Austria accusata di “sequestro” dei camionisti italiani bloccati illegalmente al Brennero?

Una montagna di tir costretti a viaggiare a passo d’uomo e un mare d’inquinamento prodotto dai loro gas di scarico. Sono questi i risultati del contingentamento della circolazione dei mezzi pesanti al Brennero scattato dopo la decisione unilaterale da parte dell’Austria di giovedì 26 aprile. Un disastro economico e ambientale allo stesso tempo denunciato dal presidente della Fai regionale Lombardia, Antonio Petrogalli, in un comunicato stampa nel quale si ipotizza addirittura un “sequestro” dei conducenti. “A bordo dei mezzi si trovano uomini che non possono essere “sequestrati” dalle scelte politico-economiche dei Paesi di transito, così si rischiano iniziative di autotutela da parte dei conducenti”, ha affermato sempre Antonio Petrogalli ricordando come l’Unione Europea possa accettare un contingentamento al transito di veicoli industriali “solo in circostanze molto specifiche e che devono essere giustificate dal Paese che le propone”. Mentre l’Austria invece si è mossa da sola”. Continua a leggere

Una guida per viaggiare nei cambiamenti del mondo del lavoro. Partendo dai trasporti

Una guida per viaggiare nei cambiamenti del mondo del lavoro, compreso quello dell’autotrasporto, poteva avere miglior presentazione di quella  fatta a Bruxelles in occasione della “due giorni” dedicata a 50 studenti invitati, da Conftrasporto, ad analizzare il futuro del mondo dei trasporti e della logistica  da un “osservatorio europeo”?  Difficile dirlo. Certo invece è che  l’evento ha  “aperto nuove strade” alla conoscenza del volume, “Quando il lavoro cambia: Istruzioni per l’uso. Contributi al Dibattito europeo sull’apprendimento informale e non formale per le nuove Organizzazioni del Lavoro 4.0”,  pubblicato da Educatt Universitá Cattolica del Sacro Cuore con la prefazione  del Commissario europeo all’Educazione Tibor Navracsics. Continua a leggere

La strada per uscire dalla burocrazia c’è: rimettere la politica alla guida dei Paesi

C’è una sola strada che può impedire alla burocrazia di prendere la guida di un Paese: è la strada che vede la politica ritornare a sedersi al posto del “guidatore”,  occupandosi dei problemi reali del Paese, dei lavoratori, e occupando gli spazi che le competono proprio per evitare che, “assente” la politica,  al “volante” si sieda la macchina burocratica.  E’ questo il messaggio che il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani ha voluto dare ai 50 studenti italiani che il 24 e 25 aprile sono stati protagonisti a Bruxelles della seconda edizione del programma realizzato da ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca,  da Regione Lombardia e  da Conftrasporto, per far  conoscere e studiare le materie del trasporto e della logistica. Continua a leggere

Carburanti alle stelle, il pieno torna ai livelli dell’estate 2015. Risparmio con le pompe bianche

Era dall’estate del 2015 che i prezzi alla pompa di benzina e gasolio non erano così alti. Lo spiega Staffetta Quotidiana, che ha esaminato le medie settimanali del periodo dal 18 al 25 aprile. La benzina self service è a 1,580 euro/litro (+11 millesimi), mentre al servito si pagano 1,695 euro/litro (+10 millesimi). Il diesel al self service costa 1,452 euro/litro (+12), mentre al servito sale a 1,568 euro/litro (+11). Invariati i prezzi di Gpl (0,632 euro/litro) e metano (0,963 euro/kg). Chi vuole pagare meno può fare rifornimento alle pompe bianche: lo sconto sulla benzina è di 3,8 centesimi al self service e di 13,8 al servito, mentre sul diesel i prezzi scendono rispettivamente di 3,3 e 13,9 centesimi. Continua a leggere

Blocco dei Tir al Brennero, 4 ore per fare 17 chilometri. La situazione può diventare esplosiva

Quattro ore per percorrere 17 chilometri e una colonna di Tir lunga 20 chilometri. Sono alcune delle conseguenze del contingemento della circolazione dei mezzi pesanti, scattato ieri mattina, che permette il passaggio al Brennero di soli 300 veicoli ogni ora e “rallenta notevolmente il rientro di molti operatori italiani”. L’allarme lo lancia Conftrasporto, con il vicepresidente Paolo Uggè che in una nota parla di “situazione che può diventare esplosiva” e chiede l’intervento del governo italiano. “A bordo dei mezzi pesanti”, spiega Uggè, “si trovano uomini che non possono essere ‘sequestrati’ e subire le conseguenze delle scelte politico-economiche dei Paesi di transito. Il rischio di iniziative di autotutela da parte dei conducenti può essere elevato”. Continua a leggere

No al ministero del Mare: “le scelte sui trasporti via asfalto, rotaia e acqua viaggiano insieme”

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia invita il prossimo Governo a istituire un ministero per il mare “che sappia e possa dare impulso e sviluppo a una delle componenti più brillanti della nostra economia, in grado di produrre ricchezza e creare occupazione per il Paese” ma incassa subito una pesante bocciatura. A infliggerla è il presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, che ha invece  invitato il Paese a proseguire sulla strada tracciata dal ministro alle Infrastrutture e i Trasporti Graziano Delrio per connettere il Paese realizzando “un unico sistema che preveda al proprio interno diverse modalità ma tutte collegate a una rete unica di sistema. Continua a leggere

Stessa città, ma il prezzo dell’assicurazione dell’auto è diverso: così il Cap incide sul premio

Cambiare casa ha molti costi, ma in pochi, nel conto, avranno messo anche quello della Rc auto. Si perché risiedere in una zona o nell’altra di una città, a volte anche solo da un lato o dall’altro della stessa via, può incidere sensibilmente sul prezzo che si paga per l’assicurazione. Lo ha dimostrato Facile.it con un’analisi fatta ad aprile 2018 in alcune grandi città italiane. È il Cap, il codice di avviamento postale, a fare la differenza. Un Cap diverso determina, in molti casi, tariffe completamente differenti. A Napoli, per esempio, vivere in un quartiere piuttosto che in un altro può far schizzare il premio dell’Rc auto addirittura del 36,4 per cento. Continua a leggere

Il freno automatico d’emergenza “vede” anche i ciclisti? Euro Ncap testa anche questo aspetto

Per garantire sempre più sicurezza sulle strade la tecnologia è fondamentale. I sistemi di assistenza alla guida, infatti, possono salvare diverse vite. Ed è anche per questo che i test Euro Ncap, quelli che misurano la sicurezza delle auto nuove, sono sempre più severi. Lo dimostra l’introduzione, in occasione del primo test del 2018, nel protocollo di valutazione del freno automatico di emergenza in una prova che simula l’incidente con un ciclista: la sigla è Aebvru, Autonomous Emergency Breaking Vulnerable Road Users. Continua a leggere

Un “serbatoio di idee” farà viaggiare meglio l’Europa dei trasporti e della logistica

Viaggio nel mondo del trasporto e della logistica nell’Europa che verrà atto secondo. A distanza dalla “prima” di un anno fa, con la presenza eccezionale della Commissaria europea Violeta Bulc nella delegazione di Confcommercio Imprese per l’Italia, Bruxelles ospita infatti la “partenza” della nuova edizione del programma dedicato ai giovani che vogliono studiare le politiche europee del lavoro, dei trasporti e del mare grazie ai protocolli d’intesa siglati da Conftrasporto con il ministero dell’Istruzione dell’università e della ricerca e con la Regione Lombardia. Continua a leggere

Rimorchi e semirimorchi, il 2018 è iniziato con il piede giusto: +15,1 per cento di immatricolazioni

C’è un lieve rallentamento, ma il mercato di rimorchi e semirimorchi nel primo trimestre 2018 registra comunque un incremento a due cifre. Secondo il Centro Studi e Statistiche di Unrae, che ha elaborato una stima del mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore alle 3,5 tonnellate sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel primo trimestre del 2018 c’è stato un incremento del mercato del 15,1 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017, con 4.910 unità immatricolate contro 4.266. Continua a leggere