Le donne al volante dei Tir sono poche: le camioniste vogliono le quote rosa

In Europa sono solamente l’1 per cento. Di donne che guidano i Tir ce ne sono veramente poche, ma nel settore dell’autotrasporto il futuro potrebbe essere rosa. Almeno negli Stati Uniti dove nel 2007 è nata l’associazione Women in trucking con l’obiettivo di rendere il mondo dei camion accessibile anche alle donne. I risultati non si sono fatti attendere, visto che l’associazione guidata da Ellen Voie ha ricevuto anche un’onorificenza dalla Casa Bianca. 

Come spiega Corriere.it, l’obiettivo di Women in Trucking è “incoraggiare le donne a cercare impiego nel settore e viceversa, aiutare le aziende a trovare candidate. In poche parole, parità fra i sessi nei servizi e nelle opportunità offerte per e dal settore”. Praticamente delle quote rosa. L’organizzazione ha attualmente migliaia di iscritte e sta portando avanti una imponente campagna di informazione in scuole, agenzie governative e aziende di trasporto per far crescere le quote rosa. “In questo modo”, spiega Giulia Cimpanelli sul Corriere (clicca qui per leggere l’articolo completo), “la presenza femminile nel settore crescerebbe velocemente del 10%, per soddisfare quella domanda che non si riesce a soddisfare. Grazie all’elettronica e a sistemi sempre più evoluti, infatti, i mezzi pesanti possono essere guidati da chiunque, purché abbia un minimo di esperienza”. Qualcosa si muove anche in Europa. In Svezia, ricorda il Corriere, “la Volvo organizza i «Ladies Days», per iniziare donne e ragazze alla professione della guida di Tir”, mentre in Italia le donne al volante si sono riunite nel Lady Truck Driver team (clicca qui).
Non saranno tutte come la splendida Janina Martig, la camionista più sexy del mondo (clicca qui), ma sicuramente la presenza di più donne al volante dei Tir sarebbe apprezzata da molti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Le donne al volante dei Tir sono poche: le camioniste vogliono le quote rosa

  1. Avanti di questo passa fra un po’ non ci saranno ne quote rosa ne quote azzurre, i camionisti resteranno tutti a piedi e senza lavoro… Muoviamoci, prima che sia davvero troppo tardi!

  2. Condivido pienamente la necessità di incentivare le donne ad intraprendere l’attività di guida dei mezzi pesanti e sono anche sicuro che potrebbero farlo con ottimi risultati. Il problema, a mio avviso, è un altro: con le attuali disposizoni sul conseguimento della patente C + E e soprattutto della CQC (140 / 280 ore di corso obbligatorio e il superamento di esami difficili), i costi e i tempi per ottenere dette abilitazioni, sono i giovani (di qualunque sesso) a non voler minimamente provare a fare l’autista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *