Il caso Brennero? È come una pentola a pressione che senza valvole di sicurezza può esplodere

Ci sono problemi che somigliano a delle pentole a pressione: lasciate sul fuoco senza che nessuno intervenga in tempo per spegnerlo possono veder crescere il vapore e dunque la pressione interna a tal punto da superare il valore limite di rottura dell’acciaio inossidabile e provocare un’esplosione. Un rischio destinato a moltiplicarsi se nessuno si è preoccupato che quella pressione avesse una “via di fuga” attraverso valvole di sicurezza perfettamente funzionanti. Una metafora che calza a pennello per il “caso Brennero”, dove a causare l’innalzamento della “temperatura”, e dunque della pressione, sono i continui limiti imposti al traffico delle merci e dove il malfunzionamento delle “valvole di sicurezza” è rappresentato invece dall’assenza di contromisure adottate dall’Unione Europea. Continua a leggere

Cintura di sicurezza a tre punti, l’invenzione che in 60 anni ha salvato moltissime vite al volante

Chissà quante vite al volante ha contribuito a salvare. Decine, centinaia di migliaia? Forse più di un milione come affermano le stime? Impossibile dirlo con certezza, ma di certo moltissime perché di incidenti ne capitano a vagonate ogni anno nel mondo e moltiplicato per 60 anni il numero di scontri, e di possibili feriti o morti, rischia di diventare impressionante. A tagliare il traguardo dei 60 anni di “attività” al servizio delle protezione dei conducenti di mezzi pesanti è la cintura di sicurezza a tre punti progettata nel 1959 dall’ingegnere Volvo Nils Bohlin e considerata il sistema di sicurezza più efficiente in termini di protezione di vite umane, come ha confermato Anna Wrige Berling neo direttore Traffic & Product Safety di Volvo Truck, sottolineando come sulla strada della sicurezza a bordo dei tir ci sia ancora molto da fare. Continua a leggere

Passione per i motori? Per chi ha anche talento trasformarla in un lavoro è semplice

Il talento non serve solo per praticare uno sport o un’arte. Serve anche per lavorare. Per esempio in una concessionaria o in un’officina. Chi pensa di possedere un talento per questa professione ed è alla ricerca di una strada per trovare lavoro, da oggi ha una nuova via da percorrere: quella che viaggia, in rete, sul nuovo portale www.lavorainscania.it lanciato dal brand svedese leader nella produzione di mezzi pesanti proprio per selezionare nuovi talenti da inserire nella propria rete di concessionarie e officine. Un’offerta on line di opportunità di lavoro in una delle 18 concessionarie e oltre 100 officine Italscania S.p.A, distributore per l’Italia del gruppo Scania, multinazionale del settore veicoli industriali, autobus e motori, distribuite in maniera capillare su tutto il territorio italiano. Continua a leggere