La Corte di giustizia Ue frena Uber: “È un servizio di trasporto che va regolamentato dagli Stati”

Uber è un servizio di trasporto e in quanto tale deve essere regolamentato dagli Stati membri. Lo ha stabilito oggi la Corte di giustizia dell’Unione europea con una sentenza. Secondo i giudici il servizio d’intermediazione di Uber deve “essere escluso dall’ambito di applicazione della libera prestazione dei servizi in generale nonché della direttiva relativa ai servizi nel mercato interno e della direttiva sul commercio elettronico”, ma “deve essere considerato indissolubilmente legato a un servizio di trasporto”.

Tutto era partito nel 2014 da da un’associazione professionale di taxi di Barcellona che si era rivolta al tribunale locale “affinché si accertasse che le attività della Uber Systems Spain, una società collegata alla Uber Technologies (congiuntamente, in prosieguo: «Uber»), costituiscono pratiche ingannevoli e atti di concorrenza sleale”, spiega un comunicato della Corte di giustizia, visto che “né la Uber Systems Spain, né i conducenti non professionisti dei veicoli interessati possedevano licenze e autorizzazioni previste dalla normativa sui servizi di taxi dell’agglomerato urbano di Barcellona”. Con la sentenza, la Corte ha deciso “che un servizio d’intermediazione, come quello di cui al procedimento principale, avente ad oggetto la messa in contatto, mediante un’applicazione per smartphone e dietro retribuzione, di conducenti non professionisti utilizzatori del proprio veicolo con persone che desiderano effettuare uno spostamento nell’area urbana, deve essere considerato indissolubilmente legato a un servizio di trasporto e rientrante, pertanto, nella qualificazione di «servizio nel settore dei trasporti», ai sensi del diritto dell’Unione”. Pertanto “è compito degli Stati membri disciplinare le condizioni di prestazione di siffatti servizi nel rispetto delle norme generali del trattato sul funzionamento dell’Unione europea”.

Testo realizzato da Baskerville (www.baskervillecomunicazione.it) per stradafacendo.tgcom24.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *