La festa dei nonni si celebra al volante: in Italia ci sono 60mila ultra novantenni con la patente

Molti sostengono che i nonni (oggi, 2 ottobre, è la loro festa) siano il vero motore delle famiglie. Senza di loro, infatti, tirare avanti sarebbe praticamente impossibile. Perché fanno tutto: i baby sitter, i cuochi, gli insegnanti. E anche gli autisti. In Italia gli ultra novantenni con la patente sono più di 60mila. Un dato significativo, anche perché dopo gli 80 anni, il rinnovo della patente si fa ogni 24 mesi. 
Secondo un’indagine di Facile.it, che ha rielaborato i dati del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti aggiornati al maggio 2017, è la Lombardia la regione con il maggior numero di ultra novantenni patentati, con 8.738 gli automobilisti nati prima del 1927, seguita dall’Emilia-Romagna (7.553) e dalla Toscana (5.834). Considerando invece il numero dei patentati over 90 sul totale di quelli abilitati alla guida, è l’Emilia Romagna a svettare in cima alla classifica con lo 0,253 per cento, pari a oltre una volta e mezzo il valore medio nazionale (0, 156 per cento); al secondo posto della classifica così calcolata si trova la Liguria con lo 0,247 per cento, mentre la Toscana si conferma medaglia di bronzo con lo 0,233 per cento. Per loro, l’assicurazione non è particolarmente conveniente. Facile.it ha confrontato le offerte disponibili per un medesimo profilo di automobilista (residente in comune di Milano che guida una Panda terza serie 1.2 City Cross in prima classe di merito) e il Best Price disponibile “è pari a 269 euro se il conducente è quarantenne, diventa poco meno del doppio, 484,76 euro, se al volante è un novantenne. Escludendo poi promozioni e sconti temporanei, il premio diventa 538 euro”.
“Nel calcolo della tariffa Rc auto”, spiega Mauro Giacobbe, amministratore delegato dell’azienda di confronto, “le compagnie devono considerare principalmente il tasso presunto di incidentalità dell’assicurato. Chi ha un’età così avanzata è più esposto a rischio di incidenti, anche per motivi fisici come la riduzione del campo visivo o l’ipoacusia; in questo si spiegano differenze tariffarie così marcate”. Secondo l’indagine di Facile.it l’età media degli automobilisti è di poco inferiore ai 54 anni.

Credits: Facile.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “La festa dei nonni si celebra al volante: in Italia ci sono 60mila ultra novantenni con la patente

  1. … compresa purtroppo la nonnina che (forse abbagliata dal sole?) ha ridotto in fin di vita una mamma e ferito i suoi due figli che stavano attraversando sulle strisce pedonali…. Nessuno vuole colpevolizzare nessun, ma superata una certa soglia dìetà non sarebbe meglio prevedere esami con cadenze ravvicinatissime, magari trimestrali? A quell’età qualche problema senile può insorgere dall’oggi al domani e creare rischi non indifferenti. Magari senza far pagare la visita, chiedendo agli ottuagenari solo la disponibilità a farsi una passeggiata fino alla scuola guida ogni tot…..

  2. Il sole sul parabrezza avrebbe potuto abbagliare anche un ventenne con 11 decimi, ma forse quest’ultimo sentito il botto avrebbe potuto frenare in uno spazio (di tempo e di metri d’asfalto) cento volte prima di un’a pur arzilla vecchietta????’…..

  3. A una certa età il “rimbambimento” purtroppo è un fatto naturale, non c’entra colpevolizzare o meno. I riflessi di un novantenne possono essere quelli di un ventenne? No, perché altrimenti lo vedremmo correre su un campo da calcio o lanciarsi con gli sci su un pendio ghiacciato… Non facciamo finta di non vedere e cerchiamo invece di tutelare il più possibile la vita altrui controllando a dovere i “vecchietti”. Semmai, come “regalo” per la loro festa, il Governo preveda che in occasione della visita un dipendente dell’autoscuola, in cambio di un rimborso spese dallo Stato, provveda ad accompagnarli e riaccompagnarli…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *