Il crollo della benzina: quotazioni a picco, scende anche il prezzo alla pompa

Continua a scendere il prezzo della benzina. Ieri c’è stato un “vero e proprio tonfo” per la quotazione della benzina, spiega Staffetta Quotidiana, con “effetti immediati sui listini dei prezzi alla pompa”. In calo anche il prezzo del Gpl, mentre per il diesel viene registrato un movimento al rialzo. Alla chiusura di martedì 9 febbraio, la benzina in Mediterraneo era quotata 228 euro per mille litri (-22) e il diesel 223 (-15).

Secondo i rilevamenti di Staffetta Quotidiana, mercoledì mattina Eni ha ridotto i prezzi consigliati della benzina di due centesimi al litro.  Ritocchi anche per Ip (-1 centesimo sul Gpl), Q8/Shell (-1 cent sulla benzina, +1 cent sul diesel, -2 cent sul Gpl), e TotalErg (-1 cent sulla benzina e -2 sul Gpl). Queste le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di martedì mattina su circa 12mila impianti: benzina self service a 1,396 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,374), diesel a 1,191 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,169). Benzina servito a 1,485 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,407), diesel a 1,282 euro/litro (invariato, pompe bianche 1,203). Gpl a 0,555 euro/litro (-0,2 cent, pompe bianche 0,543), metano a 0,983 euro/kg (invariato, pompe bianche 0,976).  Clicca qui per vedere i prezzi delle varie compagnie. Info: www.staffettaonline.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Il crollo della benzina: quotazioni a picco, scende anche il prezzo alla pompa

  1. Calo del Petrolio 50%, calo della benzina 15% in questi mesi… bella differenza comunque sarebbe giusto che la verde fosse 8′ centesimi al litro e il diesel a 60!

  2. mettiamo un po’ le cose in chiaro:30/06/15 gasolio 1.46€ di cui 0.88 di tasse e 0.58 di puro costo mentre OGGI 1.20€ di cui 0.84 di tasse e 0.35 di puro costo. Quindi il puro costo è calato di circa il 37% (comunque poco) mentre le tasse sono rimaste praticamente uguali.
    Ergo chi ci stà fregando di più? Come dice il caro Oscar lo “stato ladro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *