Uggé: “La sentenza contro Uber è anche una condanna per l’incapacità della politica italiana”

“Da sempre affermiamo che il corrispettivo per la prestazione di un servizio di trasporto resa da un taxista o da un noleggiatore debba essere riconosciuto all’esecutore del trasporto stesso. Il servizio di intermediazione che società come Uber effettuano non può, e la sentenza della Corte lo dice, essere considerato un’attività di servizio ma è invece un’operazione di trasporto e come tale va regolamentata”. Lo dichiara il presidente di Conftrasporto e vice presidente di Confcommercio Paolo Uggè a proposito della sentenza con la quale la Corte di giustizia dell’Unione europea ha deciso che quello di Uber è un servizio di trasporto e come tale va regolamentato. 
“Questa decisione”, prosegue Uggè, “dimostra purtroppo come i governi italiani succedutisi dal 2008 a oggi non siano stati in grado di regolamentare, modificando le normative, il servizio dei taxi e dei noleggiatori. È incomprensibile che, mentre si chiede ai piccoli commercianti di dotarsi di strumenti tecnologici di pagamento elettronico, si consenta a una categoria, quella dei taxi, di non rilasciare lo scontrino fiscale come avviene in quasi tutte le nazioni del mondo. Anche quest’anno il Governo, non avendo avuto il coraggio di trovare una soluzione, ha dovuto rinviare l’entrata in vigore di una norma demenziale (29,1 quater), che aumenterebbe i percorsi a vuoto, favorirebbe la disorganizzazione incrementando il traffico e l’inquinamento”, spiega il presidente di Conftrasporto. “La speranza è che nell’anno che verrà il nuovo Governo sappia assumersi la responsabilità di disciplinare due attività profondamente diverse, nell’interesse degli operatori e degli utenti. Conftrasporto ha già presentato in merito una propria proposta e si augura che il nuovo Governo la voglia affrontare nel merito”.

Leggete anche
La Corte di giustizia Ue frena Uber: “È un servizio di trasporto che va regolamentato dagli Stati”

Testo realizzato da Baskerville (www.baskervillecomunicazione.it) per stradafacendo.tgcom24.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Uggé: “La sentenza contro Uber è anche una condanna per l’incapacità della politica italiana”

  1. Signore caro, lo scontrino fiscale esisteva anche per i taxi, poi i ri governi ci guadagnavano di piu’ impiccando im tassisti al palo degli studi di settore cosi’ hanno mesetto l’intera categoria dal rilasciarlo!
    Informarsi prima di sproloquiare. ..se taxi e ncc si devono differenziare non vedo cosa ci sia di demenziAle nell’obbligo di rientro in rimessa…il solito obolo a ruber, ormai non si contano, piu’!

  2. Dani ma se è così perché non sostieni la proposta di rimettere lo scontrino fiscale? Semplice no? Per il rientro in rimessa Ti sembra normale che un noleggiatore non possa effettuare un servizio di un proprio cliente che lo ha prenotato solo perché poco prima ha effettuato un altro servizio? Certo con i mezzi tecnologici oggi si può dimostrarlo. Del resto anche i taxisti che negli hotels si mettono d’accordo per prestare servizi di noleggio non sono in regola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *