Pneumatici invernali da sostituire entro metà maggio. Si rischia una multa salata

È arrivato il momento di tornare dal gommista. Il 15 aprile sono scadute le ordinanze che obbligavano la circolazione con le catene a bordo oppure con gli pneumatici invernali su diverse strade di tutta Italia. E chi ha scelto di montare le gomme invernali deve sostituirle entro metà maggio. Non si può infatti circolare d’estate con gli pneumatici M+S con codice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione. Chi lo fa rischia una multa da 419 a 1.682 euro.

In una nota Assogomma e Federpneus ricordano che è consentito, “nel periodo stagionale di riferimento”, l’uso di pneumatici di tipo M+S con codici di velocità inferiori rispetto a quelli riportati in carta di circolazione. Una deroga rispetto alla regola generale che prevede che gli pneumatici montati su un veicolo debbano sempre avere caratteristiche prestazionali uguali o superiori a quelle indicate in carta di circolazione. L’eccezione aveva dato luogo a interpretazioni diverse e a un uso generalizzato per tutto l’anno di questi pneumatici non di serie. Il Ministero dei Trasporti, con la circolare numero 1049 del 17 gennaio 2014, ha quindi chiarito che chi monta pneumatici di tipo M+S, con codice di velocità inferiore a quanto indicato in carta di circolazione, può viaggiare dal 15 ottobre al 15 maggio. Pertanto viene concesso un mese, prima e dopo la vigenza delle ordinanze, per effettuare il rimontaggio degli pneumatici di tipo estivo, ovvero con caratteristiche prestazionali di serie. Di conseguenza, a partire dal 16 maggio e sino al 14 ottobre, non è consentita la circolazione con pneumatici M+S con codici di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione: l’infrazione di riferimento comporta, non solo significative sanzioni pecuniarie (da 419 a 1.682 euro), ma anche il ritiro della carta di circolazione e l’invio in revisione del veicolo. Se invece il codice di velocità è uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione si possono tenere le gomme invernali. Anche se, “è sempre bene circolare con pneumatici idonei al periodo stagionale, cioè pneumatici invernali in inverno e pneumatici estivi in estate”, afferma Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma. “Così facendo si circola sicuri e si ottengono vantaggi significativi in termini di consumo di carburante e degli pneumatici stessi. Adesso è arrivato il momento di ripristinare il treno di gomme estive”.
Nella nota, Assogomma e Fedepneus tracciano anche un bilancio delle ordinanze che obbligano a circolare nel periodo invernale con le dotazioni adeguate. “Le ordinanze che regolano la circolazione con dotazioni invernali sono in vigore dal 15 novembre al 15 aprile, in tutta Italia salvo estensioni temporali”, si legge. “Non sono ammesse riduzioni. Questa omogeneità temporale fu introdotta dalla Direttiva ministeriale del 16 gennaio 2013, per consentire agli automobilisti di superare una sorta di “giungla” creata nell’arco di un paio d’anni. Fu un provvedimento fortemente voluto da tutti, automobilisti in primis, resosi necessario dall’entrata in vigore della Legge 120 del 2010 che introdusse la possibilità (non l’obbligo) per i proprietari delle strade di emanare ordinanze secondo le mutate norme del Codice della Strada. Infatti, nel nostro Paese è l’ente gestore dello specifico tratto stradale, che ha la facoltà di imporre o meno l’obbligo di circolare con dotazioni invernali: le province, l’Anas, i comuni, raramente le regioni e ovviamente i concessionari delle Autostrade. Dal 2010 a oggi, le ordinanze sono più che raddoppiate: per esempio il numero delle province coinvolte è passato da 25 a 53, su un totale di 110, nell’inverno appena trascorso. Si può quindi affermare che la metà delle province italiane ha adottato provvedimenti, per la circolazione in inverno, con equipaggiamento invernale (53 su 110), e che questi provvedimenti hanno coinvolto il 49 per cento della popolazione italiana. Nell’inverno 2013/2014, al folto numero di province che già avevano emesso ordinanze in passato, si sono aggiunte Bergamo, Udine, Livorno, Macerata e soprattutto Roma, con i suoi 4 milioni di abitanti. Fanalino di coda rimane inspiegabilmente Milano, che fu la prima Provincia italiana ad adottare l’obbligo di circolare con il corretto equipaggiamento in inverno, già nel 2010, a testimonianza dell’attenzione alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile, ma che poi per problemi politici, a tutt’oggi l’ha congelata”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

43 risposte a “Pneumatici invernali da sostituire entro metà maggio. Si rischia una multa salata

  1. Vorrei sapere come si devono comportare i proprietari di fuoristrada che li usano nel periodo estivo per il fango e nelle campagne.

  2. Altra PORCATA tutta italiana. In questi giorni nevica ma non c’è obbligo di catene. Paese ridicolo e penoso. Non sarebbe meglio multare qualcuno se provoca ingorgo o incidenti in caso di presenza di neve se non ha l’equipaggiamento giusto? Quest’anno da me non è caduto un fiocco di neve ed io secondo questi mentecatti dovrei montare le gomme da neve per quale motivo LOGICO??????????????????????????? fate un favore alla società e suicidatevi.

  3. Qui di PORCATA, vi è solo il titolo. Che è fuorviente. I pneumatici invernali non sono da sostituire il 15 maggio e ci puoi girare tutto l’anno, ci mancherebbe !! Semplicemente non sarà più consentito chiudere un occhio su chi, mal consigliato dai gommisti, si metteva nella situazione di montare pneumatici, invernali o estive poco importa, non omolohgati per le prestazioni della propria vettura. Per intenderci se la tua auto ha i pneumatici omologati per 180 km/h, se per risparmiare qualche euro, ma mettendo la tua vita a rischio, montavi invernali omologate da 150 km/h pur non potendolo fare, i vigili (in Italia) chiudevano un occhio. Se tu invece hai pneumatici M+S omologati correttamente per la tua vettura (quindi di velocità nell’esempio da 180 km/h) li puoi tenere tutto l’anno. Molti SUV, ma anche i crossover “piccolini” hanno gomme M+S di prima dotazione e non sono certo fuorilegge. Attenzione quindi a sottovalutare l’importanza degli pneumatici, è a loro che affidiamo la nostra vita.

  4. Buonasera. Che strano Paese il nostro, si tutela chi, senza assicurazione e in stato di ubriachezza, o peggio sotto effetto di droghe, al volante di un auto, uccide persone innocenti e dopo due mesi lo si trova di nuovo al volante ma, si obbliga l’automobilista a sostituire le gomme invernali con quelle estive. Una legge demenziale, fatta su misura per ingrassare i già grassi gommisti. La cosa che fa più ridere è sentire che, il pneumatico invernale ha dei codici di velocità, minori di quelli di uno estivo. Sicuramente è vero ma, tutti sappiamo che, la velocità massima in Italia è di 130 km/h e non mi vengano a dire che viaggiando in pieno luglio con un pneumatico invernale, metta a
    repentaglio la vita altrui. Per muovere l’economia, ci sono altre alternative e non certo questa ridicola legge, fatta da personaggi incompetenti o meglio, furbetti di quartiere. Buona Pasqua a tutti.
    Cordialmente.

  5. Signori! Ma la legge non obbliga nessuno chi ha m+s con lettera Q può circolare tranquillamente. Si consiglia di cambiare i pneumatici sopratutto se sono esauriti. Non vi è alcuna multa se si viaggia con i pneumatici m+s riportati su carta di circolazione… tranquilli. i fuori strada sono quasi tutti m+s state sereni, non riescono a multare chi è liscio, penserete mica multino chi li ha in regola, e poi ma avete sentito un costruttore di pneumatici lamentarsi ufficialmente??? noi appunto.

    vi allego la vera circolare:

    OGGETTO:
    Il DIRETTORE GENERALE
    arch. Maurizio Vitelli
    (1)
    (2)
    MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
    DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE
    ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI
    Direzione generale per la motorizzazione
    Divisione 3
    Prot. n. 1049
    Roma, 17 gennaio 2014
    Impiego degli pneumatici invernali.
    Sono pervenute segnalazioni in merito all’uso degli pneumatici invernali in relazione al loro impiego stagionale e
    all’indice di velocità consentito.
    Come è noto con l’entrata in vigore della direttiva del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2013
    (1) il periodo interessato dall’obbligo degli pneumatici invernali è quello ricompreso tra il 15 novembre e il 15 aprile.
    Vengono rappresentate difficoltà da parte di cittadini e associazioni per quanto riguarda l’approssimarsi delle suddette
    date in quanto tale obbligo provocherebbe il congestionamento presso gli operatori del settore per soddisfare la richiesta del
    montaggio di pneumatici invernali.
    Al fine di evitare difficoltà al settore si ritiene opportuno consentire l’uso, in riferimento alla penultima linea delle
    conclusioni della circolare 104/95 del 31/5/1995 (2), di pneumatici invernali (contraddistinti dalle marcature aggiuntive M+S,
    MS, M-S ovvero M&S), nel periodo compreso tra il 15 ottobre e il 15 maggio,anche con indice di velocità Q, fatto salvo
    quanto stabilito dalla direttiva del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e dal punto 6 della circolare 104/95 (2).
    Si precisa infine che l’uso degli pneumatici invernali consentiti e cioè quelli con i parametri riportati sulla carta di
    circolazione ivi compreso l’indice di velocità non ha restrizioni di carattere temporale e che pertanto essi possono essere
    usati durante tutti i mesi dell’anno solare.
    Vedasi “banca dati ITER” pag. 068692.
    Vedasi “la motorizzazione 1995” pag. 95367 o “le revisioni dei veicoli” pag. 1995.05/149.
    NOTE Per evitare il congestionamento degli operatori che si occupano di montaggio di pneumatici è consentito
    l’uso di pneumatici invernali (contraddistinti dalle marcature MS, M-S e M&S) nel periodo compreso tra il 15
    Ottobre e il 15 Maggio anche con codice di velocità “Q”, nel rispetto comunque delle altre prescrizioni in materia.
    Resta inteso che l’uso di pneumatici con parametri riportati sulla carta di circolazione (compreso l’indice di
    velocità) è ammesso durante tutti i mesi dell’anno solare.
    Resta invariato il periodo tra il 15 Novembre e il 15 Aprile dell’uso obbligatorio, in alternativa alle catene, a
    seguito ordinanza dell’Ente proprietario della strada.

  6. Paese di buffoni” Italia”, leggi su leggi….. non sanno piu’ dove vendere le notizie, creano un terrorismo mediatico pauroso…. rischio di multa per gli pneumatici non in codice… e poi non controllano le gomme lisce, oppure quelle datate magari di 10/15 anni che sono pericolose….altro che il codice inferiore…

  7. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con la circolare n. 1049 del 17 gennaio 2014 ha autorizzato la libera circolazione delle autovetture anche con pneumatici da neve per tutto l’anno.

  8. È assurdo, percorro più volte i passi dolomitici in estate, trovando alcune volte neve (anche in luglio e agosto) specialmente la mattina presto, dovrei avere catene per gomme estive che generalmente sono più grandi. Queste leggi sono fatte da persone che non conoscono la montagna. Poi entrando nel merito, se il limite massimo di velocità è di 130 km perché devo avere pneumatici omologati per 180 km o più?

  9. Si divertono a buttar giù notizie per poi smentirle il giorno dopo. (GRAZIE INFORMATORI). È si, questo è un serio lavoro, non c’è miglior modo per essere ben pagati per far letame!

  10. Come al solito ci racciamo delle figure da burattinai verso l’estero. Ormai ci siamo rassegnati a farci deridere da tutti.

  11. (NHP …non ho parole) Solo queste! Parametri riportati sulla Carta di Circolazione! Quando sono stato dal “mio” gommista di fiducia per ben due volte (…) La marea di gente che faceva sostituire gli pneumatici … Non hanno presentato (nessuno) la CdC. Non credo che il gommista, benchè esperto, conosca a memoria tutti i parametri? … 🙂 Mio figlio ha un treno di gomme Quattro Stagioni, sulla sua auto. Come la si mette? (viaggia tutto l’anno, per lavoro, di qua e di là per la Lombardia e l’ Italia! …) Qui mi fermo. Altrimenti da nessun commento: scrivo un poema. 🙂

  12. Poi lo credo bene che la gente scende in piazza e devasta tutto quello che trova, prendete un padre di famiglia che per una stupidaggine simile gli viene fatta una multa per la quale deve lavorare un mese e mezzo, purtroppo ripeto lo credo bene che.

  13. Che strana notizia….Ma avete fatto caso chi è la fonte? ASSOGOMMA e FEDERPNEUS, non proprio fonti super partes!!! La notizia sarebbe risultata più corretta e meno “di parte” se la fonte fosse stato il Ministero degli Interni (polizia stradale) oppure il Ministero dei Trasporti. Esiste una legge, dal 1992, che é l’art. 78 del codice della strada, che è molto chiara! Il resto sono chiacchiere fuorvianti a sfondo commerciale.

  14. ..per queste ed altre 1000 cose, purtroppo siamo in italia, un paese ridicolo. Per i nostri legislatori e i loro favoritismi imprenditoriali (Pirelli e affini), adesso succedono incidenti stradali perchè si montano gomme con il codice inferiore di velocità. Infatti d’inverno nelle strade alpine si vedono spesso macchine sfrecciare a 170-180 Km/h con la neve !! Ma neanche le Lamborghini e Ferrari che vanno a Cortina! A proposito, quelle per risparmiare mettono le catene! Ahahahahah

  15. Quando intervenimmo a contestare una normativa che rischiava solo di complicare la vita a coloro che si muovono sulle nostre strade fummo indicati come i “soliti criticoni”. Oggi si fanno polemiche sul testo di una circolare che, se letta bene, evita ogni dubbio. Piano dunque con le definizioni, prima impariamo a leggere e a capire, e se non riusciamo, (non perché siamo duri di comprendonio ma perché talvolta leggi e circolari sono poco comprensibili) facciamocelo spiegare da chi ha le conoscenze adeguate.

  16. Oggi ho scoperto che le tanto decantate gomme che ho sulla mia Peugeot 2008 comprata a gennaio non sono stagionali ma solo invernali. Alla stipula del contratto il venditore mi ha detto che mi avrebbe dato le stagionali e io come un allocco gli ho creduto. Adesso, alle porte dell’estate, eccomi con gomme che a mio avviso andrebbero cambiate. Cosa che naturalmente non farei se qualcuno mi convincesse che posso andare in giro tranquillamente con le invernali senza essere costretto a buttarle tra 6 mesi…

    • Certo che puoi circolare estate e inverno (io stesso lo faccio) ma per essere in regola devi controllare che il codice velocità sia pari o superiore a quello indicato sulla tua carta di circolazione

  17. Salve, dato che attualmente sto utilizzando gomme invernali e sentendo alcuni gommisti chi ti dice di cambiare chi no, volevo essere un po più informato sulla mia misura di gomme 175/65/r14 8 sulla gomma invece sul libretto c’è scritto 175/65 r14 82t che devo fare?

  18. Caro ministro Lupi, fatta la legge fatto l’inganno, viaggeremo tutti con gomme normali e ci portiamo dietro le catene da neve. Ministro Lupi, cerca di fare le cose serie e non prendere per i fondelli le persone. Come tutti al governo siete schiavi delle lobby. Vergognatevi. Sempre a 130 max dobbiamo andare e poco importa ciò che vi è scritto sulla carta di circolazione se quello è il limite. Allora perché visto il limite di velocità esistente perchè non viene montato sulle vetture il limitatore di velocità come nei veicoli pesanti???

  19. …ma quale sarà il ministro che ha di proprietà o associato o parenti che hanno fabbriche di pneumatici o simili aziende? …il tempo ce lo dirà quando Report o le Jene lo scopriranno…

  20. Perchè vi impiccate tanto il cervello? Se sulla carta di circolazione del veicolo fosse scritto, esempio, pneumatici 195-65-R15 82H e sono montate gomme 195-65-R15 82H M+S invernali non esiste nessun problema, si può viaggiare tutto l’anno senza nessuna distinzione di periodo di date. Legge ben chiara. Il codice 82H indica la capacità di peso che supporta la gomma e la velocità massima fino alla quale è valida. A mio parere questo codice va rispettato sempre e non si devono mai montare gomme che non lo rispettano, ne va dell’incolumità di tutti, sia di chi occupa il veicolo sia di tutti gli altri utenti della strada, perchè se scoppia una o più gomme per motivo di mancata resistenza al peso o non adatte alla velocità del veicolo sono a rischio tutti gli utenti della strada compresi i pedoni sul marciapiede o vicini comunque alla circolazione. Esiste il limite dei 130 km orari di velocità massima in Italia ma non in tutti i paesi, esistono tante contravvenzioni per eccesso di velocità. Quindi solo gomme giuste e non esistono problemi per nessuno, poi se sono estive, per tutte le stagioni o invernali possono essere usate tutto l’anno. Catene sempre a bordo, non si perdono e possono essere utili anche in estate per uscire da possibili strade rotte e fangose impreviste. A mio parere chi guida veicoli con gomme non giuste ed apparati frenanti non a posto andrebbe non solo multato ma anche penalizzato della sospensione temporanea della patente, perchè sarebbe a rischio l’incolumità di tutti. Pensate di poter perdere la vita o avere un altro pesante problema fisico per colpa di qualcuno che esce di strada dopo lo scoppio o mancata aderenza delle gomme o non sufficiente efficacia dei freni, credete che potranno essere sufficienti dei soldi e delle scuse per farvi tornare come prima? Non cerchiamo scusanti, gomme giuste e freni in ordine, sono cose essenziali che diminuiscono problemi a tutti. Altrimenti schiaffi pesanti. Se tutti fossimo precisi staremmo meglio noi stessi e tutta la società. Se tutta la manutenzione del veicolo costa molto, troppo per le tasche dell’utente, lo stesso dovrebbe dimensionare il veicolo che usa proporzionalmente alle sue possibilità, cosa sempre più rara incentivata dal fatto del costo dell’usato, veicoli pesanti in tutto, usati, vengono venduti a cifre più favorevoli di quanto invece avviene per piccole utilitarie, legge del mercato, poi cambiare le gomme o revisionare i freni sulle macchine pesanti costa quanto cambiare tutto un veicolo utilitario, tanto che, se troppo oneroso per il possessore, si tira nel tempo e cresce il pericolo per tutti. NO! Serve correttezza e va fatta rispettare.

  21. Io sul libretto ho il codice 91V e le gomme da neve 81H che vorrei tenere ancora un po perché non vanno bene per il prossimo inverno. Sapete dirmi se posso???

  22. Rimango sempre più stupito delle assurdità legislative del nostro paese.
    Premesso che:
    1) il provvedimento in oggetto “sembra” atto a favorire la lobby dei produttori di pneumatici e dei gommisti senza nessun giustificato e oggettivo (per vari motivi) riferimento alla sicurezza.
    2) la normativa fa riferimento a pneumatici invernali quando essa stessa non identifica correttamente quello che è effettivamente uno pneumatico invernale, poiché l’unica sigla riconosciuta dalla legge è la m+s che non necessariamente identifica uno pneumatico prettamente invernale.
    Vengono praticamente messi fuori legge nel periodo 15 maggio / 15 ottobre la maggior parte dei fuoristrada che per la natura stessa del mezzo debbono (in questo caso per oggettivi motivi di sicurezza ) dotarsi di pneumatici cosiddetti “mud” o tassellati (generalmente detti da fango) che (ATTENZIONE A QUESTO DETTAGLIO) nel 95% dei casi hanno un indice di velocità Q.
    Tranne per alcuni fuoristrada tipo defender che hanno indice Q da libretto, tutti gli altri saranno praticamente impossibilitati ad utilizzare pneumatici idonei all’uso per il quale il mezzo è stato concepito.

    Oltre ovviamente a ribadire che comunque la velocità massima consentita è al massimo di 130, vorrei far notare che molti fuoristrada in dotazione a forestale, polizia, carabinieri, protezione civile, soccorso alpino ecc. che non di rado montano pneumatici tassellati, risulteranno praticamente fuorilegge…

  23. Secondo me come al solito in Italia, tanto casino per nulla, casino che i gommisti sono i primi a creare visto che io personalmente ne ho interpellati due mentre cercavo una gomma e precisando con entrambi che, come riportato sul mio libretto, posso montare coperture m+s con indice H, tutti e due mi hanno smentito anche con una certa supponenza sostenendo che erano sicurissim che io potessi montare un indice di carico o superiore perchè nel mio libretto nella citata gomma estiva questo era l’indice e quella m+s nonostante fosse indicata in H valeva solo per l’inverno… Ma io dico, capisco la malafede ma avere l’umiltà di leggersi una legge e capire cosa ci sia scritto non dovrebbe essere appanaggio di letterati… Scusate ma viviamo in un Paese dove essere “capra” è una virtù… Quindi signori, come sostenuto da Astolfo in un commento precedente, leggetevi la legge cercando di capirla e con il vostro libretto alla mano valutate se siete in regola o meno, al limite prendete la stessa legge, andate in un comando dei vigili e pretendete che ve la traducano… Lasciate perdere tutti i commenti di chi per sentito dire sostiene verità universali ed è sicuro al 100% del proprio verbo… Altro che gomme invernali illegali….

  24. Infatti, la mia auto va massimo a 210 e devo rimontare gli pneumatici estivi che sono omologati per questa velocità, ma chi ci va a 210? I pneumatici invernali consentono velocità ridotte a 180, ma chi ci va ? IL LIMITE È 130!!!!

  25. Buongiorno a tutti,
    nel mio libretto di circolazione sono indicati ben 3 tipi i di pneumatico, ovvero:
    235/40 R18 95V
    235/45 R17 94V
    205/50 R17 93H M+S

    Attualmente monto pneumatici invernali
    235/45 R17 94H M+S

    Secondo voi posso tenerli d’estate facendo affidamento sul fatto che il codice di velocità H è previsto dalla CDC? Oppure no perché non è associato alla giusta misura??
    Ringrazio anticipatamente chiunque volesse rispondermi.
    Buona estate a tutti,
    renato@greentel.it

  26. @ Renato: Il codice della strada impone rigidamente il montaggio di pneumatici con codifica a libretto o di codici superiori. Un solerte agente o, peggio, un perito assicurativo, potrebbe contestare il Suo attuale treno di gomme sia in inverno che in estate.
    Probabilmente il codice “H” delle gomme “M+S” ufficializza a libretto la possibilità in inverno di montare pneumatici con codice inferiore di una lettera rispetto agli estivi.

  27. Presto dovremo andare dal gommista anche per cambiare le suole delle scarpe e i gommini delle sedie, intanto Dell’Utri è libero di andare in Libano a farsi curare da qualche sciamano, Berlusconi di fare ancora politica ecc. ecc. Vaffan…. Italia

  28. Ho una Audi allroad 2.5 TDI (vel max circa 200 kmh); pneumatici precisti sul libretto: 225/55 R17 97W e 215/65 R16 98T m+s.
    Avevo montato in dicembre delle allseason/termiche 225/55 R17 101V m+s (nessun produttore costruisce termiche in W) pensando di poterle usare tutto l’anno anche perchè il cod. V (240 kmh) è esuberante per la mia auto, oltre al fatto che per i cerchi da 16′ il libretto prevede addirittura “T” (190 kmh).
    Poichè il gommista mi diceva che non era in regola d’estate, non convinto ho scritto anche al ministero dei trasporti ed alla dir. gen. motorizzazone civile che mi ha risposto “picche” in perfetto STILE BUROCRATICO INUTILE E DANNOSO.
    Il problema in Italia paradossalmente sono proprio le “regole” per come vengono applicate in modo assurdo: se avessi dei cerchi da 16′ potrei utilizzare anche in Sicilia gomme termiche d’estate per 190 kmh – con i cerchi da 17′ non vanno bene quelli omologati per 240kmh.
    Oggi ho cambiato le gomme………………in W

  29. Soltanto nella Repubblica di Beozia (Italia) si fa questo ammasso di regole e controregole, multe e condoni. Se il limite massimo di velocità consentita è di 130 Km orari, il cui superamento è certificato dai vari autovelox ed altri aggeggi similari e comporta multe salatissime, ritiro patente ecc., superando anche il limite consentito dai pneumatici M+S invernali (ben superiore ai 130 Km.orari), potrebbero applicarsi altre sanzioni sia amministrative che corporali: fustigazione, gogna ecc.ecc., nonchè la confisca di tutti i beni per rimpinguare le casse dello stato.

  30. Sicuramente una legge c’è, ma il fattore di velocità solitamente corrisponde a quelle estive a parte se avete un autovettura con un alto indice di velocità allora cambiate auto se non potete permettervi di cambiare gomme.

  31. Io ho una Alfa 159, non ho mai superato i 150 km orari, l’auto dovrebbe raggiungere (dati del costruttore) 210 km/h, sarebbero bastati pneumatici con sigla H fino a 210 km/h oppure V fino a 240 km/h, invece sul libretto per un incomprensibile ragione è segnata W, cioè fino 270 Km/h !!!
    In pratica non posso montare gomme 4 stagioni M+S per tutto l’anno, perchè non esistono termiche con sigla W.
    Possibile che non posso montare termiche con sigla V fino a 240km/h?
    A questo punto ho scelto gomme estive per tutto l’anno e mi porto dietro le catene d’inverno, anche se lo ritengo meno pratico e sicuro.

  32. Scusate, ma dovremmo chiedere a chi fa queste leggi se si ricorda quel’e il limite di velocità in Italia e a cosa servono i pneumatici dalla h in poi…

  33. La notizia è arrivata anche in Germania e ha destato un po’ di scalpore. Che le gomme debbano essere idonee alla vettura non ci piove, ma fa specie che associazioni di gommisti tengano “corsi” alla Polizia stradale. I commenti di molti Tedeschi sono stati del tipo “Basta farsi freegare, quest’ anno andiamo in Croazia o in Austria”. Se fosse successa una cosa del genere in Germania (venditori di gomme che “istruiscono” i poliziotti cioè un mostruoso conflitto di interessi…) avrebbero segato tutti i funzionari che han dato l’ ok. Da notare come queste furbate poi danneggino tutti con la cattiva pubblicità e gente che non viene in Italia per paura di multe…Notizia riportata anche da Autobild e altri. Ansa ha risposto con un articolo che difendeva a spada tratta i gommisti (credevo l’ Ansa fosse rimasta una cosa seria….) con le solite metafore calcistiche, veramente un articolo di m.a
    Se i gommisti facessero il loro lavoro e le forze dell’ ordine pure non succederebbe niente. Invece i primi fanno i corsi a quelli che dovrebbero essere super partes.
    Da parte mia vi consiglio di comprare in internet e farvi montare le gomme. Le gomme sono pure più nuove perchè i grossisti hanno più smercio. Concordate prima il prezzo di montaggio o affidatevi a un gommista convenzionato col sito.
    Questi han già spennato abbastanza gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *