Il mercato dell’auto continua a correre. Esulta il Lingotto: “Fiat Chrysler vola”

Cambia l’anno, ma non la sostanza. Il mercato dell’auto continua a crescere, tanto che a gennaio 2016 le immatricolazioni sono state 155.157, il 17,44 per cento in più dello stesso mese del 2015. “Un dato ancora più significativo se si considera che il confronto si fa con un mese (gennaio 2015) che aveva fatto registrare un incremento dell’11,5 per cento”, evidenzia Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. “Un buon debutto nonostante quest’anno ci sia stato un giorno lavorativo in meno”, osserva Aurelio Nervo, presidente dell’Anfia. Ottimi i risultati di Fca.

“In un mercato che corre, Fiat Chrysler Automobiles vola”, commenta il Lingotto. Per il 13° mese consecutivo il gruppo Fca cresce più del mercato: le immatricolazioni a gennaio sono state 44.671 (+19,79 per cento) e la quota è salita dal 28,23 al 28,79 per cento. Risultati positivi per tutti i brand del gruppo, in particolare Jeep con 3.779 consegne (+47,56 per cento) e Fiat con 32.571 (+19,66 per cento). In aumento anche le vendite di Alfa Romeo (+11,69 per cento) e Lancia-Chrysler (+10,34 per cento). Ma, almeno secondo alcuni analisti, è meglio non lasciarsi andare a troppi festeggiamenti. “Questo risultato”, commenta il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, “è trainato sia dalle promozioni per certi versi eclatanti messe in campo da case e concessionari sia da una domanda insopprimibile di sostituzione di un parco circolante sempre più obsoleto”. Sulla stessa lunghezza d’onda c’è Massimo Nordio, presidente dell’Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere, che ricorda le “poderose azioni commerciali messe in campo dalle Case con le loro Reti”. Il dieselgate non ha messo ko il Gruppo Volkkswagen. A gennaio il marchio Volkswagen ha immatricolato 11.869 auto (+20,18 per cento), mentre è più contenuta la crescita di Audi (5.742 auto vendute, +3,7 per cento).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *