Carburanti, vietato pagarli con contante per chi usa l’auto per lavoro e vuole detrarre le spese

L’obbligo della fatturazione elettronica da parte dei distributori stradali di carburanti partirà dal primo gennaio 2019; la carta carburanti rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2018; le fatture emesse nei confronti degli autotrasportatori continueranno a essere emesse in formato cartaceo fino al 31 dicembre 2018. Dal primo luglio scatterà invece l’obbligo, per i lavoratori che viaggiano con auto aziendali, rappresentanti e tutti coloro che acquistano carburanti nei distributori stradali per la propria attività, di non utilizzare denaro contante per pagare, ma di farlo esclusivamente con sistemi tracciabili. Continua a leggere

Rixi: “Vogliamo trasportare più merci su ferro e sviluppare il sistema logistico italiano”

“C’è la volontà e la certezza di trasportare più merci su ferro, migliorare i servizi, implementare lo sviluppo del sistema logistico italiano che deve essere non solo primo nel Mediterraneo ma livello europeo. Questo si fa con investimenti accurati, andando magari a migliorare i progetti perché nella vita si può sempre migliorare”. Lo ha detto Edoardo Rixi, sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, a margine della consegna di due treni da parte del gruppo Fs alla Regione Liguria. “È giusto valutare le opere e vedere se su alcune cose si riescono a fare miglioramenti”, ha dichiarato a propostito del Terzo Valico. Continua a leggere

Pedaggio scontato per chi usa le moto in autostrada, arriva la proroga per un altro anno

I motociclisti in autostrada potranno usufruire dello sconto sul pedaggio almeno per un altro anno. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti prorogato di un anno lo sconto del 30 per cento per chi usa le due ruote in autostrada e paga con il Telepass. “Sosteniamo chi si muove su due ruote”, ha scritto il ministro su Twitter, annunciando di aver “dato il via libera alla proroga di un anno dell’accordo” tra il Ministero e Aiscat per rinnovare lo sconto del 30 per cento ai caselli. Continua a leggere

Nuove infrastrutture: “Dal ministro non vogliamo vaghe verifiche ma precise risposte”

“Il ministro non si nasconda, venga la prossima settimana in Commissione e risponda alle nostre domande”. A chiedere l’audizione del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli perché fornisca chiarimenti precisi “sulle opere strategiche che hanno ricadute enormi dal punto di vista infrastrutturale, occupazionale e ambientale” sono i deputati di Forza Italia della Commissione Trasporti di Montecitorio, Diego Sozzani, Simone Baldelli, Deborah Bergamini, Nino Germanà, Giorgio Mulè, Antonio Pentangelo, Roberto Rosso e Federica Zanella, che hanno inviato una lettera al presidente della Commissione Alessandro Morelli nella quale chiedono per la prossima settimana l’audizione. Continua a leggere

Trasporti eccezionali: “Province e Comuni devono rilasciare le autorizzazioni in fretta”

“La lettera di sollecito inviata dagli assessori della regione Lombardia Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, Trasporti e Mobilita’ sostenibile) e Fabio Rolfi (Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi) a Province e Comuni affinché velocizzino i procedimenti autorizzativi per i trasporti eccezionali non può essere che letta positivamente. Ora però è necessario che gli enti preposti rispondano tempestivamente, con i fatti sbloccando una situazione  gravissima, perchè senza autorizzazioni la merce rimane in magazzino, con grave danno non solo per il settore dei trasporti, ma anche per le attività produttive”. Continua a leggere

Per i pendolari italiani la musica sta cambiando: pronto il primo esemplare di treno Pop

I pendolari potranno salirci dalla prossima primavera, ma il primo esemplare del nuovo treno Pop è già pronto. Allo stabilimento Alstom di Savigliano c’è infatti stata la presentazione ufficiale del modello destinato a cambiare in meglio (#lamusicastacambiando è l’hashtag scelto da Trenitalia) i viaggi regionali. Nelle prossime settimane, il primo Pop raggiungerà Velim, nella Repubblica Ceca, dove in un apposito circuito ferroviario si terranno le prove tecnico dinamiche, necessarie per ogni treno di nuova progettazione, prima del suo rientro in Italia dove completerà i test sui binari di Rete Ferroviaria Italiana.  Continua a leggere

“Le piccole opere rilanceranno l’economia”. Toninelli sblocca 5 milioni per un ponte sul Po

Spesso sono “le opere piccole quelle che cambiano la vita delle persone”. Lo ha detto in un video su Facebook il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli annunciando lo sbocco di “5 milioni di euro, l’80 per cento del costo di ristrutturazione” per il ponte sul Po che collega Casalmaggiore, in provincia di Cremona, con Colorno, nel Parmense. “Questo governo”, ha spiegato Toninelli, “pensa che queste tantissime opere diffuse sul territorio siano quelle che miglioreranno la qualità della vita alla gente e rilanceranno l’economia del nostro Paese”. Continua a leggere

Trasportare contenitori nel porto di Genova è un incubo: lavoratori in sciopero per 72 ore

Troppa attesa da una parte e troppo poca sicurezza (ma anche scarsità di servizi) dall’altra: sono queste le ragioni che hanno spinto i sindacati confederali a  proclamare uno sciopero di  72 ore degli addetti all’autotrasporto di contenitori nel porto di Genova che scatterà dalla mezzanotte di mercoledì 11 luglio. Continua a leggere

Le patenti false per guidare i camion si possono comprare online: l’allarme lanciato in Olanda

Ottenere una patente per guidare un camion è facile. Basta andare su internet, ordinarla online, pagare e, dopo un paio di settimane, la licenza di guida arriverà direttamente a casa. Una licenza di guida falsa, ovviamente, ma molto simile a quella vera. La denuncia è stata fatta dall’associazione olandese degli autotrasportatori Chauffeurstoekomst che per dimostrare il fatto ha ordinato e ottenuto una patente intestata addirittura al primo ministro Mark Rutte. Continua a leggere

Alta velocità, la Corte dei conti boccia la rete europea: “È disomogenea, costosa e inefficace”

Disomogenea, inefficace e costosa. La Corte dei Conti europea boccia in maniera netta la rete ferroviaria ad alta velocità. Lo fa senza mezzi termini, mettendo nero su bianco una situazione con poche luci e molte ombre. Secondo l’ultima relazione della Corte “è improbabile che l’attuale piano a lungo termine dell’Ue per le linee ferroviarie ad alta velocità venga realizzato e manca un solido approccio strategico a livello dell’Ue”. Secondo la Corte dei conti europea, “la rete ferroviaria ad alta velocità dell’Ue è solo un sistema disomogeneo di linee nazionali senza un coordinamento adeguato a livello transfrontaliero, progettato e costruito dagli Stati membri in maniera isolata, da cui risultano collegamenti insoddisfacenti”. Continua a leggere