Imprese di trasporti abusive, 8 scoperte in Sicilia. “Ma la Finanza può scovarne ovunque”

Un grazie e un invito a  far di tutto perché nuovi ringraziamenti possano essere fatti. Il grazie è quello rivolto dal presidente di Fai Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè agli uomini della Guardia di Finanza “per l’operazione condotta  in provincia di Messina contro l’abusivismo nel trasporto merci,  operazione che ha permesso  di smascherare gli illeciti di otto imprese infliggendo sanzioni per oltre 150mila euro”.L’invito, sempre rivolto dallo stesso Uggè, è invece quello a moltiplicare  sempre più i controlli, “estendendoli in tante altre zone d’Italia dove l’abusivismo è, come denunciamo da tempo, una piaga ben presente”.  Abusivismo che, dichiara sempre il presidente di Conftrasporto e vice presidente di Confcommercio,” significa anche chiudere aziende e riaprirle sotto altre spoglie, continuare a impiegare lavoratori extracomunitari irregolari senza versare loro i contributi e allo Stato l’Iva, perseverando nella violazione di ogni regola del mercato e della legalità”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Imprese di trasporti abusive, 8 scoperte in Sicilia. “Ma la Finanza può scovarne ovunque”

  1. Se vogliamo farla finita con l’evasione basta applicare il reverse charge dell’Iva nel settore dei trasporti e della logistica per lo meno avremo la certezza che i soldi arrivino nelle casse dello stato , ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire .Vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *