha voluto evidenziare come “Amazon non c’entri con la protesta indetta dai 400 lavoratori di Brandizzo e Marene, in Piemonte.”, e come c’entrino, invece, “le aziende che forniscono il servizio in modo autonomo”. Continua a leggere

Sensori su 100 cavalcavia: l’Anas ha indetto 4 bandi di gara del valore di 12 milioni di euro

Quattro bandi di gara da tre milioni di euro ciascuno per la fornitura e l’installazione di sensori accelerometrici sulle strutture portanti e garantire così  il monitoraggio strumentale di ponti e viadotti sono stati indetti da Anas (Gruppo FS Italiane) e  pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale con l’obiettivo “di effettuare, tramite sensori, misurazioni in continuo delle caratteristiche dinamiche delle opere per individuare eventuali variazioni del comportamento strutturale”. Sensori, precisano i responsabili di Anas, che ” integreranno le periodiche attività di sorveglianza eseguite dai tecnici dell’azienda” e che saranno installati su  circa 100 ponti e cavalcavia selezionate “sulla base dell’importanza dell’itinerario servito, delle caratteristiche geometrico-strutturali nonché della posizione geografica, in relazione alla pericolosità sismica e idraulica del territorio”. Continua a leggere

Non aprite quella porta? L’horror più spaventoso oggi s’intitolerebbe “Non percorrete quel ponte”

Non aprite quella porta è il titolo di una celebre serie di film horror. Non percorrete quel ponte potrebbe diventare invece il “titolo” del peggior incubo per milioni di automobilisti, camionisti, motociclisti in viaggio ogni giorno dopo i nuovi crolli di ponti e cavalcavia. Ma quali sono i ponti che potrebbero essere a rischio. Un lungo elenco figura negli atti dell’inchiesta aperta dai magistrati della Procura della Repubblica di Genova proprio perché “sospettati” d’essere a rischio di possibili cedimenti strutturali, di crolli. Continua a leggere

Divieti al Brennero, tasse sui porti: troppi indizi fanno una prova. L’Europa vuole isolare l’Italia?

Si è parlato, anche se per la verità meno di forse quanto si sarebbe dovuto, dell’intesa raggiunta dal mondo dell’autotrasporto con il ministro per le Infrastrutture e i trasporti Paola De Micheli che ha impedito la realizzazione del fermo dei tir. Un’intesa che ha portato a soluzioni soddisfacenti per la parte dei problemi economici (sempre che il Parlamento non stravolga gli accordi che il settore terrà comunque “sorvegliati” e per i quali confida comunque sull’impegno del ministro) lasciando ancora aperte invece le questioni relative alle regole oltre a tre aspetti non certo di secondaria importanza: i divieti al valico del Brennero arbitrariamente imposti dall’Austria in barba ai più elementari diritti di far circolare nel vecchio continente uomini e merci; la decisione della Comunità europea di chiedere l’applicazione di tasse demaniali sulle attività portuali; le pesanti conseguenze che si abbatterebbero sulle imprese, non solo di trasporto ma soprattutto sui committenti, qualora fosse approvato nel testo originale l’articolo 4 del Disegno di legge n.124 che introduce nell’ordinamento civilistico la figura del “sostituto del sostituto di imposta”. Continua a leggere

Autostrade gratis in Liguria? C’è chi le chiede fin dal crollo del Ponte Morandi

Il Governatore della Liguria Giovanni Toti chiede il pedaggio gratuito sulle autostrade della Liguria? C’è chi lo aveva già chiesto, e da molto tempo. Ad affermarlo è la stessa persona che l’aveva chiesto: Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato. “Fa piacere che il governatore della Liguria chieda oggi ciò che era dovuto e ho chiesto prima e dopo la tragedia del Ponte Morandi: la gratuità del pedaggio sulle autostrade della Liguria. Continua a leggere

Paita: “Di Maio revoca le concessioni? Ci dica anche come farà funzionare le autostrade”

“Di Maio ripropone la revoca delle concessioni?  Se questa é la scelta che ha individuato spieghi anche  come e quando verrà attuata? Dopo due anni che governa ci puo’ far sapere se ha in mente una proposta concreta per governare il sistema autostradale?”.A domandarlo, attraverso un messaggio su Twitter, è  Raffaella Paita, capogruppo di Italia Viva in Commissione Trasporti alla Camera, a proposito del post su Facebook di  Luigi Di Maio sul crollo del viadotto dell’autostrada A26.