Giovedì 1° marzo lo sciopero dei trasporti: resteranno fermi bus, tram, metro e treni

Si fermeranno bus, tram, metro, treni e autisti di Tir. Partiranno in ritardo navi e traghetti. Sono questi alcuni dei disagi previsti per giovedì 1° marzo, quando è in programma lo sciopero generale di quattro ore dei trasporti. L’unico settore escluso dallo stop è il trasporto aereo. Salve dalla protesta solo la città di Firenze e la regione Sardegna. Lo sciopero è stato proclamato unitariamente dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti per denunciare “la grave condizione” dei trasporti nel Paese “aggravata dalle decisioni del governo”, tra l’altro anche con la cancellazione della previsione del contratto nazionale di settore per le imprese ferroviarie, e per chiedere all’esecutivo di aprire un confronto di merito. Continua a leggere

Sistri rinviato per la settima volta, il sistema partirà il 30 giugno 2012?

Altro rinvio per il Sistri, il tanto contestato sistema di tracciabilità dei rifiuti che avrebbe dovuto partire ufficialmente lunedì 2 aprile. Sul supplemento ordinario della Gazzetta Ufficiale del 27 febbraio è stata infatti pubblicata la legge 24 febbraio 2012, n. 14, che, nel convertire definitivamente il decreto legge milleproroghe, rinvia a sabato 30 giugno 2012 la data di entrata in vigore del Sistri. Continua a leggere

Trovato carbonizzato Massimo Dolciami autotrasportatore presidente dell’Asstri

Il cadavere di Massimo Dolciami, 56 anni, titolare di una nota ditta di autotrasporti di Tavernelle e già presidente dell’Asstri, l’associazione delle imprese di smaltimento e stoccaggio di trasporti urbani, è stato trovato carbonizzato accanto alla sua Audi A6, anch’essa completamente carbonizzata, a Montebuono di Agello, frazione di Magione. Continua a leggere

Mezzi ecologici, per chi passa al metano o al Gpl incentivi fino a 1.000 euro

Dal 1° marzo saranno nuovamente attivi gli incentivi per l’installazione di impianti a metano o a Gpl per le autovetture private di proprietà dei cittadini residenti negli oltre 630 Comuni italiani aderenti alla convenzione Icbi (Iniziativa carburanti a basso impatto), tra cui Roma, Milano e Napoli. “L’iniziativa”, spiega proprio l’assessorato alla Mobilità del Comune di Napoli, “si integra nei progetti del Comune che favoriscono la diffusione di carburanti a basso impatto ambientale, la riduzione del traffico e dell’inquinamento nelle città, obiettivi da raggiungere attraverso un maggiore controllo dell’accesso delle auto ai centri urbani e con la diffusione di veicoli a basse emissioni in sostituzione di quelli circolanti di vecchia immatricolazione”. Continua a leggere

Tasse sulle barche, si cambia: imposta sul possesso e non sullo stazionamento

Cambiano le tasse sulle barche. Come si legge su mareonline.it è stata approvata in commissione durante l’esame sul decreto legge sulla liberalizzazione una modifica nata per “evitare la fuga dai nostri porti”, come ha spiegato la relatrice Simona Vicari. In pratica la tassa non è più un’imposta sullo stazionamento ma sul possesso.  Continua a leggere

In Italia la benzina più costosa d’Europa. Il gasolio è più caro solo in Gran Bretagna

È l’Italia il Paese Ue dove il prezzo medio della benzina alla pompa è il più alto d’Europa. È quanto emerge dalla tabella pubblicata martedì dalla Commissione europea con la rilevazione dei prezzi dei carburanti al 20 febbraio scorso. L’Italia guida la classifica europea con un costo della benzina di 1,752 euro al litro contro 1,736 euro dell’Olanda e 1,727 euro della Danimarca. Il costo medio di un litro di benzina nell’Ue è di 1,605 euro nell’Ue e di 1,637 euro nella media dei 17 Paesi dell’eurozona. Non va molto meglio per chi usa il diesel. L’Italia è infatti seconda in classifica nell’Ue per quanto riguarda il costo del gasolio per autotrazione. Il prezzo medio alla pompa rilevato il 20 febbraio scorso nella Penisola è stato infatti di 1,702 euro per litro contro 1,711 euro della Gran Bretagna. Continua a leggere

Tragedia in Toscana, camionista muore sbranato da un branco di cani

Vito Guastella, un camionista di 50 anni della Marco Polo Autotrasporti di Alcamo (Trapani), è morto martedì mattina sbranato da un branco di otto cani. L’autotrasportatore si trovava nel piazzale di una ditta di Biscottino, una frazione di Collesalvetti, al confine tra le province di Livorno e Pisa. L’uomo aveva chiesto di poter parcheggiare il rimorchio nel piazzale della ditta Di Leo, di Alcamo come il camionista, per non lasciare il carico incustodito in qualche parcheggio del porto. Secondo quanto riporta l’Ansa, l’autotrasportatore poco prima delle 8 del mattino stava agganciando il rimorchio e mentre collegava dei cavi è stato attaccato dai cani, soprattutto alle gambe, ridotte fin quasi alle ossa. Continua a leggere

Infrastrutture e trasporti, per lo sviluppo del Congo ci sono le aziende italiane

“L’Italia guarda con grande interesse allo sviluppo infrastrutturale e alla modernizzazione in atto nella Repubblica del Congo, anche alla luce dei rapporti di collaborazione nei settori economico e industriale. Le società italiane, all’avanguardia nel settore delle infrastrutture e dei trasporti, sono incoraggiate a favorire uno scambio di competenze tecniche e di esperienze, che consentano al Congo di trarre un beneficio aggiuntivo dalla collaborazione con il nostro Paese”. Lo ha dichiarato il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Mario Ciaccia, dopo la firma di un memorandum d’Intesa tra Italia e Congo per lo sviluppo di un partenariato strategico nel settore delle infrastrutture e dei trasporti. Continua a leggere

Sognate spesso di essere al volante? Il modo in cui guidate indica come siete

Il portale comunicati.net pubblica una interessante spiegazione delle frequenti visioni oniriche che riguardano il guidare. Secondo il portale, anche i bambini, ancora ben lontani dalla patente, sognano infatti di non riuscire a guidare un’auto e per questo sono spaventati dall’incontrollabilità del mezzo. Nei sogni è frequentissimo sognare di guidare perché si tratta di una metafora del proprio modo di muoversi nel mondo, di agire rispetto alle altre persone. Continua a leggere

Carburanti alle stelle, il prezzo del pieno di benzina ha superato quello della spesa

Ebbene sì, oggi spendiamo più per la benzina che per la spesa di generi alimentari. Il sorpasso è stato analizzato in uno studio della Coldiretti. Attenzione, non stiamo parlando di chi viaggia per professione, come rappresentanti o agenti di commercio, ma di famiglie “normali” quelle da un pieno a settimana. Il prezzo del pieno per una automobile media (50 litri) ha superato i 90 euro per effetto dell’aumento del prezzo della benzina del 17,4 per cento in un anno e la situazione è ancora più pesante per il gasolio destinato all’autotrasporto che è rincarato del 25,2 per cento, con il costo familiare per trasporti, combustibili ed energia elettrica che ha superato quello per alimenti e bevande.  Continua a leggere