I tassisti si fermano: “Siamo costretti a scioperare da chi non vuole avere regole chiare”

I tassisti si preparano a scendere nuovamente sul sentiero di guerra. Lo faranno il 7 novembre, data in cui è stato indetto uno sciopero nazionale  per protestare contro il “ disordine normativo che di fatto ha deregolamentato il servizio del trasporto pubblico non di linea” e contro “le promesse non mantenute dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti”, come ha annunciato Alessandro Atzeni del coordinamento nazionale Uil Trasporti Taxi. “È una decisione che ci hanno costretti ad adottare”, ha spiegato il rappresentante dei tassisti, questo sciopero ha come obiettivo ripristinare l’equilibrio normativo tra i settori taxi-ncc”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *