Treni economici “nascosti” ai clienti. L’Antitrust punisce Trenitalia con 5 milioni di euro di multa

Erano convinti di trovare il treno migliore e magari di pagare il meno possibile. In realtà Trenitalia “nascondeva” alcuni tra i biglietti più economici. E così i viaggiatori pagavano di più. Una manovra scoperta dall’Antitrust che ha “ha sanzionato Trenitalia S.p.a. per una pratica commerciale scorretta inerente il sistema telematico di ricerca e acquisto dei titoli di viaggio accessibile alla clientela sul sito aziendale, tramite le emettitrici self-service di stazione e la App Trenitalia per smartphone e tablet”. La multa è di 5 milioni di euro. Trenitalia dovrà anche informare i consumatori dell’accaduto.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accertato che “l’insieme di soluzioni di viaggio proposte a seguito di una ricerca su tali strumenti informatici omette numerose soluzioni con treni regionali (generalmente più economiche), pur trattandosi di alternative sostituibili a quelle invece mostrate, alterando in questo modo la scelta del consumatore”, si legge in una nota del Garante. “In particolare, la soluzione di viaggio che prevede un cambio e l’utilizzo di treni regionali non è mai inclusa nei risultati di ricerca e non è altrimenti rintracciabile (se non attraverso la specifica ricerca con l’opzione “Regionali” sul sito internet), laddove la partenza sia in prossimità di una soluzione che utilizza Frecce e Intercity (l’unica invece sempre mostrata) anche solo di pochi minuti più veloce”. Trenitalia, spiega l’Antitrust, “non ha in alcun modo informato i consumatori in merito a tale importante limitazione, ma ha anzi utilizzato, sul sito aziendale, la denominazione ingannevole “tutti i treni””.
Trenitalia ha replicato “di aver sempre posto le esigenze del cliente al centro delle proprie politiche commerciali”. La società, si legge in una nota, “prende atto della decisione dell’Autorità e ne esaminerà con attenzione il contenuto, riservandosi di valutare le azioni più opportune da intraprendere. I sistemi di vendita di Trenitalia sono stati infatti concepiti e sviluppati con lo scopo esclusivo di agevolare, per quanto più possibile, l’individuazione della soluzione di viaggio maggiormente confacente, senza alcun intento distorsivo del processo di scelta della clientela.
I sistemi operano secondo tre concorrenti parametri (minore durata del viaggio, minore distanza percorsa e minore numero di cambi), senza che il prezzo del biglietto assuma alcuna rilevanza a tal fine. Inoltre, da anni, sono state rese fruibili ulteriori funzioni di ricerca, come ad esempio un’apposita sezione per i treni regionali e una ricerca avanzata, in base a parametri discrezionali selezionati dai clienti, che ampliano così il ventaglio di opzioni e i criteri di scelta a disposizione dei consumatori”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Treni economici “nascosti” ai clienti. L’Antitrust punisce Trenitalia con 5 milioni di euro di multa

  1. È una vergogna. Una società controllata dallo Stato frega i suoi cittadini. Ma parlamentari, ministri, etc.. cosa fanno? I responsabili devono pagare. Basta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *