La Fiat 500 compie i suoi primi 60 anni e li festeggia con un modello più giovane che mai

Ha 60 anni, ma è sempre giovanissima e, soprattutto, amata dai giovanissimi. È la Fiat 500, utilitaria che ha fatto il suo debutto nella storia delle quattroruote il 4 luglio 1957, e che per festeggiare il compleanno presenta una versione celebrativa del modello attuale riproponendo diversi elementi che hanno reso un’icona di stile sulle strade il ‘cinquino’ presentato per la prima volta. Elementi come loghi, cromature e i mitici cerchi pieni da 16 pollici dal look assolutamente vintage che rendono unica la nuova serie speciale Fiat 500 Anniversario, così come i nuovi colori Verde Riviera e Arancio Sicilia, abbinati agli interni con i nuovi sedili in tessuto a righe orizzontali in pieno stile sixties, con cadenini e logo 500 ricamato. Continua a leggere

Drogometro: bastano un po’ di saliva e 8 minuti per scoprire se chi guida ha usato cocaina…

Bastano un goccio di saliva, otto minuti di tempo, e un piccolo strumento simile ai Pos che vengono utilizzati per pagare con il bancomat o la carta di credito per scoprire se chi è al volante è sotto l’effetto di droga. Parola di testimone: un giornalista dell’agenzia Ansa che ha potuto assistere dal vivo a una serata di test. Test effettuati col Drogometro (questo il nome dell’apparecchio) dagli agenti della Polizia Stradale di Bergamo, fra i primi ad avere in dotazione dal giugno 2015 l’apparecchio sperimentato, a partire dal 2015, in 34 città italiane tra cui Bari, Brescia, Padova, Trieste, Bologna, Roma, Napoli, Bari, Messina, Lecce, Salerno e Verona. Continua a leggere

Motorizzazione in panne: mancano perfino le targhe e così i Tir non possono viaggiare

Motorizzazione? A Bergamo fa rima con disorganizzazione e, purtroppo, con tutto quanto ne consegue: ritardi di mesi nelle revisioni, impegni non mantenuti perché chi doveva effettuare i controlli è indisponibile, con l’aggravante che l’avviso che l’appuntamento è saltato, senza sapere neppure a quando, viene dato nell’immediata vigilia. Come ha potuto sperimentare il titolare di una nota impresa di autotrasporti che dopo aver organizzato il rientro dalla Spagna di alcuni rimorchi proprio per sottoporli alle verifiche da parte di un ingegnere della Motorizzazione civile si è sentito dire, soltanto il giorno prima e con i mezzi ormai in viaggio, che non se ne faceva nulla. A denunciare la situazione “divenuta ormai insostenibile per moltissime aziende che si ritrovano impossibilitate a far viaggiare i propri Tir, è Fabio Biava, 51 anni, titolare dello studio che porta il suo nome, a Orio al Serio, e segretario provinciale di Unasca, l’Unione nazionale studi di consulenza e autoscuole di Orio al Serio. Continua a leggere

I giovani riscoprono il lavoro del trasportatore, grazie ai finanziamenti e ai contatti in azienda

Quella dell’autotrasportatore è una professione che ha ancora un futuro? Sì, a giudicare dalle 2500 candidature presentate da altrettanti aspiranti autotrasportatori coinvolti nel “Progetto Giovani Conducenti”, l’iniziativa promossa insieme alla Fai e alle associazioni del trasporto per aiutare i giovani a conseguire le patenti superiori (C, E, Cqc)) e a entrare in contatto con le aziende. Un successo che ha spinto il Comitato centrale dell’Albo degli autotrasportatori a innestare la quarta per aiutare concretamente sempre più neodiplomati a costruirsi un futuro in questo settore, portando da uno a quattro milioni di euro il budget destinato al “Progetto Giovani Conducenti”. Continua a leggere

BreBeMI: l’autostrada non fa viaggiare solo i mezzi, accelera anche il mercato immobiliare

La BreBeMi, la nuova autostrada direttissima per Milano per il traffico proveniente da Verona e dal Brennero, non fa viaggiare solo auto e moto, camion e pullman: muove, facendolo accelerare, anche il mercato immobiliare, favorendo le compravendite di case e di capannoni lungo il suo percorso, in particolar modo in alcune aree della provincia di Brescia e di Bergamo. Ad affermarlo sono i responsabili del centro studi di Tecnocasa, che, come si legge sul portale www.casavuoisapere.it, “analizzando l’andamento del settore in Lombardia hanno scoperto come l’area servita da Brebemi dal punto di vista del settore immobiliare abbia registrato, nelle aree toccate dalla migliorata viabilità tra Milano, bassa bresciana e bergamasca, un aumento generale delle compravendite, in particolare nelle zone di Romano di Lombardia (in provincia di Bergamo), Rovato (Brescia) e zone limitrofe”. Continua a leggere

Vedi Napoli e poi muori? Per vedersi vivissima la città si specchia nel futuro del suo porto…

Vedi Napoli e poi muori, recita un famoso detto. Per vedere invece il futuro di Napoli vivo e sempre più vegeto economicamente occorre guardare il suo porto: o, meglio, i possibili progetti per il suo sviluppo. Già, perché come ha affermato il commissario di Confcommercio Giacomo Errico, intervenendo al convegno “La portualità in Campania tra criticità e aspettative di sviluppo” organizzato dalla confederazione campana nella sala Galatea della Stazione Marittima di Napoli, “Napoli, la Campania e tutto il Mezzogiorno possono diventare centrali nel rilancio del sistema imprenditoriale attraverso la crescita di tutto ciò che ruota attorno alla portualità”. Continua a leggere

Volete comodità, sicurezza o silenzio? I consigli per scegliere il posto giusto sull’aereo

In aereo non esiste il posto migliore. Perché in realtà la sistemazione ideale non è solo una. Dipende da cosa si cerca: sicurezza, comodità o silenzio. Partendo dalle varie esigenze, Telegraph Travel ha disegnato una mappa ideale con i posti migliori. Se siete particolarmente attenti alla sicurezza e durante il volo tremate dalla paura non ascoltate le compagnie, le quali vi diranno che tutti i posti sono uguali, e scegliete i sedili in fondo all’aereo. Continua a leggere

Un virus fermerà i trasporti? Gli hacker attaccano anche metro, treni e aeroporti

Anche i trasporti sono finiti nel mirino degli hacker, che in questi giorni stanno “bombardando” il mondo e in particolar modo l’Ucraina. Su Facebook, il vicepremier ucraino Pavlo Rozenko ha spiegato che oltre a banche e imprese, sono sotto attacco anche i computer del governo, delle Ferrovie, della metropolitana e dell’aeroporto di Kiev. Continua a leggere

Connetto dunque cresco: l’Italia segua questa strada oppure se ne pentirà

Il verbo connettere per Conftrasporto/Confcommercio ha un significato, un valore e un’importanza particolari. Presentata come “esigenza improcrastinabile” l’anno scorso al Forum internazionale di Cernobbio, che aveva come tema centrale “L’Italia disconnessa”,  la “connessione del Paese” ha avuto il riconoscimento dell’importante condivisione del ministro dei Trasporti Graziano Delrio, ribadita nel convegno ospitato recentemente a Roma all’università la Sapienza organizzato dalla segreteria tecnica di missione del ministero e intitolato “Connettere l’Italia: un modo diverso per riconoscere il medesimo procedimento”. Continua a leggere

C’è una strada che più di ogni altra può far crescere l’Italia: quella che parte dalla logistica

C’è una strada che più di ogni altra può condurre alla crescita economica dell’Italia: è quella del potenziamento delle infrastrutture e della logistica, quella di una rete che consenta di far viaggiare persone e merci con diversi mezzi di trasporto integrati in modo rapido ed efficiente. A confermare una volta di più l’importanza per il nostro Paese di investire in questo settore è stato il ministro Graziano Delrio che intervenendo all’assemblea degli industriali di Pordenone ha ribadito come “il tema dei collegamenti logistici rappresenti un tema centrale per lo sviluppo del Paese”, e come purtroppo ancora oggi in in Italia si lavori “con una logistica inefficiente che costa ogni anno 30 miliardi di euro al sistema degli imprenditori italiani che scontano un gap enorme rispetto ai loro colleghi tedeschi. Continua a leggere